antonietta
| Categoria Notizie Distillati, Liquori | 1419 letture

Nasce TheBitterNote®: un amaro, sette note aromatiche, zero alcol

Amaro Analcolico Aromatiche Thebitternote Mixology Alcol Miscelazione Note Zero Bartender Amaro Sette

Zero Miscelazione Thebitternote Aromatiche Sette Bartender Note Alcol Amaro Analcolico Mixology Amaro

Pre- o after-dinner. Liscio, on-the-rocks. Nelle sette note aromatiche di TheBitterNote®, tutta l’intensità di un grande classico: l’amaro d’erbe italiano. In un’inedita versione analcolica.

 

 

UN’ICONA SENZA TEMPO

Liscio o con ghiaccio, l’amaro continua a essere un best seller nei banconi dei bar come pre-dinner o after-dinner. Non c’è famiglia che non ne abbia una bottiglia in casa. Ha migliaia di ricette e secoli di storia alle spalle. Nasce dalle tecniche alchemiche di lavorazione di erbe e spezie, diventa prodotto  dell’arte fitoterapica di monaci e farmacisti e, a partire dalla metà dell’’800, diventa un piacere voluttuario che conquista i salotti aristocratici e gli avventori dei caffè.

 

MAJOR TREND DEL 2019: DAL CALO DEI CONSUMI DEGLI ALCOLICI AL RITORNO DEGLI AMARI

Wellness, sobrietà e paura delle conseguenze di un eventuale consumo oltre il limite stabilito: sono queste le motivazioni di base che favoriscono il fiorire di cocktail ‘light’ o analcolici. Il dato di fatto: oggi, in Italia, si beve con più moderazione. Negli ultimi trent’anni il consumo di alcolici è calato del 45%. Ma se da un lato si assiste ad un drastico  calo delle vendite degli spiriti, gli amari resistono. Piacciono agli estimatori, vanno forte all’estero, creano nuovi trend. Il business tiene: Un mercato mondiale che vale 198 milioni di litri, per lo più prodotti in Europa dove si consumano 121 milioni di litri di amaro. Un mercato di quasi 2 miliardi di euro.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

AMAROMANIA: IL GRANDE RITORNO DELL’AMARO NELLA MIXOLOGY

I cocktail a base di amari o bitter si stanno facendo strada nelle drink-list dei bar più alla moda, da New York a Londra, da Singapore a Sydney”. Ce lo conferma il bartender di fama internazionale Aristotelis Papadopoulos, uno dei maggiori esperti mondiali del bere miscelato. “TheBitterNote® può veramente essere considerato uno dei prodotti del futuro. Ottimo da solo, con un gusto dolce e amaro al tempo stesso, è perfetto per la virgin mixology, con un corpo aromatico strutturato ed una sorprendente varietà di fragranze e profumi tipicamente miscelazione. Grazie al carattere equilibrato di sapori, TheBitterNote® può “irrobustire” centinaia di drink analcolici, finora limitati all’utilizzo di basi di soft drink, frutta e ghiaccio. Ma  sto sperimentando  anche preparazioni culinarie e marinature, dove  il gusto  amaro viene bilanciato ed esaltato per donare complessità alle ricette”.

 

 

UN BLEND UNICO, DA GUSTARE IN TANTI MODI DIVERSI

TheBitterNote® ha il sapore di un amaro-amaro. Un sapore corposo, avvolgente. Di colore scuro, con toni ambrati. Al palato colpisce per la morbidezza del sorso, caratterizzato da un profilo ricco, dolce-amaro e gradevolmente aromatico.

La ricetta combina 4 diversi processi di lavorazione dei botanicals, per creare un gradevole equilibrio di sapori. Alla base di decotto di foglie di carciofo e piante officinali, si sposa l’estratto di Terriaca Veneta, che con il macerato di Legno di Quassio e l’infuso di ben 36 radici e spezie crea un connubio unico ed equilibrato di note aromatiche. Finalmente l’amaro diventa accessibile anche per chi sceglie un drink analcolico. Ma senza scendere mai a compromessi nel gusto.

 

+info: www.thebitternote.com
mail@thebitternote.com
Facebook
Instagram

+ COMMENTI (0)

Gosling Rum - Distribuito da Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Aromatiche Mixology Alcol Sette Amaro Analcolico Miscelazione Bartender Amaro Zero Thebitternote Note

ABI Professional Associazione Barmen Italiani

ARTICOLI COLLEGATI:

Ti’Punch Cup 2020 è tornata: è tempo di registrazioni!

19/05/2019 - La fase di reclutamento per Ti'Punch Cup 2020 è iniziata. Da questo momento in poi e fino ad agosto i baristi professionisti provenienti dall'Italia e da altri 27 Paesi i...

Sulle tracce del Conte 2.0: la FCW19 celebra il centenario del Negroni con 12 succose new entries

17/05/2019 - Trenta twist sul "Negroni", proprio nell'anno del suo 100° compleanno. L'idea di Paola Mencarelli e Lorenzo Nigro, organizzatori della "Florence Cocktail Week", non potev...

Fabbri 1905 premia Cristina Bini con la fascia di Best Barlady

17/05/2019 - Si chiama Cristina Bini, è la resident-barlady del Gurdulù, a due passi dalla Basilica di Santo Spirito, e si è rivelata la miglior donna dietro il bancone della Florence...

God Save The Negroni: l’omaggio anni ’80 al drink centenario

17/05/2019 - Cent'anni di passione e tradizione, ogni sorso è un classico, ogni nuova idea la conferma della freschezza di un drink immortale. Il Negroni continua a mietere celebrazio...

Guida al Whiskey Sour: i sei consigli per goderselo al meglio

16/05/2019 - La prima apparizione ufficiale del Whiskey Sour nella letteratura dedicata, risale al 1862, alla Bibbia di Jerry Thomas "How to mix drinks". Al giorno d'oggi è sicurament...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

dieci + 8 =