Pinterest LinkedIn

Otello Rosé di Cantine Ceci conquista il Regno Unito e si aggiudica l’Oro come bollicine rosé italiane più buone del mondo, all’International Wine Challenge. Una giuria composta da produttori, tecnici, distributori e buyer guidata da sei leader di settore ha assegnato il titolo iridato al Lambrusco parmense. Otello Rosé di Cantine Ceci conquista il Regno Unito e si aggiudica l’Oro come bollicine rosé italiane più buone del mondo,. Un intero podio quello attribuito alle Cantine Ceci nella più prestigiosa competizione enologica internazionale, con ben sette riconoscimenti assegnati dalla severa giuria composta da produttori, tecnici, distributori e buyer e guidata da sei leader di settore.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

I vini dell’azienda parmense hanno davvero conquistato i giudici che hanno assegnato oltre alla Medaglia d’Oro a Otello Rosé, la Medaglia d’Argento a Terre Verdiane Lambrusco Amabile, la Medaglia di Bronzo a Otello Nero di Lambrusco e Terre Verdiane Lambrusco, e la Menzione a Desdemona, Otellon’Ice Rosso e Otellon’Ice Silver. “La vittoria del nostro Otello Rosé – afferma Alessandro Ceci – è la dimostrazione che gli spumanti italiani stanno finalmente avendo una rivalsa a livello internazionale”. Fortissima infatti la concorrenza all’IWC con migliaia di etichette in concorso da tutto il mondo, e soprattutto dalla Francia, patria delle bollicine per tradizione. Un 2013 molto promettente per le Cantine Ceci e soprattutto per il loro amato Rosé che sta ottenendo un successo dietro l’altro sia in Italia che all’estero. Oltre infatti all’Oro dell’IWC, Otello Rosé è stato anche decretato “Sparkling Star” nel concorso promosso da Vini Buoni d’Italia. www.lambrusco.it

 INFOFLASH STORICO SU CANTINE CECI

 Era il 1938 quando Otello Ceci, famoso oste della nebbiosa bassa parmense si accorse che nella sua piccola trattoria oltre a degustare ottimi culatelli e salami, la gente “impazziva” per lo scurissimo lambrusco servito nelle scodelle. Anno dopo anno, quel meraviglioso rito della pigiatura ad ottobre è divenuto il “mestiere” suo e dei suoi figli, tanto che i quasi 400 migliori viticultori della zona facevano a gara per vendergli il meglio del loro raccolto. Negli anni ’90 entrano le nuove forze, gli attuali nipoti e pronipoti, e da lì nascono prodotti che nessuno aveva mai immaginato di realizzare, diventando in poco tempo una delle cantine di riferimento nel lambrusco di altissima qualità. In quegli anni infatti è nato il Lambrusco “Terre Verdiane” divenuto di fatto uno dei lambruschi più diffusi e apprezzati nella ristorazione italiana. Nel 2003, dopo anni di sperimentazioni in vigna, nasce “Otello Oro NerodiLambrusco”… una scommessa, perché un lambrusco davvero “estremo” di colore scurissimo, con profumo intenso di viola e di fragola, con una struttura morbida ma decisamente importante, in poco tempo prende la scena di tutti i mercati nazionali ed internazionali delle Guide dei Vini più importanti e della maggior parte degli opinion-leader. La profonda ricerca nell’innovazione pone la Cantina Ceci ai vertici della qualità e del packaging nel grandioso panorama enologico italiano.

 +INFO: stampa@lambrusco.itwww.lambrusco.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

1 + dieci =