Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Al via da oggi giovedì 16 aprile il servizio delivery diretto di Pizzium, con rider dedicati e gestiti direttamente dalla catena. Attivo il sito delivery.pizzium.com, dove è possibile ordinare la pizza a domicilio tramite i locali di Milano e Como.

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood.com
Annuario Birra Italia Birritalia beverfood.com

Disponibile il preordine, il pagamento online, ma soprattutto ad essere garantita la massima sicurezza sfruttando la rete di rider gestita direttamente dalla catena Pizzium. Questo nuovo sistema rafforza il servizio delle consegne a domicilio già attivo tramite Deliveroo, partner in esclusiva di Pizzium, per offrire alla clientela modalità più veloci e sicure ad un costo fisso di 3 euro. La consegna avverrà attraverso riders che lavorano in esclusiva per i punti vendita Pizzium  se  la  zona è coperta del servizio basta inserire l’indirizzo sul sito.

“Siamo consapevoli che il mondo della ristorazione è cambiato e che le nuove esigenze, alle quali stiamo facendo fronte nell’emergenza, perdureranno anche nei mesi a venire” -afferma Stefano Saturnino, AD di Pizzium- “ Ci siamo organizzati per migliorare il servizio garantendo maggiore sicurezza sia a livello di pagamenti, che a livello sanitario: favoriremo ordinazioni e transazioni online restando però a disposizione tramite un filo diretto tra cliente e locale, pronti a intervenire per qualsiasi problema”. 

Per Pizzium non si tratta di una vera e propria novità quello della consegna della pizza a casa durante questa emergenza Coronavirus, visto che sono stati tra i primi a crederci e puntare su questa modalità di lavoro. Scelta che a conti fatti sembrerebbe abbia pagato, come riportato in un articolo pubblicato su wine.pambianconews dal fondatore della catena l’imprenditore del food Stefano Saturnino, si parla di un caso Pizzium collegato al delivery, che nei giorni di lockdown è riuscito a tenere il fatturato di marzo al 50%.

Niente male per una vera e propria macchina sforza pizza di qualità, che nel 2020 aveva lanciato un piano ambizioso puntando ai 20 milioni di euro di fatturato con l’apertura di nuovi dieci locali, dopo aver chiuso nel 2019 i conti a 13,8 milioni di euro di ricavi con un 17% di ebitda nelle 17 pizzerie operanti nel centro-nord del paese. Nuove aperture confermate secondo Saturnino, ora la scommessa è quella della consegna a casa e poi si penserà a come affrontare la cosidetta fase 2 quando ci sarà.

Il nuovo servizio verrà esteso anche agli altri locali che fanno capo a Stefano Saturnino, Ilaria Puddu e Nanni Arbellini: Giolina, Gelsomina e Marghe.

INFO www.delivery.pizzium.com

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

diciassette + 9 =