Marco Emanuele Muraca
| Categoria Notizie Vino | 1630 letture

Previsioni Coldiretti: vendemmia 2018 a 46-47 milioni di ettolitri: +15% sul 2017

Mercato Vini Italia Vendemmia Ettolitri Coldiretti Previsioni

Coldiretti Mercato Vini Italia Vendemmia Ettolitri Previsioni

Al via la vendemmia in Italia che si prevede nel 2018 con una produzione complessivamente in aumento tra 10% e il 20% con circa 46/47 milioni di ettolitri rispetto ai 40 milioni dello scorso anno, che per la grave siccità è stata tra le più scarse dal dopoguerra. E’ quanto stima la Coldiretti in occasione in occasione del distacco del primo grappolo di uva nell’azienda agricola Faccoli in via Cava a Coccaglio, nella provincia di Brescia in Franciacorta che come tradizione inaugura l’inizio della raccolta lungo la Penisola con la vendemmia delle uve Pinot e Chardonnay per la produzione di spumanti, le prime ad essere raccolte.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

Un risultato praticamente in linea con la media dell’ultimo decennio che – sottolinea la Coldiretti – riapre però la tradizionale sfida per la leadership produttiva mondiale con un testa a testa tra Italia e Francia dopo il primato conquistato dal vino tricolore lo scorso anno. Secondo le prime stime di Agreste, il servizio statistico del Ministero dell’Agricoltura francese la produzione dei cugini d’oltralpe dovrebbe essere – riferisce la Coldiretti – di 46,8 milioni di ettolitri, il 27% in più dello scorso anno, anche se con preoccupazioni per muffe e marciumi in Languedoc e a Bordeaux.

La vendemmia del 2018 per effetto delle piogge che hanno caratterizzato la primavera e l’inizio dell’estate – continua la Coldiretti – si allunga con un ritardo di circa una settimana rispetto allo scorso anno. In Italia le condizioni attuali – sottolinea Coldiretti – fanno ben sperare per una annata di buona/ottima qualità anche se l’andamento della vendemmia dipenderà molto dal resto del mese di agosto e da quello di settembre. Da nord a sud della Penisola si parte tradizionalmente con le uve pinot e chardonnay in un percorso che – precisa la Coldiretti – prosegue a settembre ed ottobre con la raccolta delle grandi uve rosse autoctone Sangiovese, Montepulciano, Nebbiolo e che si conclude addirittura a novembre con le uve di Aglianico e Nerello.

La produzione tricolore secondo la Coldiretti sarà destinata per oltre il 70% dedicata a vini DOCG, DOC e IGT con 332 vini a denominazione di origine controllata (Doc), 73 vini a denominazione di origine controllata e garantita (Docg), e 118 vini a indicazione geografica tipica (Igt) riconosciuti in Italia e il restante 30 per cento per i vini da tavola. Sul territorio nazionale – spiega la Coldiretti – ci sono 504 varietà iscritte al registro viti contro le 278 dei cugini francesi a dimostrazione del ricco patrimonio di biodiversità su cui può contare l’Italia che vanta lungo tutta la Penisola la possibilità di offrire vini locali di altissima qualità grazie ad una tradizione millenaria.

La novità di quest’anno è il ritorno dei voucher in agricoltura dopo l’approvazione definitiva del D.L.Dignità che secondo la Coldiretti potrebbe assicurare 25mila posti di lavoro occasionali a studenti, disoccupati, cassintegrati e pensionati durante la vendemmia che è il settore in cui sono stati in passato impiegati quasi la metà dei voucher agricoli. Ora però – conclude Coldiretti – occorre fare prestissimo per adeguare la procedura Inps affinché le novità sui voucher tanto attese dalle imprese viticole siano immediatamente disponibili ed evitare che la burocrazia rallenti o addirittura vanifichi gli sforzi fatti dal Governo e dal Parlamento.

 

COLDIRETTI
06 4682487

relazioniesterne@coldiretti.it

+ COMMENTI (0)

Casta la Grappa per Alchimie

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Vendemmia Coldiretti Mercato Vini Italia Previsioni Ettolitri


ARTICOLI COLLEGATI:

Export, le vendite di spumante doppiano lo champagne

24/01/2018 - Con le esportazioni che hanno raggiunto il record di 360 milioni di litri nel 2017, le bottiglie di spumante italiano consumate all’estero sono risultate praticamente il ...

Ismea Uiv logo

UIV – ISMEA: L’Italia riconquista la leadership mondiale della PRODUZIONE VINICOLA con 47 mln di litri nel 2015

14/09/2015 - “Una produzione di vino a livello nazionale stimata attorno a 47 milioni di ettolitri, il 12% in più rispetto ai 42 milioni diffusi dall’Istat per il 2014 (lo scorso anno...

Cribis: il panorama completo del settore vitivinicolo italiano aggiornato al 2017

10/01/2019 - CRIBIS - società del Gruppo CRIF specializzata nella business information - traccia una fotografia delle imprese italiane del settore vitivinicolo. I dati sono estratti d...

Coldiretti: le prime 10 false notizie ricorrenti sul web sui prodotti alimentari

08/05/2017 - cibo​Dall’ananas dimagrante allo zucchero di canna che non fa ingrassare, dalla favola che le banane sono le più ricche di potassio al kamut spacciato per un varietà di c...

COLDIRETTI DENUNCIA L ‘ARANCIATA SENZA ARANCE – ASSOBIBE REPLICA: E’ UN FALSO ALLARME

31/03/2009 - L’arrivo delle bibite all’arancia senza arance è la pericolosa conseguenza di una deriva che ha già portato al via libera comunitario al vino “senza uva”, al formaggio pr...

EXPORT AGROALIMENTARE italiano primo semestre: aumento del 7%; verso il record annuo di 34 m.di €

15/08/2013 - L’aumento del 7 per cento delle esportazioni nel primo semestre del 2013 spinge l’agroalimentare verso il record storico di 34 miliardi fatturati all’estero durante l’ann...

CRISI: il ritorno degli italiani all’autoproduzione di conserve vegetali

04/09/2013 - Sono 9 milioni gli italiani che quest’anno al rientro dalle vacanze si mettono al lavoro tra pentole e vasetti nella preparazione di conserve fatte in casa per garantirsi...

Champagne: un’eccezionale vendemmia 2018

10/09/2018 - Precocità, qualità, quantità : la vendemmia che termina in Champagne è decisamente fuori dalla norma. Iniziata il 20 agosto nelle zone più precoci, la vendemmia 2018 è st...

Boom dell’EXPORT BIRRA ITALIANA: in 10 anni quadruplicati i valori

23/08/2016 - In dieci anni l’export di birra italiana all’estero è quadruplicato, raggiungendo nel 2015 il massimo storico per un valore di 183 milioni di euro con la “bionda” italian...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

undici − 5 =