Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Quanto è variegata l’Italia, lo abbiamo detto mille volte e mille volte ancora continueremmo a dirlo.
Risalendo il Tirreno c’è un tratto di Liguria, noto ancora oggi come Golfo dei Poeti per i tanti letterati che si innamorarono dei suoi posti, che ospita un angolo di bellezza: Lerici. Nell’intimità di questo borgo, l’alta ristorazione del Ristorante I Doria aumenta il fascino e appaga il piacere.

Arroccato sul mare, Lerici è un piccolo borgo che deve il suo nome al poeta inglese Lord Byron e ai coniugi Percy Bysshe Shelley e Mary Shelley – anche lui poeta e lei autrice– che vissero per un po’ qui. Ma la storia di questo incantevole luogo non si ferma qui.

Nel XV sec. le vicende del territorio si legano alla figura di Andrea Doria. Personaggio dal carisma indiscutibile; genovese di nascita, abile politico e ammiraglio, s’inventò un lavoro: l'”assentista” cioè il capitano di ventura, comandante di galee che serviva chi meglio lo ricompensava. Si procurò una flotta e si mise al servizio del miglior offerente, arrivando così a lavorare perfino per il papato.  Durante le sue peripezie Andrea soggiornò a Lerici nella villa a cui diede l’omonimo nome: “Casa Doria“.

Sulle memorie del valente uomo di mare, oggi sorge sopra a questa dimora il Ristorante “I Doria” all’interno del lussuoso hotel affacciato sulla vista panoramica del Golfo dei Poeti. Alle redini dell’albergo, il proprietario Valerio Beghè propone un’ospitalità che fonde l’esperienza con l’innovazione.

Il fine dining è frutto dell’estro creativo dello Chef Fabrizio Bonvini, che dopo un’esperienza alle Canarie, vanta un know how gastronomico incentrato sulle materie freschissime del territorio e del mar ligure. Il sommelier Pietro Valeriano, decanta una carta di importanti etichette.
Aperto dal 1995 (e dal 2010 anche agli esterni), il ristorante varia stagionalmente il proprio menù e attende la propria clientela solo per l’apertura serale per gustare al meglio il cibo e la vista romantica dalla sua terrazza.
Tra le particolarità un’ampia carta di caffè provenienti da differenti parti del mondo e una ricca lista di acque premium per un food pairing di livello.

Menù Degustazione, 8 Febbraio

♦Le mazzancolle e la guancia di vitello con salsa al vino rosso e spinaci saltati
♦Spaghetti, vongole, calamari e crema di piselli
♦Pescatrice spadellata al pepe rosa e flan di zucchine
♦Tortino all’amaretto e crema di caffè

 

+INFO: www.doriahotels.com/ristorante

 

© Riproduzione riservata

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

14 − 4 =