beverfood
| Categoria Notizie Food, Vino | 2053 letture

Santa Margherita Gruppo Vinicolo Profumi e gusti per la tavola d’autunno

Santa Margherita Vinicolo Margherita Autunno Santa Tavola Profumi

Margherita Tavola Autunno Profumi Vinicolo Santa Santa Margherita

Due vini dai profili sensoriali molto differenti sono l’abbinamento per due ricette da gustare nel periodo autunnale, suggerite da Santa Margherita Gruppo Vinicolo.


Luna dei Feldi Bianco Alto Adige 2014 – Santa Margherita, proposto nella nuova veste Alto Adige, gode del contributo di ben quattro varietà: Chardonnay, Pinot Bianco, Müller Thurgau e Gewürztraminer. La nuova trama gustativa caratterizzata da freschezza, sapidità e croccante struttura si abbina alla perfezione alla ricetta “Riso Selvaggio saltato con lenticchie, rosmarino e coriandolo”.

 

Ricetta: Riso selvaggio saltato con lenticchie, rosmarino e coriandolo

Riso-selvaggio-saltato

Ingredienti per 4 persone
250 gr mix di riso selvaggio
500 gr di acqua
100 gr di lenticchie di Castelluccio
1 spicchio di aglio
1 peperoncino
1 rametto di rosmarino
1 mazzetto di coriandolo
Olio evo q.b.
Sale q.b.

Procedimento:

Versate le lenticchie in un tegame, copritele con il doppio di acqua e cuocetele per circa 40 minuti. A cottura quasi ultimata, aggiungete il sale. Sciacquate il riso sotto acqua corrente fredda. Versate il riso e l’acqua in un tegame, coprite con il coperchio e cuocete a fuoco basso finché l’acqua non sarà completamente evaporata. Una volta cotto il riso, sgranatelo con una forchetta e lasciatelo intiepidire prima di saltarlo con le lenticchie. In una capiente padella versate un filo di olio e fate imbiondire lo spicchio di aglio con il rosmarino e il peperoncino tritato. Poi, aggiungete il riso, regolate di sale e saltatelo per un paio di minuti. Successivamente, unite le lenticchie e saltate il tutto ancora per qualche minuto.

A fuoco spento, aggiungete il coriandolo tritato, mescolate e servite.
Chianti Classico Etichetta Blu – Lamole di Lamole, vino in cui l’austero Sangiovese viene reso più docile dall’apporto di Merlot e Cabernet Sauvignon, si accosta armoniosamente con la “Tourtière”, sformato di carne e patate.

 

Ricetta: Tourtière (sformato di carne e patate)

Tourtiere

Ingredienti per 6-8 persone

Per il ripieno:
350 gr carne di maiale macinata
350 gr di carne di manzo macinata
350 gr di carne di vitello macinata
250 gr di patate
200 ml di brodo di carne
1 cipolla
1 spicchio di aglio
1 foglia di alloro
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
1/6 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
1/6 cucchiaino di noce moscata in polvere
1 uovo
1 cucchiaio di burro
Olio evo q.b.
Pepe q.b.
Sale q.b.
Per la pasta brisée:
300 gr di farina
150 gr di burro
4 – 6 cucchiai di acqua ghiacciata
1 cucchiaino di sale
Procedimento:

Mettete nel frullatore gli ingredienti per la pasta brisée e frullate fino a ottenere un composto granuloso. Versate il composto su di una spianatoia e impastate velocemente fino a renderlo compatto, poi formate una palla, coprite con pellicola trasparente e mettete a riposare in frigorifero per 1 ora. Amalgamate i vari tipi di carne con un pizzico di sale, la cannella, i chiodi di garofano, la noce moscata e una macinata di pepe.

In una capiente padella stufate la cipolla tritata con un cucchiaio di olio fino a quando non sarà diventata trasparente. Poi, aggiungete il burro, la foglia di alloro e la carne. Rosolate la carne a fiamma moderata, mescolando per 3-5 minuti.

Pelate le patate, grattuggiatele e unitele alla carne. Versate il brodo, mescolate, coprite con il coperchio e cuocete per 10 minuti. Passato questo tempo, togliete il coperchio e continuate la cottura per altri 10 minuti o fino a quando non sarà evaporato tutto il liquido. Aggiustate di sale se necessario, poi lasciate raffreddare completamente la carne prima di farcire la torta. Dividete la pasta brisée in due parti (una parte un poco più grande dell’altra) e stendetela su di una spianatoia infarinata. Imburrate uno stampo dai bordi alti (28 cm di diametro oppure 2 stampi da 18 cm) e adagiatevi sopra la porzione di pasta più grande. Bucherellate il fondo con una forchetta, farcite con la carne e ricoprite con il secondo disco di pasta.

Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

Rifilate i bordi con un coltello eliminando la pasta in eccesso, poi sigillateli formando delle piccole pieghe oppure schiacciandoli con la forchetta. Intagliate il centro della torta con un coltello per far uscire l’umidità durante la cottura.

Utilizzando un taglia biscotti a forma di foglia (o altro a vostro piacimento), ricavate dalla pasta in eccesso delle piccole decorazioni. Spennellate i bordi della torta con un po’ di uovo sbattuto e attaccate le foglioline di pasta lungo tutto il bordo, lasciandone a parte una per decorare il centro della torta. Poi, spennellate tutta la superfice della torta, coprite i bordi con una striscia di carta d’alluminio e cuocete in forno a 210° per 15 minuti. Passato questo tempo, togliete la carta alluminio, abbassate la temperatura a 180° e continuate la cottura per altri 30 minuti.

Una volta cotta la tourtière, lasciatela intiepidire prima di servirla.

Contatti email Aziende Beverage And Food Distribuzione Ingrosso Alimentari Banchedati CSV Excel www.santamargherita.com

Ufficio Stampa: Gagliardi & Partners
Per informazioni: Nicolò Soranzo, Giovanna Zilio
Tel. 049.657311 – Email: gagliardi@gagliardi-partners.it

+ COMMENTI (0)

Gosling Rum - Distribuito da Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Autunno Santa Tavola Profumi Margherita Santa Margherita Vinicolo

Tags/Argomenti:

ARTICOLI COLLEGATI:

La Competizione sul Mercato Vinicolo Italiano: i Principali Produttori a fine 2017

04/01/2019 - L’indagine annuale sul settore vini dell’Area Studi Mediobanca ci consente di fare il punto sul quadro competitivo del mercato vinicolo italiano che riconferma per il 201...

Lamole di Lamole, Simone Loguercio guida il viaggio nelle annate simbolo della cantina

19/11/2018 - “Nel mezzo del cammin di nostra vita…” Con questi versi inizia la più grande opera scritta in lingua italiana. Il sommo poeta da lì a pochi versi avrebbe iniziato il pro...

Gruppo Santa Margherita: uomini, terre e vini alla Milano Wine Week

10/10/2018 - Tre frammenti di una sola realtà, una delle più rilevanti sul territorio italiano e non solo. Tre cristalli che compongono un intero gioiello, negli anni pioniere prima e...

Inizia la Milano Wine Week: “Così racconteremo il vino”

08/10/2018 - Finalmente lo sparo tanto atteso, lo start della manifestazione tematica sul vino che promette di fare scintille. La Milano Wine Week è ufficialmente iniziata con i primi...

Torna Exploring Taste di Santa Margherita Gruppo Vinicolo: il giro del mondo del vino

10/07/2018 - Raccontare il vino non è mai cosa semplice: che sia un punto di vista storico o organolettico, servono sensibilità, cultura, tatto. O più semplicemente, è necessario tras...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

18 − 8 =