Carlo Carnevale
| Categoria Notizie Birra, Distillati, Liquori, Vino | 1407 letture

Nuove scelte, vecchie abitudini: il consumo di alcool nel mondo aumenta

Consumo Alcohol Procapite Trend Consumo Abitudini Wine Marketing Scelte Alcool Consumo Acquavite Iswr Vecchie

Vecchie Trend Consumo Iswr Abitudini Wine Marketing Consumo Scelte Acquavite Consumo Alcohol Procapite Alcool

A cura di

© Riproduzione riservata

Il consumo totale di alcool nel mondo è leggermente aumentato nel 2017, aggiungendo 3.5 milioni di casse da nove litri rispetto al 2016: la fonte è la ISWR, l’autorità leader mondiale per quel che riguarda dati e analisi nel panorama del beverage. Sebbene l’incremento del 2017 sia modestissimo (appena lo 0.01%), è una risposta al calo dell’-1.25% che si era avuto nel 2016, per segnare almeno un inizio di inversione di rotta, nonostante il cambio generazionale comporti nuove scelte di consumo.

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood.com
Annuario Birra Italia Birritalia beverfood.com

Il maggior miglioramento si è avuto con il vino, con il sidro a seguire. Gli spirits sono invece regrediti leggermente, a causa delle perdite nei paesi dell’ex Unione Sovietica. Birre e bevande miscelate hanno invece proseguito la discesa iniziata in passato. Dopo un anno di stasi nel 2016, il vino ha iniziato il recupero con un +0.5% di casse consumate nel 2017 (12 milioni di casse). Italia, Russia e USA i mercati in maggiore crescita, mentre Francia e Gran Bretagna hanno fatto registrare i peggioramenti più importanti. E la causa più influente sembra essere il cambio generazionale, che nei più giovani porta scelte e abitudini di consumo diverse: il maggior consumo di sidro e bollicine nel Regno Unito si è opposto alla diminuzione nel vino fermo, e in Francia c’è stata un’impennata nel consumo di birra.

Le regioni che crescono più rapidamente sono le Americhe e l’Asia sul versante del Pacifico: quest’ultima è influenzata dalla continua crescita dei consumi di baijiu, l’acquavite cinese, seguito a ruota dal whiskey, che ha fatto registrare un +1.2% tra 2016 e 2017 (207 milioni di casse). Whiskey e vodka hanno ben figurato nelle Americhe, dove i prodotti con la crescita più ampia sono stati gli spirits a base agave (+5.3%). L’ex Unione Sovietica è stata l’unica regione a far registrare un calo nel consumo degli spirits, addirittura del -7.6%, a causa di un brusco crollo del consumo di vodka in Russia e Ucraina, al quale hanno contribuito le pressioni governative e in cambio generazionale.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

In termini percentuali, la categoria con il tasso di aumento più rapido è stata quella degli spirits a base agave (+5.2%), seguita dal gin (+4.5%) e dal whiskey (+2%). Il mercato in maggiore espansione per gli agave è stato quello statunitense, per il gin invece quello britannico. Nelle Americhe la birra è tornata a migliorare, con Messico e Argentina in testa, nonostante un calo negli USA: a questi risultati positivi si aggiungono le crescite in Africa, Medio Oriente e Europa, che aiutano a rallentare il declino globale del consumo di birra. Sebbene la crescita del sidro in Europa abbia rallentato, su scala globale i consumi sono aumentati del 2.5%, sostenuti dal ritmo di Africa e Medio Oriente. Il mercato dei delle bevande miscelate è peggiorato del 1%, trainato verso il basso dall’Asia e dal trend negativo dell’ex Unione Sovietica.

Fonte: IWSR

© Riproduzione riservata

+ COMMENTI (0)

Gosling Rum - Distribuito da Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Wine Marketing Abitudini Consumo Scelte Alcool Consumo Alcohol Procapite Iswr Acquavite Vecchie Trend Consumo


ARTICOLI COLLEGATI:

Cresce il desiderio per il biologico: 2,7 Mio di persone bevono bibite bio

14/06/2019 - Per un numero crescente di consumatori, un buon prodotto non soddisfa più solo il gusto, ma è anche frutto di buone scelte. Sempre più persone richiedono trasparenza in m...

Clean label: i pro e i contro del nuovo trend dei consumatori

05/03/2019 - Cresce l’interesse dei consumatori verso ciò che mangiano: qualità certificata dei prodotti e trasparenza sull'origine degli ingredienti. Le aziende produttrici, sensibil...

Ancora in crescita il mercato della birra in Italia nel 2018

01/02/2019 - Secondo le analisi di IRI infoscan, ancora una volta, dopo anni di continua crescita, la Birra si conferma tra le categorie più dinamiche dell’intero Largo Consumo Confez...

Dubbi sul vino? l’app risponde! La Start-up Matcha dialoga con il consumatore, e le vendite crescono

01/02/2019 - Le domande che si pongono i consumatori quando devono comprare una bottiglia di vino (e magari non sono esperti) sono più o meno sempre le stesse: "Vorrei una buona botti...

Botaniche e ritorno al futuro: la mixology del 2019

08/01/2019 - L'effetto carrozzone (in inglese bandwagoning, dal nome utilizzato per il carro che trasporta la banda musicale durante le parate) è un fenomeno sociale in base al quale ...

Bibite a basso contenuto calorico: il differente andamento di mercato tra USA ed Europa

16/11/2018 - Negli ultimi anni, la tendenza della salute e del benessere ha dato il via al boom delle bevande analcoliche a basso contenuto calorico. Gli Stati Uniti, tuttavia, hanno ...

In Francia le bollicine straniere continuano a crescere: Prosecco e Cava non si fermano più

16/11/2018 - Lo Champagne trema, le bollicine straniere stanno crescendo, e non poco, nel gradimento dei francesi. Secondo i dati di Kantar Worldpanel diffusi dalla rivista francese R...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

5 − uno =