0
Pinterest LinkedIn

A prima vista, questo contenitore non sembra una bottiglia. Si tratta di una forma atipica con linee molto eleganti ed il tappo completamente nascosto. E ‘solo quando si capovolge e si rimuove il cappuccio protettivo che si scopre trattarsi una bottiglia di birra, a testa in giù! Quando è diritta, appoggiata sul sovratappo, ha la forma di un bicchiere con tanto di piede. Più che una bottiglia, questo contenitore è unico, divertente, multi-funzionale e gradevole alla vista, in grado di creare una nuova esperienza di consumo della birra e, soprattutto, capace di distinguersi in scaffale. Questa originale confezione è stata presentata al Brau Beviale 2008.


Con questa bottiglia, Sidel rompe con i codici formali del confezionamento della birra, soprattutto per le bottiglie di vetro. “Abbiamo voluto esplorare le opportunità che offre il PET, in modo da non riprodurre pedissequamente ciò che è fatto con le bottiglie in vetro, evitando in tal modo qualsiasi confronto”, spiega Laurent Lepoitevin progettista dell’insolita bottiglia . “Il nostro scopo è stato anche quello di dimostrare che il PET non è solo riservato per le bottiglie da primo prezzo.” Con le sue eleganti linee, la forma originale e di alto prestigio, la bottiglia è ispirata più dai codici di confezionamento per i prodotti di lusso che non da quelli relativi al settore delle bevande.

In un mercato della birra molto dinamico, dove sia i grandi produttori che le imprese a conduzione familiare coltivano il gusto per l’innovazione, i cambiamenti dei codici di confezionamento seguono lunghi cicli. Vetro e metallo hanno dominato il mercato per 50 anni. Tuttavia, la bottiglia di plastica non ha ancora mostrato tutto ciò che ha da offrire: la sua capacità di dare forma a confezioni distintive, moderne, alla moda ed anche economiche. Per i produttori di birra che ricercano una diversificazione degli strumenti di marketing, il PET è la soluzione ideale.

Valgono anche considerazioni di carattere ambientale per il PET: consuma meno energia durante il processo di produzione e distribuzione: inoltre il PET è orami riciclabile al 100%. Con una attuale quota di mercato di appena il 3% , le bottiglie in PET possono essere considerate un potenziale di stimolo per il mercato della birra. Un esempio può essere già visto con il successo avutosi in Europa orientale, dove la quota di mercato delle birre in Pet si è ormai portata sul 10%, contro il 5% in Germania e meno dell’1% in Italia.

INFOFLASH SU SIDEL
Sidel è uno dei principali fornitori al mondo in materia di installazioni per l’imbottigliamento di bevande e altri alimenti liquidi. Con oltre 1,2 miliardi di euro di giro d’affari nel 2007 ed un organico di ca. 5.500 dipendenti in oltre 60 diversi paesi in tutto il mondo, il gruppo Sidel rappresenta una delle più importanti divisioni della multinazionale Tetra Laval. Storicamente Sidel era nata in Francia dove agli inizi degli anni ’60 inventò le bottiglie in plastica con un fortissimo sviluppo nazionale e internazionale negli anni ’80 e ’90. Nel 2003 Sidel si è unita al gruppo Tetra Laval e nel 2005, quest’ultimo, dopo aver acquistato anche il gruppo italiano Simonazzi, ha razionalizzato la struttura organizzativa, procedendo alla fusione del gruppo italiano con Sidel. La sede centrale di Sidel in Italia è stata unificata a Parma. +INFO: www.sidel.com – SIDEL SPA ITALIA Via la Spezia 241/A 43040 Parma Tel. : 0521 9991 Fax : 0521 959009 Sales Contact Italy: Fabio LEGA – Services Contact: Luca BORDIN – P.R .: Paola MIGNANI

Se volete ricevere con regolarità la segnalazione di tutte le nostre news sul settore del beverage, iscrivetevi gratuitamente alla nostra bevernews. –> ISCRIZIONE

LE ALTRE BEVERNEWS DELLA SEZIONE: —> packaging e tecnologie

NUOVA SEZIONE DOCUMENTAZIONE: —> packaging e tecnologie

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

10 − 5 =