Beverfood.com
| Categoria Notizie Vino - Alcolici - Liquori - Spirits (Vecchia) | 4874 letture

LA SITUAZIONE DELLA PRODUZIONE VITIVINICOLA ITALIANA A FINE 2009

Situazione Vitivinicola Italiana

Italiana Vitivinicola Situazione

Secondo Assoenologi, nel 2009 l’Italia ha prodotto 44,5 milioni di ettolitri di vino, ossia il 10% in meno rispetto alla media decennale attestata su 48,2 milioni di ettolitri. Parallelamente è calata sensibilmente anche la superficie vitata di uva da vino che in Italia nel 1980 era di 1.230.000 ettari, nel 1990 era scesa a 970.000 ettari ed oggi è di 684.000 ettari. Nel corso del 2009, inoltre, il vino bianco si è portato al 55% del totale volumi consumati, mentre il totale dei vini rossi e rosati è sceso al 45% del totale


Per quanto riguarda gli altri paesi europei, secondo i dati dell’Union Internationale des Oenologues nel 2009 la produzione vinicola in Francia è stata di 47 milioni di ettolitri (+10% rispetto al 2008), di 38 milioni in Spagna (-9% rispetto al 2008), di 6 milioni di ettolitri in Portogallo (+7% rispetto al 2008), mentre la Germania rimane, come sempre, su una produzione oscillante tra i 9 e i 10 milioni di ettolitri. In pratica, aggiungendo anche i risultati delle realtà minori, la campagna appena conclusa darà all’Unione Europea 164 milioni di ettolitri di vino, ossia il 2% in meno rispetto allo scorso anno.

In questo contesto l’Italia è titolare di circa il 17% della produzione mondiale e del 30% di quella comunitaria. Sta di fatto comunque che le scarse produzioni degli ultimi anni, dovute anche al decremento della superficie produttiva, fanno scendere sensibilmente la nostra media che cala a 48,2 milioni di ettolitri se rapportata al periodo 2000/2009, per diminuire a 46,7 milioni se calcolata sugli ultimi cinque anni (2005/2009). La produzione media italiana 1990/1999 era di ben 58,6 milioni di ettolitri.
Databank Database Tabella csv excel xls Case Vinicole Cantine

E’ calata anche la superficie vitata di uva da vino che, secondo i dati ISTAT, è oggi di 684.000 ettari, contro i 970.000 ettari del 1990. Negli ultimi vent’anni abbiamo quindi perso 286.000 ettari, ovvero più di quanti ne hanno oggi la Lombardia, la Puglia e la Sicilia insieme, con una tendenza ad un ulteriore ribasso, determinato dagli estirpi (Ocm vino) e dalla scarsa remunerazione che sta caratterizzando il comparto produttivo, condizionato dalla schizofrenia dei mercati internazionali.

Questi ultimi, se complessivamente crescono in volume, diminuiscono sensibilmente in valore tanto che i dati dei primi nove mesi del 2009 danno un decremento del prezzo unitario del 13,9% rispetto lo stesso periodo del 2008. Va anche rilevato che nel 2009 in Italia sono diminuite le vendite dei vini rossi a favore dei vini bianchi tanto che allo stato attuale delle cose il centro studi di Assoenologi stima che i bianchi abbiano raggiunto il 55% del totale ed i rossi e i rosati siano scesi al 45% (nell’ultimo quinquennio i vini rossi detenevano il 60% del mercato).

+info: www.assoenologi.itinfo@assoenologi.it

Se volete ricevere con regolarità la segnalazione di tutte le nostre news sul settore del beverage, iscrivetevi gratuitamente alla nostra bevernews. –> ISCRIZIONE

LE ALTRE BEVERNEWS DELLA SEZIONE: —-> wine & spirits

LE ALTRE DOCUMENTI DELLA SEZIONE: —-> wine & spirits

+ COMMENTI (0)

Recoaro Bio: quando la purezza del bio incontra il lato ribelle del frizzante

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Situazione Vitivinicola Italiana


Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

quattro × 2 =