Zarmalana
| Categoria Notizie Vino | 955 letture

Sparkling Classic Summer: cinque bollicine da bere sotto l’ombrellone

Fondazione Mach Sparkling Wine Ombrellone Sparkling Classic Cinque Cieck Calatroni Summer Bollicine Bere Cà Rovere Ais Associazione Italiana Sommelier La Fiòca Metodo Classico

Classic Fondazione Mach Cinque Summer Cieck Cà Rovere Calatroni Bollicine La Fiòca Ombrellone Metodo Classico Sparkling Wine Ais Associazione Italiana Sommelier Bere Sparkling

© Riproduzione riservata


E’ scattata la mania delle bollicine. Vini spumanti da bere tutto l’anno, ma è l’estate il periodo ideale per degustare un bel metodo classico italiano. Lunedì 4 giugno siamo stati alla quinta edizione della Sparkling Classic Summer, organizzata da Ais Milano nell’elegante cornice del The Westin Palace Milano. Tante le eccellenze in sala, una bella selezione di produttori di Metodo Classico provenienti da tutta la penisola.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Perchè l’Italia si sta confermando patria di bollicine, una produzione che non ha nulla da invidiare ai cugini francesi che rimangono comunque ancora gli indiscussi protagonisti del metodo champenoise. Molte presenze in sala, sommelier milanesi e lombardi alla vigilia delle elezioni in programma sabato 9 giugno che promettono di essere spumeggianti. Ma concentriamoci su questo banco d’assaggio, delle tante denominazioni e uvaggi dediti alla spumantizzazione ci siamo concentrati su sei vini che vi consigliamo da bere sotto l’ombrellone, o forse sarebbe il caso di dire sotto l’ombrello visto che la bella stagione non sembra ancora aver trovato stabilità in questo 2018.

NorEma Rosé Pas Dosé Millesimato- Calatroni

Iniziamo con una novità di rilievo in casa Calatroni, che porta sempre delle belle conferme in assaggio. Questa volta però in Oltrepò Pavese hanno fatto qualche cosa di super. Hanno lanciato un 90 mesi di affinamento sui lieviti, una prima assoluta che vuole diventare una chicca con una produzione di circa 1.000 bottiglie. Pinot nero in purezza, un Blanc de Noir che viene da una vigna sola nella zona di Montecalvo Versiggia a circa 530 metri di altezza sul livello del mare. Un vino che non teme il passaggio del tempo, freschezza intatta data dalla bella acidità del Pinot Nero, paragonato a due campioni come Roger Federer e Valentino Rossi che mantengono intatta la loro classe a dispetto della carta d’identità.

www.calatronivini.com

Brut Nature- Cà Rovere

Una bella realtà Ca’ Rovere, ci colpisce per l’attenzione alla qualità e al rigore del metodo classico. Siamo nel piccolo borgo di Alonte, sottosuolo ricco di calcare di origine marina. Qui non è certo facile essere paladini del metodo classico nella terra del Prosecco, specialmente oggi che hanno aperto la doc anche nella zona dei colli Berici. Abbiamo assaggiato il Brut Nature, base 70% Chardonnay e 30 % Garganega, affinamento lunghi 36 mesi per questa etichetta che è stata presentata a Vinitaly, l’assenza di zucchero aggiunto nella liquer d’expedition lascia percepire grande freschezza, ben bilanciata dalla naturale morbidezza della Garganega in una sintesi di perfetto equilibrio. Solo metodo classico con circa 40.000 bottiglie tutte destinate al mercato italiano.

www.carovere.it

Franciacorta Brut- La Fiòca

Una Franciacorta sempre sugli scudi, alla Sparkling Classic Summer decidiamo di assaggiare il Brut de La Fiòca. Non si tratta di un millesimo, ma di fatto è un assemblaggio di vini dell’annata 2014, affinamenti molto lunghi sui 36 mesi sui lieviti, non male per una cuvée di base, 7 g/litro di dosaggio, uvaggio 80% chardonnay e 20% pinot nero. Il nome della Fiòca deriva dal vigneto a forma di falce, un terreno dove è sorta l’azienda a Nigoline di Corte Franca negli anni 50, tramandata da figlio a nipote arrivando alla situazione attuale con una produzione di circa 45.000 bottiglie.

www.lafioca.com

Trento Doc Mach Riserva del Fondatore- Fondazione Mach

Trento Doc che ci conferma una denominazione compatta e in crescita costante. Al banco d’assaggio dell’Istituto Trento Doc decidiamo di assaggiare una bollicina della Fondazione Mach. Un vino nella linea cosiddetta speciale della Fondazione, con una produzione di circa 13.000 bottiglie. Il Mach Riserva del Fondatore ha la particolarità di fare la fermentazione una parte in acciaio e una parte in barriques di rovere per 8 mesi. Sentori vanigliati, arricchiti dalla sosta di 44 mesi sui lieviti, uvaggio 70% Chardonnay 30 %Pinot Nero.

www.fmach.it

Calliope Brut Erbaluce di Caluso Docg- Cieck

In Piemonte la patria dei grandi rossi, non mancano le esperienze di spumantizzazione di qualità. Come nel caso dell’Erbaluce di Caluso, che ha trovato in Cieck il portabandiera della denominazione. Erbaluce in purezza, abbiamo assaggiato una riserva di 36 mesi, con il vino base che per circa il 40% fa una fermentazione in piccole botti di rovere. Da queste parti sono partiti a spumantizzare nel 1951, con l’entrata anche nel disciplinare del metodo classico nella Docg Erbaluce di Caluso con metodo classico si è dato ulteriore valore a una produzione molto interessante.

www.cieck.it

 

© Riproduzione riservata

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

La Fiòca Bollicine Summer Calatroni Ais Associazione Italiana Sommelier Classic Metodo Classico Fondazione Mach Sparkling Wine Ombrellone Cieck Cà Rovere Cinque Sparkling Bere


BEER ATTRACTION - 16-19 febbraio 2019 Rimini fiera - specialità birrarie, alle birre artigianali e al food per il canale Horeca

ARTICOLI COLLEGATI:

3° Forum Nazionale sul Metodo Classico. Bosca: “Si beve a tutto pasto”

13/10/2018 - «Stiamo riscontrando un cambio di abitudini nell’uso delle bollicine e in particolare del Metodo Classico, che oggi si beve a tutto pasto»: - sono le parole di Pia Bosca,...

Giulio Ferrari Rosè, un sogno che sfida il tempo

12/10/2018 - Serviva una minima aggiunta nella già strepitosa gamma di Ferrari, ed eccola arrivare in una veste nuova all'occhio ma dal sapore, e soprattutto dai sentimenti di altri t...

Trentodoc: cento terre in una alla conquista di Milano

03/10/2018 - Il mondo degli sparkling è in fermento, sempre di più i consumi e i gusti si stanno spostando in questa direzione. Tra le denominazioni più in voga un posto in prima fila...

Giulio Ferrari Rosé: il mito cambia colore

25/09/2018 - Le tendenze e i gusti degli sparkling internazionali ormai lo dicono da tempo, il mercato dei rosé è in continua ascesa. La conferma ufficiale arriva anche dal Trentino, ...

Trentodoc in città Milano: tutti gli eventi con le bollicine di montagna sotto la Madonnina

23/09/2018 - E’ un periodo intenso questo per le bollicine trentine, che stanno riscuotendo un grande successo grazie a una denominazione quella del Trentodoc in grado di far aumentar...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

cinque × due =