Maria Sofia Tarana
| Categoria Notizie Vino | 815 letture

Spumanti 2018: Italia primo esportatore al mondo. Consumi esteri in costante salita

 italia 2018 Spumanti Consumi Esportatore Costante Spumante Italia Export Esteri

Consumi Esportatore Esteri Export Spumante Spumanti Italia Costante 2018  italia


L’annata 2018, dopo i dati stimati, si chiude con una conferma sostanziale delle spedizioni-consumi di bollicine tricolori: sono esattamente 494,9 milioni le bottiglie. Il 99,5% del totale è rappresentato da bolle “metodo italiano” e di queste l’80% esatto è dato dall’ universo del Prosecco, Docg e Doc, compreso Asolo e Cartizze.

 

 

Un trend in crescita da 12 anni. Bene i volumi, molto bene i valori, non in tutti i Paesi, ma il gap di valori con i principali competitor comincia a ridursi. Il valore della bottiglia alla dogana (spedizioni e valore dichiarato) è superiore a quello medio di cantina a € 3,25 a bottiglia. Per l’estero è di € 3,95 a pezzo. Per tutte le bottiglie esportate il valore alla partenza in cantina è di 1,4 mld di euro; diventano quasi 2 alla spedizione e, al consumo nel mondo, genera un fatturato di circa € 5 mld di euro.  Anno su anno, registriamo crescita nei principali paesi fra il +5-9% in volumi e il +8-15% in valori.

UK è la prima destinazione in assoluto, per volumi e valori: su 200 milioni di bottiglie importante nel 2018, ben 124 milioni sono tricolori di cui 113 solo di Prosecco.  Stati Uniti in leggero ripensamento: sono state spedite 95 mio/bott di cui 78 di Prosecco. Germania, su 100 mio/bott importate, 34 sono italiane di cui 20 di Prosecco. In Russia, dove l’embargo salva il vino italiano,  l’Italia ha ricominciato a crescere arrivando a 22 milioni di bottiglie. In Francia, nuovo record, oltre 11 milioni di bottiglie fra cui molto bene qualche bollicina di Franciacorta e Cartizze, benissimo i brand di Prosecco più noti. Il Canada, rispetto agli altri paesi tradizionali, fa segnare un calo dei volumi: definizione del monopolio, ma soprattutto rilancio delle bollicine francesi e australiane. Le bollicine tricolori non sfondano in Cina: più consolidamento dei leader, non sfondano i brand nuovi.

 

Il Prosecco Doc è la locomotiva e anche i vagoni: la Docg è una nicchia in crescita ma necessita di una identificazione/connotazione più dedicata.
Bene volumi e valori ma non è sufficiente per mantenere le posizioni nel lungo periodo:  in UK sono state spedite 6,0 mio/bott, in Germania altri 6 milioni, in Svizzera 5,5, in Austria 4,5, in Usa 4,5 , in Canada 1,5 per un totale mondiale  di circa 40 milioni di bottiglie.
Bene nei paesi Scandinavi, Svezia su tutti, ma la globalizzazione colpisce ancora: nelle enoteche di Systembolaget è in vendita una bottiglia di  Prosecco Doc Martini a 85 Corone e un Freixenet Prosecco Doc Italien Venetien a 99 Corone.
Nel 2018 anche Francia e Australia fanno meglio degli anni precedenti nel mondo, ma quello che stupisce è il forte trend per il Cava in alcuni Paesi maturi e in quelli di nuova introduzione.

 

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

“Le bolle  salvano tutto il mercato del vino italiano, interno ed estero. In ultimi 10 anni si è ridotto del 50% il gap con altri brand competitors, ma siamo ancora sotto a metà della strada, siamo ancora doppiati in tutti i valori anche con doppi volumi. Noi esportiamo in 120 Paesi, Cava in 135, Champagne in 190. Dall’estero buone notizie, ma da governare:  si allarga il target dei consumatori arrivando alle nuove generazioni e alla ristorazione non italiana. Il Prosecco è consumato a tavola. Ma ancora più diversificazione fra un target e un altro, fra un paese e un altro. E’ aumentata la destagionalizzazione, sono aumentati i volumi.  La tipologia è ancora quella dry o extradry, c’è un interesse maggiore per il Rosè. All’estero un canale da governare direttamente è l’online: l’e-commerce è in mano a importatori e distributori, non a imprese italiane e a piattaforme multinazionali che garantiscono una “internazionalizzazione” del brand. Ci sono mercati esteri in crescita, altri che stentano. In Usa e Uk è stato trovato un modello perfetto; quello che c’è in Germania va modificato. La Francia beve il doppio di Prosecco rispetto le bottiglie di Champagne in Italia, ma questo non vuol dire nulla”, analizza Giampietro Comolli, presidente di Ceves e Ovse, dal 1991 analista economico del comparto.

 

Wine Marketing Agra
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Per Ovse-Ceves occorre intervenire urgentemente a 360 gradi in tutto il settore vino italiano. Non si vive di successi. Non c’è solo export.  Il consumatore cambia e non è fedele, cambiano fattori climatici e monetari, ci sono embarghi e dazi in arrivo; la globalizzazione è fortemente più segmentata di 10 anni fa; occorre differenziare la qualità-immagine in base ai target esteri, puntare su una comunicazione top spender oriented che deve rimarcare differenze, ma avere lo stesso posizionamento in Italia nei luoghi frequentati da stranieri; presentazione più pregnante del “metodo italiano” e un aumento delle piattaforme e-commerce e online gestite all’estero direttamente da strutture aziendali o consortili, oppure da grandi multifunzione internazionali; più valorizzazione e differenzazione nei vari canali di consumo, fra Paese e Paese; dare una posizione sullo scaffale e nella formazione del consumo più peso al rapporto denominazione, tipologia e prezzo. In azienda più verticalità tipologica, più classifica, più attenzione alle domande, nuova dimensione, identificazione e valore distretto-denominazione, filiera corta.

 

+INFO: www.efanews.eu

Sogedim trasporti a temperatura controllata

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Spumante Spumanti Esportatore Esteri Export Costante Italia  italia 2018 Consumi

Tags/Argomenti: , , , ,

ARTICOLI COLLEGATI:

Coldiretti: L’EXPORT DI SPUMANTE ITALIANO per la prima volta supera il miliardo di euro

11/12/2015 - Le vendite dello spumante italiano all’estero aumentano del 19 per cento con le esportazioni che raggiungono per la prima volta il record storico del miliardo di euro nel...

Risultati FRANCIACORTA 2014: aumento vendite del 10%

28/01/2015 - Il 2014 si è concluso con segno positivo, +10% rispetto al 2013. Franciacorta ha venduto 15.475.977 bottiglie, di cui 1.428.993 all’estero. Ad oggi il mercato estero rapp...

VALDO: nasce la nuova linea Spumanti Italiani

22/06/2016 - Nell’anno in cui Valdo spegne le sue prime novanta candeline e festeggia con successo la storia di una tradizione che si rinnova e di una passione enologica inesauribile,...

Spumanti Italiani: produzione a 671 Mn/bottiglie ed export di 3,7 Mn /bottiglie

23/12/2017 - Spumanti italiani protagonisti a Natale: durante le prossime festività, nel nostro Paese verranno stappate 66 milioni di bottiglie di spumanti italiani (+6% sul 2016; bot...

Asti secco bottiglie

Debutta l’Asti Secco, il nuovo spumante non dolce a base Moscato

20/11/2017 - A Canelli si è celebrato il battesimo di questa variante della Docg «che mantiene i profumi del Moscato, ma ha un contenuto zuccherino inferiore – spiega Giorgio Bosticco...

Nel 2009 CROLLA L’EXPORT DI CHAMPAGNE CHE ORA E’ SUPERATO DAGLI SPUMANTI ITALIANI

22/02/2010 - Crollano le esportazioni di champagne (-22 per cento) e aumentano quelle di spumante italiano (+5 per cento) che nel 2009 mette a segno uno storico sorpasso nei brindisi...

L’AQUILA REALE RISERVA MILLESIMATA 2002 DI CESARINI SFORZA NOMINATO MIGLIOR SPUMANTE METODO CLASSICO D’ITALIA

24/11/2009 - L’Aquila Reale Riserva Millesimata 2002 TRENTO DOC della Cesarini Sforza Spumanti, dopo aver conquistato i TRE BICCHIERI della Guida Vini d’Italia 2010 del Gambero Ross...

FEDAGRI: NEL 2010 L’EXPORT VINO CRESCE DELL’11,7% A VALORE E DEL 10,7% A VOLUME

17/03/2011 - “La ripresa del settore vitivinicolo italiano passa dall’export. Così Adriano Orsi - presidente del settore vitivinicolo di Fedagri-Confcooperative commenta i dati Istat ...

Fatturato 2012 CAFFÈ MUSETTI in forte crescita dell’11%; export al 55%

07/05/2013 - Si respira un'aria positiva in Caffè Musetti. La torrefazione piacentina infatti registra una crescita importante che dovrebbe confermare anche per il 2013. La crescita è...

De’ Longhi 2018: ricavi in crescita del 5,3% a circa € 2.077 Mln

13/02/2019 - Il Gruppo De’ Longhi ha conseguito nel 2018 ricavi in crescita del 5,3% a circa € 2.077 milioni, grazie ad un quarto trimestre in crescita del 5,7% a circa € 776 milioni....

Indicazioni sul mercato dell’orzo tostato in Italia

01/01/2018 - L'orzo è un cereale ricco di preziosi nutrienti, tra cui carboidrati, zuccheri, proteine, grassi, fibre, vitamine del gruppo B e minerali come calcio, fosforo e potassio....

MERCATO SPUMANTI: l’Italia è il primo paese produttore ed esportatore al mondo

31/03/2016 - Export 2015: consumi per 373 mln bottiglie in 90 mercati pari a 2,6 mld/euro. 3 su 4 bottiglie portano la griffe Prosecco. Prezzi al consumo in forte crescita rispetto al...

Ferrari Perlà Bianco 210 Trento DOC

Ferrari e la svolta Bio del Trento DOC a Vinitaly 2017

12/04/2017 - A Vinitaly 2017 nello stand della cantina Ferrari si parla di biologico. Marcello Lunelli, a capo della conduzione enologica di tutto il Gruppo Lunelli, racconta a Beverf...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

uno × 2 =