Pinterest LinkedIn

Succede a Milano che durante una delle giornate più calde dell’estate, se non la più calda, per rinfrescarsi il fisico e la mente ci si imbatta in un abbinamento per nulla scontato e banale. Il gelato, quello gastronomico creato da Ciacco, in abbinamento ai vini naturali dell’Enoteca Naturale di fronte alla Basilica di Sant’Eustorgio. Un azzardo gastrofighetto o una scommessa buona riuscita?

Annuario Coffitalia Caffè Italia Scarica Gratis
Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi Scarica Gratis in versione PDF

 

La formula del gelato di Stefano Guizzetti, patron e fondatore di Ciacco, vede una sommatoria di fibre e proteine di origine naturale, con materie prime genuine e di ottima qualità, in aggiunta a una filosofia innovativa moltiplicata per ore di studio e di ricerca sia in laboratorio che in cucina. Il risultato è un gelato super, Ciacco è tra gli specialisti del gelato gastronomico in Italia, tanto da essere premiato da Gambero Rosso come “Miglior gelato gastronomico d’Italia nel 2019. Parola d’ordine sperimentazione, il gelato gastronomico, o salato che dir si voglia, è un prodotto che può far parte del quotidiano e delle ricette di casa. Un gelato che cambia pelle, non più semplice dessert o pranzo consolatorio, ma diventa il protagonista. Ricette da andare fuori di testa e non solo per il caldo: sorbetto alla carbonara con uovo e il grasso del guanciale, pepe e spuma di pecorino, salsa tonnata servito con il roast beef di vitello e i capperi di Pantelleria.

Dopo il format “aperitivo gastronomico” in cui combina ricette in cucina, gelati salati, e cocktail, ora è la volta dell’abbinamento ai vini naturali. Un concept di gelato diverso quello di Ciacco che parte da Parma nel 2013 e arriva a Milano nel 2014 una cultura nuova, basata sulla ricerca e sulla promessa di un gelato dalla percezione aromatica più intensa, dalla texture fedele alla materia prima di qualità, più digeribile costruendo fin da subito una community sempre più affezionata e curiosa. Si viaggia dai sapori più esotici e gli abbinamenti più sorprendenti, per poi tornare al territorio emiliano e alla grande cucina italiana con sorbetti e gelati come il vitello tonnato, la carbonara, il tortello e il suino nero emiliano. Un gelato di Ciacco da trenta e lode, grazie agli esperimenti e alle collaborazioni con l’Università di Scienze Alimentari di Parma, ma anche “sostenibile” per l’attenzione del gelatiere Stefano Guizzetti, classe ’82, contro gli sprechi alimentari, in particolare sulle fermentazioni di frutta e verdura per poter riutilizzare ad esempio la scorza di limoni e arance e trasformarli in sorbetto e gelato per salvare almeno il 40% del prodotto. “Il gelato ha una matrice alimentare così complessa che ne sono rimasto affascinato sin da subito. Dal punto di vista chimico è difficile, quasi ostico, al contrario di quello che sembra. Non è un prodotto facile anche se lo puoi creare da qualsiasi materia prima”. Le ricette del gelato Ciacco propongono un prodotto di eccellenza e di avanguardia e prevedono solo latte per le creme, acqua per i sorbetti, zucchero, proteine e fibre vegetali. Nessun additivo, né naturale né artificiale. E tra le novità dell’estate da segnalare Milano – Torino: un sorbetto a base di arancia essiccata, vermouth e bitter che ricorda il grande classico dei cocktail.

 

Questi gli abbinamenti proposti da Ciacco con i vini naturali:

⦁ Sorbetto ai peperoni arrostiti con bagna cauda ridotta, mela, abbinato a un 3B Blanc de Blanc – Brut Nature portoghese, azienda Filipa Pato
⦁ Carbonara: gelato con uova e grasso di fusione del guanciale, accompagnato da spuma di pecorino, pepe e guanciale croccante, abbinato a un Mennabò – Lambrusco dell’azienda Podere Sottoilnoce, Castelvetro di Modena
⦁ Burger al pulled pork: sorbetto al pulled pork con salsa alla senape e miele e coleslaw, abbinato a un Botton d’oro – Vallecamonica IGT, azienda I Nadre, Brescia
⦁ Sorbetto al baccalà mantecato con salsa tiepida di patate e lime e patatina di polenta gialla, abbinato a un Fiano dell’azienda Petracavallo, Mottola di Taranto
⦁ Gelato al fieno e miele di castagno dell’Appennino, con crumble di noci e salsa al Biricoccolo, abbinato a un Raina – Vermouth Numero Uno dell’azienda Francesco Mariani Viticoltore, Montefalco di Perugia.

INFO: www.ciaccolab.it/

Ufficio stampa Les Enderlin veronique@enderlin.it

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

quattro × uno =