Pinterest LinkedIn

Già affetti da una riduzione della richiesta dei consumatori nei mercati chiave a causa dei trend legati alla salute, molti produttori di succhi, nettari e bevande oggi si trovano ad affrontare la diminuzione delle risorse idriche e il cambiamento climatico. Di seguito una sintesi di uno studio pubblicato da www.tetrapak.com/it.

 

Annuario Bevitalia Bevande Analcoliche Acquista

 

PROBLEMATICHE DI BASE

“Il succo di frutta fa male come le bevande gassate”. “Togliere un bicchiere di succo al giorno riduce drasticamente il rischio di diabete”. “Succhi di frutta collegati al cancro”. I titoli negativi hanno colpito i produttori di succhi e nettari nell’ultimo decennio. Le cifre pubblicate dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti hanno dimostrato che l’americano medio sta bevendo circa la metà di succhi rispetto a quando l’industria ha raggiunto il suo picco negli USA alla fine degli anni ’90. Anche il consumo di succo nell’Europa occidentale sembra non aumentare troppo, con una crescita solo dell’1% circa nel 2019. L’industria delle bibite analcoliche ha affrontato lo stesso problema per decenni.  Allo stesso tempo, i produttori di bevande si trovano ad affrontare una pressione a causa del cambiamento climatico, che sta colpendo i coltivatori di frutta e ponendo nuove richieste all’industria per aumentare la sostenibilità dell’approvvigionamento, dell’energia e dell’uso dell’acqua nella produzione, nell’imballaggio e nel trasporto.

 

 

CRESCITA ATTRAVERSO L’INNOVAZIONE

Tetra Pak, ritiene che i produttori di succhi di frutta siano già sulla buona strada per trovare una risposta al problema della crescita. “Nei prossimi tre anni, prevediamo una crescita proveniente da una prospettiva complessiva, con un tasso di crescita annuo composto, diciamo, dall’1% al 2% a livello globale”. I mercati in Asia e nel Sud-Est asiatico, dove i consumi non sono mai diminuiti, continueranno a espandersi. La crescita, nel frattempo, tornerà in alcune parti dell’Europa e delle Americhe, mentre l’industria lancia prodotti innovativi.

I produttori hanno capito che dovevano sviluppare soluzioni per tenere conto di questa tendenza e quello che stanno facendo è spostarsi verso quelli che chiamiamo “succhi a valore aggiunto”. Questi includono:

  • succhi arricchiti con i cosiddetti “superfrutti”;
  • succhi mescolati con cereali o proteine per soddisfare la tendenza di sostituzione del pasto;
  • prodotti “clean label” con il minor numero possibile di ingredienti e succo di frutta a ridotto contenuto di zuccheri.

Ciò segue lo spostamento nelle industrie di bevande verso prodotti a basso contenuto calorico e senza calorie, con la categoria che attualmente rappresenta una media del 24% delle vendite in Europa e oltre il 40% in alcuni mercati. Il succo di verdura contiene circa un quarto dello zucchero presente nel succo di arancia, quindi la sua miscelazione con altri succhi può ridurre il contenuto complessivo di zucchero. I produttori di bevande si sono mossi per ridurre anche le dimensioni delle porzioni e lanciare nuovi prodotti per la salute come tè freddi e acque aromatizzate.

 

GuidaOnline Bibite e Succhi Beverfood.com Bevande Analcoliche bibite mixology thè e caffè freddi energy sport drinks Succhi Nettari Bevande Frutta Funzionali Horeca Concentrati

 

CAMBIAMENTI CLIMATICI E SFIDE IDRICHE

I cambiamenti climatici stanno influenzando sempre più l’industria dei succhi e dei nettari, con gli uragani che colpiscono le aree di coltivazione delle arance in Florida e nei Caraibi, mentre i coltivatori dell’America centrale e meridionale, della California e di altri paesi sono colpiti dalla siccità.

Collins afferma che anche i grandi coltivatori stanno diventando sempre più consapevoli della loro impronta idrica. “Adotteranno misure per essere più attenti al loro utilizzo dell’acqua, impiegando fonti d’acqua naturali e usando tecnologie di irrigazione intelligente”. L’acqua è un ingrediente chiave per l’industria delle bevande e rappresenta circa il 90% della composizione di una bevanda. L’efficienza idrica, la riduzione, la conservazione e la protezione sono state al centro dell’attenzione per oltre 20 anni con progetti di alto profilo come la bonifica del Danubio. “Le operazioni di produzione mirano a ottimizzare l’uso dell’acqua e a trattare le acque reflue in modo appropriato”.

 

 

CRESCENTI RICHIESTE DI SOSTENIBILITÀ

Con alcuni paesi che iniziano ora a prendere misure più decisive per combattere i cambiamenti climatici, la pressione aumenterà per i produttori, che dovranno ridurre il loro uso di energia e acqua, utilizzare imballaggi più sostenibili e ridurre l’energia utilizzata nel trasporto. La riduzione di energia e acqua può essere ottenuta investendo in nuove tecniche di lavorazione.

I produttori di succhi e bevande dovranno affrontare una regolamentazione sempre più severa che li costringerà a ridurre l’utilizzo di energia o pagare multe pesanti. Con la maggior parte della frutta prodotta ai tropici, lontano dai più grandi mercati, l’industria farà fatica a ridurre i trasporti che utilizza. Ma l’impatto delle cosiddette miglia alimentari sull’impronta ambientale totale della frutta è inferiore a quanto molti credano, con frutta e verdura coltivate in serra in Europa e qui consumate spesso con un’impronta maggiore rispetto alla frutta coltivata ai tropici e importata via mare. Le aziende sono sempre focalizzate sulla promozione dell’efficienza energetica, sulla conservazione e sulla riduzione, ove possibile. “Le emissioni di CO2 sono state dimezzate in molti impianti di produzione e imbottigliamento negli ultimi dieci anni attraverso l’uso di nuove tecnologie ad alta efficienza energetica negli impianti, nonché sistemi di raffreddamento e distribuzione”.

 

 

PRODOTTI LOCALI E DI ORIGINE ETICA

La preferenza per i prodotti locali si sta diffondendo dall’Europa e dagli Stati Uniti ad altri mercati, e non solo per ragioni ambientali. I consumatori indiani, ad esempio, ora vogliono ingredienti locali come la curcuma e il frutto di kokum nelle loro miscele di succo. I produttori di succhi di frutta sono anche sotto pressione per garantire che i frutti che usano siano di origine etica.

Tredici dei maggiori produttori, miscelatori e imbottigliatori di succhi al mondo si sono impegnati a utilizzare solo il 100% di succo di provenienza sostenibile entro il 2030. “Non si tratta di offrire solo sapori locali, ma i prodotti devono raggiungere anche determinati requisiti di sostenibilità. C’è stata una grande tendenza verso alimenti biologici e organici e questa domanda si intensificherà nel prossimo decennio”.

 

+info: www.tetrapak.com/it-it/insights/cases-articles/juice-nectar-still-drinks-challenges

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Bevitalia Bevande Analcoliche Acquista

Scrivi un commento

venti − nove =