0
Pinterest LinkedIn

The Coca-Cola Company e Anheuser-Busch InBev (“AB InBev”)  hanno raggiunto un accordo concernente il  trasferimento della partecipazione del 54,5%  di AB InBev in Coca-Cola Bevande Africa (“CCBA”)  a favore di Coca Cola Co., per una somma pari a 3,15 miliardi di dollari.

coca-cola-beverage-africa

AB Inbev aveva ereditato questa partecipazione di maggioranza nella CCBA a seguito dell’acquisizione dell’ex gruppo SABMiller storicamente impegnata nel settore dei soft drinks attraverso la controllata CCBA,  il più importante imbottigliatori di Coca-Cola in Africa. Più esattamente l’azienda CCBA comprende l’attività di imbottigliamento nei seguenti Paesi:  Sud Africa, Namibia, Kenya, Uganda, Tanzania, Etiopia, Mozambico, Ghana, Mayotte e Comore. Inoltre AB Inbev e Coca Cola Co. hanno raggiunto un accordo di principio che consente alla Coca-Cola Co. di acquisire le partecipazioni di AB InBev anche nelle attività di imbottigliamento soft drink in Zambia, Zimbabwe, Botswana, Swaziland, Lesotho, El Salvador e Honduras per una cifra non specificata.

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood.com
Annuario Birra Italia Birritalia beverfood.com

Con questa operazione AB InBev disinveste da una attività considerata non strategica (imbottigliamento e distribuzione di soft drinks) per concentrare le proprie attenzioni sul business della birra e nel contempo rientrare di importanti risorse finanziarie volte a ridurre l’esposizione debitoria fortemente aumentata a seguito della acquisizione dell’ex gruppo SAB Miller.  The Coca-Cola Company prevede di tenere temporaneamente questa partecipazione in attesa di futuri accordi con altri partner imbottigliatori a cui cedere eventualmente la partecipazione di controllo nella CCBA

Guida Guidaonline Bibite e Succhi Beverfood bevande analcoliche energy sport drink thè caffè freddi succhi nettari
GuidaOnline Bibite e Succhi Beverfood.com Bevande Analcoliche bibite mixology thè e caffè freddi energy sport drinks Succhi Nettari Bevande Frutta Funzionali Horeca Concentrati

“Siamo lieti di aver raggiunto un accordo in fretta nel migliore interesse di tutti”, ha dichiarato Muhtar Kent, presidente e CEO di The Coca-Cola Company. “Andremo avanti con il nostro piano strategico a lungo termine in questi importanti mercati in crescita. Stiamo continuando le trattative con un certo numero di soggetti che sono altamente qualificati e interessati a queste attività di imbottigliamento e sono ansioso di realizzare il refranchising in questi territori non appena possibile dopo l’approvazione delle autorità di controllo “

Databank bevande bibite succhi acque Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

THE COCA-COLA COMPANY

The Coca-Cola Company è la più grande azienda di bevande analcoliche nel mondo con oltre 500 marchi di bevande. Guidato da Coca-Cola, uno dei marchi più importanti e riconoscibili nel mondo, il portafoglio del gruppo evidenzia  ben 20 marchi con fatturati superiori al miliardo di dollari, di cui 18 sono disponibili anche in versione a ridotto o a nullo contenuto calorico. I marchi “miliardari”  includono, oltre a Coca-Cola,  Diet Coke, Coca-Cola Zero, Fanta, Sprite, l’acqua Dasani, Vitaminwater, Powerade (gli sport drink), Minute Maid e Del Valle (bevande alla frutta), Georgia (coffee drink), Gold Peak (thè freddo).  Insieme ai propri partner di imbottigliamento, il gruppo The Coca-Cola Co. è tra  i 10 più grandi datori di lavoro privati al mondo, con più di 700.000 collaboratori. Il fatturato netto del gruppo ha superato i 44 miliardi di dollari nel 2015. Il gruppo americano è presente anche in Italia con una propria controllata che operativamente si avvale dell’attività di imbottigliamento e distribuzione della Coca-Cola HBC Italia e della Sibeg in Sicilia. +info: www.coca-colacompany.com/

 

Anheuser-Busch InBev

Anheuser-Busch InBev, con sede a Lovanio (Belgio), rappresenta il più grande gruppo birraio al mondo. La società dispone di un portafoglio diversificato di ben oltre 400 marche di birra, comprendente marchi globali (come Budweiser®, Corona® e Stella Artois®), marchi multi-paese (Beck’s®, Castle®, Castle Lite®, Hoegaarden® e Leffe®) e marchi leader locali (come Aguila®, Antarctica®, Bud Light®, Brahma®, Cass®, Chernigivske®, Cristal®, Harbin®, Jupiler®, Klinskoye®, Michelob Ultra®, Modelo Especial®, Quilmes®, Victoria®, Sedrin®, Sibirskaya Korona® e Skol®). Geograficamente diversificata, con un’esposizione equilibrata in mercati sviluppati e in via di sviluppo, cerca di  sfruttare i punti di forza derivanti dalla sua dimensione e dalla vasta organizzazione di circa 200.000 dipendenti in più di 50 paesi in tutto il mondo. Nel 2015, a livello aggregato pro-forma, AB InBev ha realizzato 55,5 miliardi di dollari USA di fatturato. Ab Inbev opera anche in Italia attraverso la propria filiale AB Inbev Italia  + info: www.ab-inbev.com

Per un’ampia panoramica sui principali competitori birrai in Italia confrontare il documento: www.beverfood.com/documenti/birre-italia-quadro-competitivo-2016-wd72868/

A cura di  Beverfood.com Edizioni
©RIPRODUZIONE RISERVATA

caffepagato.com - Il tuo bar a portata di App - Ancora non sei affiliato?

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Bevitalia Bevande Analcoliche Acquista

Scrivi un commento

1 × due =