Carlo Carnevale
| Categoria Notizie Distillati, Liquori | 1166 letture

The Rum Day e The Whisky Day, il meglio dei distillati con una storia da raccontare

Foto presa da Facebook di Bartender.it
Foto presa da Facebook di Bartender.it

Wild Turkey Onestigroup Beverfood.com Channel Mai Tai Campari Distillati Ron Jungla Don Papa Storia Rhum Trois Rivières Raccontare Mixology Appleton The Rum Day Rinaldi 1957 Mavi Drink Rhum Damoiseau Cocktails Meglio The Whisky Day Whisky Rum Bartender.it Sagna Rhum J.m Teeling Distillerie Roner Ron Canuto seleccion Superior

A cura di

© Riproduzione riservata


Dal Centro America all’Irlanda, all’insegna della distillazione di due dei prodotti più profondi e introspettivi che si possa degustare al mondo. Rum e Whisky protagonisti all’evento di Bartender.it presso Mega Watt Court di Milano per una due giorni di immersione nel mondo della canna da zucchero e del malto, che ha permesso di spaziare tra degustazioni, masterclass, scoperte e racconti, inebriati dagli aromi esotici e inconfondibili dei distillati. Sugarcane da un lato,  Malt&Grain dall’altro per un’unica esperienza da raccontare. Anzi, che ha raccontato.

 

Guida Guidaonline Bibite e Succhi Beverfood bevande analcoliche energy sport drink thè caffè freddi succhi nettari
GuidaOnline Bibite e Succhi Beverfood.com Bevande Analcoliche bibite mixology thè e caffè freddi energy sport drinks Succhi Nettari Bevande Frutta Funzionali Horeca Concentrati

 

C’è chi si scinde in entrambe le dimensioni. OnestiGroup parla di frutta macerata nel rum agricolo bianco con sciroppo di canna e vaniglia, Les Arranges della famiglia Damoiseau: tradizionale, tropicale, esotico.

 

Gran e segale dal lato whisky, con la proposta ampliata da Larceny e Pikesvillemorbidi e rotondi, che fanno da apripista alla leggenda del prodotto di punta, Elijah Craig: un bourbon che prende il nome da un reverendo, lo scopritore del metodo di invecchiamento in botti carbonizzate, ottenute per la prima volta da un incendio in una distilleria. Sorprendentemente, il risultato non fu quello di affumicatura, bensì quello di un sentore vanigliato, unico, rimasto intatto fino ai nostri giorni.

 

C’è chi con un solo prodotto racconta in molteplici storie e le sfaccettature di un mondo che cambia. La storica casa di importazione Sagna descrive la flessibilità del mercato del rum, che passa dalla mixology alla meditazione, dallo stile caraibico direttamente ottenuto con il succo di canna da zucchero a quello inglese che si ottiene fermentando la melassa. Un solo prodotto che quindi assume caratteristiche diverse, a seconda dell’angolazione. Il Rhum J.M bianco viene proposto con due gradazioni alternative: 40 gradi, che esalta i profumi esotici e richiama la canna da zucchero, o 52 gradi, dai toni salmastri che riporta sentori di olive. “Sotto i 50 gradi in Martinica, il rum è considerato per uso pediatrico…”

 

 

C’è chi si dedica a entrambi gli universi, forte del ruolo di colosso che però non finisce mai di insegnare e curare il proprio prodotto: maggior successo vuol dire maggior responsabilità. Il colosso Campari è presente infatti su entrambi i fronti, e non manca di dimostrare la consueta classe. Sul versante rum veste i panni di Appleton Estate, che tramite i mixologists Ilaria Migliorini, Ettore Barbato e Cristian Lodi ripropone un classico come il Mai Tai, rivisto però in diverse chiavi: ispirato all’Oriente (My Thai), alla tradizione (Il Mio Tai) o addirittura ai gusti di un gelato (Cacio e Pere).

 

 

Dal lato whisky si trova invece la garanzia Wild Turkey, nome che non ha bisogno di presentazioni e che nel corso dell’anno ha permesso ai propri allievi di sperimentare la vera essenza, e la vera esperienza, del nativo Kentucky, con un campus ad hoc raccontato da chi effettivamente lo ha vissuto.

 

 

C’è chi sperimenta e trova soluzioni di pregio fin nel cuore del Sud America. Mavi Drink si conferma con due prodotti completamente diversi tra loro. Ron Canuto, esclusivo per il mercato europeo, un rum ecuadoriano invecchiato sette anni, con botti e bottiglie numerato e originario di un parco naturale, con acqua purissima delle Ande e invecchiamento a duemila metri d’altezza; e Ron Jungla, nove anni di invecchiamento a Cuba in botti ex bourbon, poi volo diretto per un ulteriore anno di invecchiamento a Maiorca, in botti ex brandy. Da provare riscaldato per esaltare la ciliegia.

 

 

C’è una particolarità tutta italiana, tra le maggiori distillerie di rum sul territorio del Belpaese. La bolzanina Ronen, che propone una melassa dai forti toni di liquirizia, e due varianti di rum, bianco o scuro, che viaggiano tra mele, pere e canna da zucchero. “Non facciamo rum francese o caraibico. Facciamo rum italiano”.

 

 

C’è il classico di Rinaldi 1957, che intreccia brillantemente entrambi i prodotti. Un whisky irlandese Teeling invecchiato in botti di rhum Trois Rivieres, con un finish caraibico; e un rhum Trois Rivieres, agricolo, invecchiato otto mesi in botti di whisky Teeling. Più semplice e geniale di così… Rinaldi propone anche la perla del Don Papa Cherry Cask, già esaurito in venticinque giorni: quattro anni in bottiglie ex bourbon e poi diciotto mesi in quattro diversi tipi di cherry, per sentori diversi e più secchi del normale. L’ultimo arrivato è la Maison du Rhum, una collezione di rum provenienti da varie nazioni in esclusiva Rinaldi: da Trinidad e Tobago, Venezuale, Perù. Un’aggiunta importante per i whisky lovers italiani.

 

C’è, in definitiva, ogni appassionato di rum e whisky che si dedica senza freni ai propri prodotti, per poterne raccontare storie ed emozioni e trasmetterlo anche a chi ci si approccia per la prima volta. Parafrasando un vecchio detto dominicano, “Non esistono problemi irrisolvibili, esiste solo troppo poco rum”.

+info: http://www.therumday.it/ e http://www.thewhiskyday.it/

© Riproduzione riservata

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

The Rum Day Wild Turkey Bartender.it Rhum J.m Mixology Cocktails Teeling Storia Rhum Damoiseau Ron Canuto seleccion Superior Appleton Raccontare The Whisky Day Ron Jungla Rinaldi 1957 Meglio Rhum Trois Rivières Beverfood.com Channel Onestigroup Campari Sagna Whisky Distillerie Roner Rum Distillati Don Papa Mavi Drink Mai Tai

ABI Professional Associazione Barmen Italiani

ARTICOLI COLLEGATI:

Il “think pink” conquista il mondo del bere

18/02/2019 - Secondo buona parte della dottrina, il termine cocktail è una fusione tra le parole inglesi cock, gallo, e tail, coda. A indicare la particolare varietà di colorazioni ch...

I protagonisti del Concorso Nazionale di A.B.I. Professional – Il “Ritual” di Cristian Russo

18/02/2019 - Nuova puntata della serie di interviste di Beverfood.com dedicata al prossimo Concorso Nazionale di A.B.I. Professional (Associazione Barmen Italiani). Tra i venti finali...

I protagonisti del Concorso Nazionale di A.B.I. Professional – La seconda volta di Giuseppe Stumbo

16/02/2019 - Prosegue la rubrica di Beverfood.com dedicata ai venti concorrenti del prossimo Concorso Nazionale di A.B.I Professional (Associazione Barmen Italiani). Oggi torniamo in ...

Samaroli, tra passato e futuro il più Italiano dei Whisky si racconta al Rasputin

15/02/2019 - Quando a Firenze apri Rasputin, il primo vero e proprio SpeakEasy della città, il successo fu immediato. In fondo, non c’è niente di più attraente di un segreto, nulla di...

I protagonisti del Concorso Nazionale di A.B.I. Professional – “Rendez-vous” con Federico Pempori

14/02/2019 - Nuovo capitolo della rubrica di Beverfood.com dedicata ai venti concorrenti del prossimo Concorso Nazionale di A.B.I. Professional, in programma tra il 31 marzo e il 3 ap...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

tre × 3 =