Pinterest LinkedIn

Anche l’edizione 2017 della Thomas Hardy’s Ale sta per vedere la luce: dopo mesi di fermentazione e maturazione in tank, la nuova annata è pronta per essere messa in bottiglia, a rifermentare pazientemente per qualche altra settimana prima di essere rilasciata sul mercato.

Chi ha avuto la fortuna di mettere le mani sulla Vintage 2015, andata letteralmente a ruba in maniera più veloce delle previsioni, si starà giustamente sfregando le mani: ancora qualche settimana, giusto il tempo di permettere ai lieviti di completare il processo di condizionamento in bottiglia, e anche l’annata 2017 verrà rilasciata sul mercato, permettendo la prima degustazione verticale “tripla” delle Thomas Hardy’s Ale del nuovo corso.

Un confronto interessante per molteplici aspetti: in primo luogo per riassaggiare la Vintage 2015 a due anni di distanza dall’imbottigliamento, un periodo di maturazione ancora breve per una birra accreditata di un potenziale di invecchiamento di 25 anni, ma già in grado di far capire se la direzione è quella giusta.

Annuario Birre Italia Birritalia Beverfood.com
Annuario Birra Italia Birritalia beverfood.com

E poi per vedere come i birrai guidati da Derek Prentice, decano della birra inglese, siano riusciti ad affinare ulteriormente la ricetta e la metodologia produttiva della regina delle Barley Wine.

Sì perché, al dispetto di quanto si sarebbe portati a pensare, nel corso della sua storia quasi cinquantennale la Thomas Hardy’s Ale ha subito tanti piccoli interventi che ne hanno limato gli spigoli e rafforzato, al tempo stesso, il carattere.

Una birra che si avvicina sempre più all’ottocentesca Strong Ale di Dorchester, raccontata dallo scrittore inglese Thomas Hardy nel suo romanzo The Trumpet Major:

“Era del colore più bello che l’occhio di un artista potesse desiderare per una birra: robusta e forte come un vulcano, piccante senza essere pungente, luminosa come un tramonto d’autunno, dal sapore uniforme, ma, alla fine, piuttosto inebriante. Il popolo l’adorava, la gente per bene l’amava più del vino.”

Non resta che prepararsi a fare ulteriore spazio in cantina e, per chi non l’avesse ancora fatto, recuperare qualcuna delle poche bottiglie di Vintage 2016 ancora in circolazione, in attesa che la nuova edizione della Thomas Hardy’s Ale, quella firmata “Vintage 2017”, venga resa disponibile sul mercato.

info@thomashardysale.com

www.facebook.com/thomashardyale

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Ice Cube - Made of Coolness - Ghiaccio alimentare

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

diciotto + 15 =