Maria Sofia Tarana
| Categoria Notizie Caffè - Tè - Bevande Calde e Coloniali | 1026 letture

UCIMAC: l’industria italiana delle macchine per caffè espresso ad uso professionale è in buona salute

Salute Macchine Espresso Ucimac Italiana Macchine Professionali Caffè Anima Analisi Industria Buona Professionale Caffè

Ucimac Anima Salute Caffè Macchine Professionali Caffè Buona Professionale Macchine Industria Italiana Espresso Analisi

Il settore delle macchine del caffè professionali si pone all’avanguardia all’interno del sistema manifatturiero italiano, forte della specializzazione e della professionalità delle aziende che lo compongono. L’Associazione Italiana Costruttori macchine del caffè professionali UCIMAC raggruppa, all’interno della federazione Anima, le aziende che producono macchine del caffè professionali.

 

Il comitato scientifico di indirizzo, creato nell’ambito dell’associazione UCIMAC, ha elaborato la seconda edizione dell’analisi del settore, uno studio che offre una panoramica del sistema italiano.

Sulla base delle informazioni disponibili nel database AIDA si sono analizzati alcuni rilevanti indicatori di bilancio delle imprese del settore delle macchine da caffè professionali, al fine di verificarne la performance economica e l’adeguatezza della struttura finanziaria nel periodo 2013-2017. L’analisi, che si è concentrata su tutte le aziende del settore (oggi 30), ha consentito l’approfondimento delle condizioni medie di equilibrio gestionale (economico, patrimoniale e finanziario) del comparto, ovvero di elementi che nel complesso possono servire sia da indicazione sullo stato di salute del settore, che da benchmark per l’analisi delle singole imprese.

Il settore sta bene, mostra una buona tenuta degli equilibri gestionali e un rafforzamento patrimoniale di gran parte delle aziende coinvolte nello studio. Si nota un fatturato crescente in tutti gli esercizi considerati, il 2017 chiude su livelli più alti di circa il 35% rispetto al 2013. Unico segnale che impone qualche cautela è che nell’ultimo anno sono aumentate le imprese che hanno registrato una variazione negativa delle vendite, da considerare nel quadro di una stabilizzazione o ripresa generale del settore dopo il 2013. Il ROE, in particolare, si attesta nel 2017 intorno al 19%; sovraperformando i numeri di inizio periodo (ROE 2013 pari al 17%).

Le imprese del comparto presentano in media una situazione incoraggiante dal punto di vista dell’equilibrio finanziario: i valori medi degli indici di liquidità e di disponibilità rimangono su valori più che soddisfacenti. La situazione finanziaria delle imprese esaminate presenta segnali complessivamente positivi.

Dal confronto con i competitor internazionali emerge che il settore italiano delle macchine del caffè professionali è il leader mondiale, anche durante la crisi economica mondiale che ha caratterizzato gli ultimi anni. Il sistema Italia eccelle senza dubbio nel settore “apparecchi e dispositivi per la preparazione di bevande calde o per la cottura o il riscaldamento degli alimenti (esclusi apparecchi domestici)”. Nel periodo considerato (2012-2016), l’Italia ha sempre mantenuto una posizione di leadership a livello mondiale, sia in termini di export che di saldo commerciale. Per quanto riguarda l’export, il 2016 ha visto l’Italia ancora prima (912,7 mln di dollari), seguita sempre dalla Germania (817,2 mln di dollari), dagli Usa (681,9 mln di dollari) e dalla Svizzera (470,8 mln di dollari).

 

Annuario Coffitalia Caffè Italia Scarica Gratis
Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi Scarica Gratis in versione PDF

 

Le fonti per il successo delle imprese del settore passano senza dubbio attraverso l’intensificarsi di azioni verso mercati stranieri in via di espansione. Accanto a queste scelte che comportano importanti investimenti tra le possibilità di innovazione strategica vi sono nuove forme di collaborazione con le imprese a valle della filiera.

Per perseguire questi obiettivi strategici sono richiesti ingenti investimenti che potrebbero essere frutto anche di sinergie tra imprese concorrenti: tanto più che sui nuovi mercati il vero concorrente è rappresentato non già da imprese simili quanto da produttori di prodotti sostitutivi o complementari (es. produttori di macchine per caffè americano).

In questo senso potrebbero risultare favorite le imprese associate UCIMAC, che costituiscono la quota più significativa del fatturato di settore e che già si mostrano come più attente alla collaborazione interaziendale. I torrefattori italiani hanno infatti aumentato il loro fatturato nel tempo ma ridotto la quota relativa: per crescere occorre quindi estendersi su altri mercati sia geografici che settoriali. Una particolare attenzione è stata posta sulla Corea del Sud, dove è stato esportato il maggior numero di macchine nel 2018 – sia di tipo tradizionale che di tipo automatico. Anche se gli ordini di grandezza sono ancora a favore delle tradizionali.

Il settore esaminato, seppur nella disomogeneità di comportamento delle imprese prese singolarmente e/o nelle diverse classi dimensionali, mostra una buona tenuta degli equilibri gestionali anche nella prima fase (non espansiva) del periodo osservato.

In particolare risaltano: la capacità di mantenere adeguate condizioni di liquidità da parte delle imprese; il rafforzamento patrimoniale, sintetizzato dalla notevole contrazione della leva finanziaria; la crescente capacità di sostenere il debito, dovuta alla riduzione di medio periodo del livello dei tassi accompagnata da una riduzione dell’indebitamento netto delle imprese.

 

+INFO: www.anima.it

 

+ COMMENTI (0)

Limoncello Pallini - premiato dai consumatori al Quality Award 2019 - inimitabile qualità italiana da 140 anni

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Industria Salute Caffè Professionale Espresso Macchine Anima Macchine Professionali Caffè Buona Italiana Ucimac Analisi


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

ARTICOLI COLLEGATI:

Osservatorio Vini: l’Italia si conferma per il 2019 primo produttore mondiale con 46 Mio/Hl

Osservatorio Vini: l’Italia si conferma per il 2019 primo produttore mondiale con 46 Mio/Hl

04/09/2019 - La vendemmia 2019 segna la nascita di una nuova collaborazione. Per la prima volta, infatti, Unione Italiana Vini, Ismea e Assoenologi uniscono le rispettive forze e comp...

Nielsen: indice di fiducia dei consumatori italiani in crescita nel secondo trimestre 2019

Nielsen: indice di fiducia dei consumatori italiani in crescita nel secondo trimestre 2019

28/08/2019 - Nel secondo trimestre del 2019 la fiducia dei consumatori italiani sale a quota 69 punti, +1 punto rispetto al trimestre precedente. In crescita su base trimestrale anche...

Just Eat: l’acquisto di Takeaway coinvolge 1 italiano su 3

Just Eat: l’acquisto di Takeaway coinvolge 1 italiano su 3

27/08/2019 - La maxiacquisizione in atto nel settore della food delivery interessa più di un italiano su tre che ha ordinato dal telefono o dal proprio personal computer pizza, piatti...

Carimali è pronta a festeggiare il centenario e guarda al futuro

Carimali è pronta a festeggiare il centenario e guarda al futuro

30/07/2019 - Quest’anno Carimali compie cento anni e ha scelto di festeggiare questo importante traguardo con numerosi eventi che uniranno passato, presente e futuro. L’eve...

L’impatto dell’e-commerce sul settore delle bevande alcoliche

L’impatto dell’e-commerce sul settore delle bevande alcoliche

15/07/2019 - L'industria del Beverage, come altri, ha individuato come mezzo fondamentale il digital per interagire con i consumatori, informarli e imparare da loro stessi così da ven...

Joint Venture Carimali & Slingshot

Joint Venture Carimali & Slingshot

12/07/2019 - Carimali SpA è lieta di annunciare la joint venture con Slingshot, avviando una partnership commerciale e produttiva.   I due marchi continueranno ad o...

Export italiano vino: bene il primo trimestre ma non soddisfatte le aspettative

Export italiano vino: bene il primo trimestre ma non soddisfatte le aspettative

08/07/2019 - Dopo la battuta d’arresto del 2018 torna a crescere, l’export in volume di vino. Nei primi tre mesi del 2019, secondo elaborazioni Ismea su dati Istat, sono stati consegn...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

quattro × 1 =