Erika Mantovan
| Categoria Notizie Vino | 2317 letture

Un dolcetto longevo e di carattere esiste, si chiama Ovada

Foto di Giuseppe Martelli
Foto di Giuseppe Martelli

Consorzio Di Tutela Dell’ovada Ovada Carattere Dolcetto Vini Docg Esiste Chiama Longevo

© Riproduzione riservata


Ci sono colline di confine in Piemonte in cui un’uva pura e d’animo quotidiano diventa una regina incontrastata. È il dolcetto. Protagonista delle tavole – certo – e delle famiglie locali, cosi come della storia. Lontano dalle Langhe e dai monti, in verdi e pianeggianti tunnel ariosi, spinti dal vento marin, superate le dune del Cortese, si arriva a Ovada, nome derivato forse da “Vada” o “Vadum”. Tappa obbligata delle legioni romane in cui l’uva è diventata un’ambasciatrice.

 

Wine Marketing Agra
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

Le conferme delle origini della produzione del dolcetto, a conferma della sua tipicità, del suo legame con l’Alto Monferrato e di quell’esser speciale, oltre ai racconti orali e scritti di nobili penne che hanno promosso e tutelato il territorio, arrivano dall’ascolto dei riscontri degli orizzonti terrestri. Oggi, le vigne vecchie e l’arte della vinificazione rappresentano un grande orgoglio per gli ovadesi, in primis, e per chi ama la storia. Da scoprire, per lasciarsi stupire. Ovada spegne nel 2018 dieci candeline dall’ottenimento della Docg, che racchiude ben 22 comuni tra i quali non mancano quelli condivisi con il Gavi (Bosio, Capriata d’Orba e Parodi Ligure) e non distanti quelli che si sviluppano su colline con vista sulla confluenza dell’Orba e dello Stura (i due torrenti di Ovada), Cremolino, Rocca Grimalda e Tagliolo Monferrato.

Nelle cantine dei castelli le vecchie bottiglie, anche di trent’anni, sono in grado di impressionare anche i palati più esperti. Infatti già il Gallesio diceva che “i più stimati [dolcetti] sono quelli d’Ovada e dei suoi contorni…pare che il clima di quelle colline sia il più appropriato alla natura di quest’uva, mentre essa vi matura perfettamente senza che cadano gli acini, come avviene nei paesi meridionali e vi acquista un grado di perfezione a cui non giunge in verun altro luogo”.

E anche il grande Veronelli lo fotografava come “vino [il dolcetto a Ovada] che (a differenza del normale dolcetto che ama essere bevuto giovane) per le caratteristiche particolari del clima e la natura del terreno, gradisce un invecchiamento anche prolungato come altri più conosciuti vini del Piemonte”. Cosi come anche puntuale e territoriale è la descrizione del Soldati quando dice che “non ha veramente nulla [il dolcetto a Ovada] del dolcetto delle Langhe…lo si distingue da maggior profumo, maggiore gradazione, maggiore densità e una maggiore possibilità di invecchiamento”.

 

Foto di Giuseppe Martelli

 

Longevità, profumi marcati, toni accesi e un’incredibile polpa in bocca sono quindi i marker di quest’uva precoce che nasce in suoli marnosi, ripidi, ricchi tufo, argilla e calcare. A rendere tutto più poetico e competitivo c’è anche l’immancabile fiume come in ogni grande zona vinicola che si rispetti, arriva qui a formare le rive partendo da quella chiamata come la Riserva naturale speciale del Torrente Orba. Il paese di Ovada circondato ad anello ne resta totalmente coinvolto. Per tutte queste ragioni, il Consorzio di tutela dell’Ovada insieme a all’Associazione di Imprese Winexperience ha deciso di dar luce al progetto Ovada Incontra le Langhe, sabato 29 settembre dalle ore 16.30 presso Casa Wallace a Cremolino.

Una manifestazione divertente e gourmet con un taglio professionale soprattutto alla mattina quando in una speciale tavola rotonda si sono tracciati i profili di questo vitigno con una degustazione-confronto tra produttori, ristoratori e giornalisti. Esauriti gli assaggi, quello che stupisce è l’alta concentrazione di aziende biologiche, se paragonata al numero (poco più di 30) e alla superficie vitata (100 ettari circa) non tutta destinata al dolcetto ma anche a barbera, cortese, albarossa e qualche cultivar internazionale. L’atteggiamento al tannino è di assoluto rispetto, lo si lascia esprimere in tutta la sua forza, in giovane età, senza un eccessivo uso del legno. E poi c’è qualche cantina, lodevole, che attende oltre cinque anni prima di proporre al mercato i vini per esaltarne la materia e ascoltarne l’eleganza, maturate mediante una lunga sosta in vetro.

In linea generale nei primi anni di vita gli Ovada sono difficili da capire, le rigidità di tannini nervosi e dinamici trattengono e nascondono gli aromi, all’inizio più cupi e vegetali, di una polpa dolce fatta di bacche rosse, di ciliegia e prugna sciolte in percezioni più balsamiche e mentolate. L’acidità è netta, concentra la potenza dell’uva salvandola a lungo nel tempo rendendo cosi il Dolcetto di Ovada un vino “non previsto”, un incontro che ti spinge fuori gioco in grado di abbattere il pregiudizio nei suoi confronti. Disciplinare alla mano si trovano le versioni: “Dolcetto di Ovada Superiore” o “Ovada”, ”Riserva” a cui è possibile aggiungere della menzione “vigna”. Tra i 12 Ovada, precedentemente selezionati, dal 2016 al 2004, tre sono quelli che in linea temporale raccontano il percorso evolutivo del vitigno.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

Ovada Riserva DOCG Forti del Vento 2015 – Ottotori: una scommessa della cantina vinta. Siamo su colline argillose e chiare, con marne affioranti e molto ripide, condotte in biodinamica. Riva sinistra. Ne risulta un vino di energia, fittissimo e sapido che si presenta con trama speziata e freschissima. La potenza tannica è fine ma tagliente. A meta palato raggiunge la finezza e l’equilibrio. Bello e impattante oggi non stancherà un secondo assaggio più avanti.

Ovada DOCG Losna 2012 – Rocco di Carpeneto: siamo con una delle ultime cantine nate in zona che in poco tempo ha saputo farsi strada. Molta strada. Le piante lavorate in regime bio sono di età compresa tra i 14 e i 44 anni di età in suoli a prevalenza di limo ed argilla a Carpeneto. Riva destra. Naso delicatamente profondo, con ritmi esplosivi che anticipano una grande performance in bocca. La peonia, il rabarbaro e cenni di bacche blu si fanno di incredibile densità. Ogni elemento è totalmente legato al suo nucleo. Il tannino fine e morbido lascia tracce più mentolate ma soprattutto sapide. Un vino coinvolgente e di grande prospettiva.

Ovada DOCG La Bocassa 2011 – Cascina La Signorina: sempre a Carpeneto ma in località Mardelloro in regime bio i terreni qui sono tufacei e con calcareo bianco. In produzione dal 1982 l’idea è da sempre quella di uscire dopo almeno sette anni di affinamento. Il risultato? Le durezze dei tannini son diventate velluto. Il palato è foderato dalla polpa, materica ed elegante. C’è un fiume fatto di succo di mirtilli e fiori che lascia la bocca sospesa. Un vino che non da cenni di interruzione e lascia all’uva palesarsi per quella che è.

 

Per maggiori info sul Consorzio di Tutela dell’Ovada e vini: ovada.eu

© Riproduzione riservata

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Dolcetto Longevo Ovada Vini Docg Esiste Chiama Consorzio Di Tutela Dell’ovada Carattere


BEER ATTRACTION - 16-19 febbraio 2019 Rimini fiera - specialità birrarie, alle birre artigianali e al food per il canale Horeca

ARTICOLI COLLEGATI:

Cantina Ferraris, vite dedicate al Ruchè

04/10/2018 - Siamo con Luca Ferraris, anche noto come il “signore del Ruchè”. La sua cantina omonima è ormai riconosciuta ed apprezzata non solo nel perimetro monferrino ma anche in o...

COLDIRETTI: “I grandi vini piemontesi sono gioielli dell’export in Europa e nel mondo”

04/09/2013 - I grandi vini piemontesi, pregiati gioielli del territorio brillano e diventano ancora più preziosi sotto il sole settembrino. Il trend di crescita dell’export è positivo...

Gavi: a Vinitaly il bianco piemontese presenta il premio la buona Italia

18/04/2017 - A Vinitaly 2017 il Gavi parte da un’equazione, che sta alla base del premio la Buona Italia. A Verona è stata presentata la short list del premio giunto alla sua terza ed...

Tutti i vini dell’Alto Piemonte in un click

15/03/2018 - “Alto Piemonte” oltre ad esser un territorio unico e complesso capace di regalare vini autentici, veri e propri ready-made, è anche il nome della prima piattaforma web de...

Winemonitor: focus sui VINI DOP ROSSI in Veneto, Piemonte e Toscana

09/06/2015 - Il 52% dei vini a Denominazione d’Origine Protetta trasformati in Italia provengono dalle tre regioni vitivinicole di Veneto, Toscana e Piemonte. La Toscana registra la m...

vino-usa

Promozione dei vini del Piemonte sul mercato USA a cura del Consorzio Piemonte Land of Perfection

29/07/2013 - Gli americani bevono in media 9,5 litri di vino all’anno. Ancora pochi rispetto agli oltre 45 di italiani e francesi, ma i consumi stanno crescendo. La conferma arriva da...

Piemonte Anteprima Vendemmia 2017: Produzione in calo, ma crescono gli ettari vitati e bene l’export

16/02/2018 - È stata la vendemmia del grande caldo con tanti eventi anomali - una germogliazione precoce della vite, una terribile gelata a fine aprile e un’estate equatoriale - che h...

Dal 2014 la produzione dei VINI DOC ha superato quella dei VINI IGT

21/07/2015 - Nel 2014  per la prima volta, il segmento più importante della produzione vinicola italiana di qualità è costituito dai vini a Denominazione di Origine, con 8,8 milioni d...

Gruppo Santa Margherita: uomini, terre e vini alla Milano Wine Week

10/10/2018 - Tre frammenti di una sola realtà, una delle più rilevanti sul territorio italiano e non solo. Tre cristalli che compongono un intero gioiello, negli anni pioniere prima e...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

quindici − nove =