0
Pinterest LinkedIn

È l’ambizioso obiettivo al quale sta lavorando l’Enoteca regionale dell’Emilia-Romagna, d’intesa con l’amministrazione regionale. L’obiettivo è riposizionare le etichette e far pesare maggiormente sul settore turistico l’asset dell’enogastronomia.

enoteca-vini-emilia-romagna-sede

Un restyling per rilanciare la viticoltura di quella che con una produzione 2014 di 6,6 milioni di ettolitri (-10% rispetto al 2013) è la seconda regione produttrice di vino in Italia (alle spalle del Veneto) e la quinta maggiore esportatrice (con un giro d’affari estero di 309 milioni di euro). Una ristrutturazione che punta innanzitutto sui nuovi prodotti e sulla riscoperta di etichette affermate. Tra i primi il più interessante al momento è il Pignoletto. Uno spumante bianco (ma in misura ridotta esiste anche la tipologia di vino fermo) che negli ultimi anni in Italia è stabilmente tra i vini che mostrano le migliori performance nella grande distribuzione organizzata. (crescita al ritmo del +10% l’anno).

Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

Ma la revisione di quello che al momento è l’”hot brand” dell’enologia emiliano-romagnola è solo un aspetto del più profondo restyling. «Stiamo lavorando alla caratterizzazione di quattro grandi macroaree: quella del Sangiovese di Romagna, quella del Pignoletto (da Bologna a Modena e a Ravenna), il territorio dei Lambruschi (che va da Modena a Reggio Emilia e a Parma) e infine l’area della Malvasia (Piacenza e Parma) e del Gutturnio (Piacenza). Territori nei quali grazie al lavoro di alcune cantine (nel Lambrusco in prima fila ci sono le etichette Ceci e Medici Ermete) i vini della regione stanno uscendo da una fase di sottovalutazione se non di vero e proprio anonimato».Risale allo scorso anno ad esempio, la “prima volta” sulla celebre rivista Usa Wine Spectator di un Lambrusco, a cui è seguito l’inserimento da parte della rivista britannica Decanter di ben due Lambruschi nella classifica “Top 50 wines of 2014”.

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Ma la vera scommessa è ora quella sul turismo. «La strada per qualificare il vino emiliano-romagnolo è quella di legarlo ai territori. La leva da azionare è quella della Via Emilia, che ha più di 2mila anni di storia e attraversa borghi e città ricche di monumenti e di fascino. Legando questo percorso agli itinerari gastronomici e quindi ai vini che si producono nei differenti territori, siamo convinti che si possa valorizzare anche questa parte importante della nostra regione che non ha nulla da invidiare ad altri e finora più blasonati territori del vino made in Italy».

Fonte: www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2015-06-23/e-tempo-restyling-i-vini-si-lavora-caratterizzazione-4-macroaree-104946.shtml?uuid=

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

12 + 3 =