Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Un fast food all’italiana nel cuore del Mugello. A mezz’ora da Firenze ha aperto Borgo!, inno alla semplicità, alla genuinità e alla territorialità, dai piatti fino ai cocktail, che riporta la convivialità e la socialità al primo posto.

Con un format improntato sulla condivisione, su un cibo genuino e a km 0, in un ambiente informale e con ritmi flessibili, Borgo! è un borgo rimasto autentico, ma dall’esperienza contemporanea. Prossimo punto di riferimento per Borgo San Lorenzo, così come per una gita fuori porta, il nuovo locale di Simona Pasquini e Simone Caiazza, coppia nella vita e nel lavoro, propone specialità come i tortelli di patate e altre sfiziosità del territorio, abbinate a una proposta drink che esalta le realtà artigianali della Toscana.

Per conoscere nel dettaglio l’offerta beverage di questa nuova realtà del fiorentino, Beverfood.com ha intervistato i due bartender di Borgo! Andrea Gherardini e Marco Zucchetti: “Volevamo creare un’offerta che fosse semplice sia da capire che soprattutto da bere, come può essere semplice e facile mangiare un tortello. Proprio questa, d’altronde, è l’idea che sta alla base di Borgo!: proporre ai nostri ospiti uno spazio accogliente e confortevole, dalla location al cibo fino ai drink”.

Vini e cocktail, la parole chiave (anche) dietro al vostro bancone è senza alcun dubbio territorialità.
“Per quanto riguarda i vini abbiamo cercato di avere una tipologia per ogni tipo di gusto e dare la possibilità al cliente di trovare quello giusto per lui. Per i cocktail, oltre a quasi tutti i grandi classici, abbiamo invece elaborato una nostra lista di signature basati sulla toscanità e sui distillati della nostra regione. Così come i piatti che escono dalla nostra cucina, anche i nostri drink si rifanno infatti a prodotti locali come Vermouth del Mugello, J. Berry Gin, VKA Vodka, Peter in Florence, Mediterraneo Gin… Tutti ingredienti che arrivano da queste zone”.

Ci racconti qualche drink nello specifico?
“Trovandoci nel cuore del Mugello e volendo avvicinare i cocktail al nostro territorio, non potevamo non usare il Vermouth del Mugello, sia l’Oro, abbinato con bergamotto e tonica, sia il Cremisi, che con il suo sapore più speziato caratterizza il nostro twist sul celebre cocktail MilanoTorino”.

Chiosa inevitabile sui ragazzi di Boozer Project, che hanno curato a 360° la vostra proposta beverage.
“Sono fondamentali, sia per le loro conoscenze sia per l’aspetto umano di ognuno di loro, che a mio avviso è la cosa più importante. Li ringrazio tutti, dal primo all’ultimo, perché hanno portato anche qui l’esperienza e la qualità del loro Elementi – Cocktail & Pizza e dei tanti altri progetti che hanno curato, aiutandoci a improntare una proposta beverage valida tanto quella food”.

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Nino Negri - 5 Stelle Sfursat

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

5 × 5 =