0
Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Nella cornice anni ‘30 di Villa Necchi Campiglio, il FAI- Fondo Ambiente Italiano- e DonnaFugata mettono in mostra l’arte di Stefano Vitale, che con le sue etichette ha saputo imprimere i colori e i profumi di quei vini che dipingono la Sicilia.

 

Se in amor vince chi fugge, pare che il proverbio abbia la stessa efficacia anche nel vino.

Donnafugata è il nome che si rifà al Gattopardo, romanzo siciliano per eccellenza, che racconta la fuga e il rifugio della regina Maria Carolina nel Feudo di Salina durante la Repubblica di Napoli.

Gabriella e Giacomo Rallo, catturati dell’episodio, decidono così di prenderne spunto per battezzare la loro azienda. Nel 1983 nasce così Donnafugata e con lei le avventure di una famiglia che, con dedizione, ha saputo trasportare nei meandri del proprio vino e il suo terroir, proprio come in un’odissea.

 

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

 

In ogni storia che si rispetti accade ad un certo punto di fare un incontro. Di quelli inaspettati, ma che danno già segnali di un rapporto più profondo. E profetica fu la conoscenza di Gabriella con Stefano Vitale, uomo dalla spiccata indole artistica, che dopo un pregresso in America e un contatto con l’arte popolare, decide di tornare in Italia. La signora Rallo catturata dalla sua creatività, gli propone di realizzare un’etichetta.

 

Ed ecco che prende forma il primo di una lunga serie di disegni: La Fuga. Un omaggio al nome della casa vitivinicola e alla sua vera donna: Gabriella. Lei che come Maria Carolina è fuggita. Da un pregresso come insegnante ad imprenditrice nel vino. Nei suoi capelli si modellano le onde del mare, i filari delle viti e le curve delle colline colorati di quel giallo che ha solo la Sicilia.

 

 

Parte così un sodalizio tra l’artista, la Sicilia e il vino. Come un percorso, un racconto che attraverso il segno e il colore esprime il mondo e le tracce di una donna in moto perenne, che è ora innamorata, ora fuggitrice.

Un’ espressione artistica che si concretizza nelle etichette di alcune delle bottiglie più note e amabili del mondo, da cui prende corpo la mostra Inseguendo DonnaFugata. Il percorso espositivo si articola nelle sale di Villa Necchi a Milano, svelando le tappe e i valori di un progetto d’impresa.

Tra bozzetti, video-interviste e degustazioni ci si immerge nella sfera di quei vini che hanno saputo dipingere la Sicilia in una perfetta sintonia tra il prodotto e la sua terra.

 

+INFO: www.donnafugata.it

 

© Riproduzione riservata

caffepagato.com - Il tuo bar a portata di App - Ancora non sei affiliato?

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

venti − 4 =