beverfood
| Categoria Notizie Vino - Alcolici - Liquori - Spirits (Vecchia) | 2001 letture

I VINI STRANIERI NELLA RISTORAZIONE ITALIANA: LA FRANCIA DAVANTI A TUTTI, MA IL NUOVO MONDO BATTE LA VECCHIA EUROPA

Francia Vino Vini Stranieri Ristorazione Italiana Davanti Batte Vecchia Europa

Europa Stranieri Davanti Francia Vini Ristorazione Batte Vecchia Vino Italiana

L’attenzione ai vini esteri è per i ristoratori «una risposta alla domanda, alla ricerca di price for value e – al tempo stesso – di ricarico meno elevato di un tempo. Attenzione, però, a non cadere nell’equivoco derivante dall’assioma vino internazionale eguale vino dal prezzo abbordabile, che non è sempre vero. Basti pensare a certe etichette francesi… o spagnole!» (Alberto P. Schieppati, direttore editoriale di Artù). «La maggiore offerta di vini d’importazione è la risposta alla domanda di mercato, soprattutto per gli spumanti, champagne in primis» (Luigi Piacentini, presidente di Premium Wine Selection P.W.S.).Dalle interviste di Aspettando Vinitaly, disponibili sul sito http://aspettando.vinitaly.com dove è possibile partecipare al dibattito, emerge questa settimana uno spaccato sui vini esteri nelle carte dei vini dei ristoranti italiani.


Databank Database Tabella csv excel xls Case Vinicole Cantine

«Una carta dei vini dove figurano vini d’importazione, in particolar modo francesi o del nuovo mondo avrà un effetto positivo sul cliente del ristorante» (Santi Planeta). «Da sempre le etichette straniere più importate sono francesi, tedesche e spagnole, per un discorso di qualità effettiva del prodotto» (Massimo Spigaroli, chef del ristorante Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense – PR). La Francia, non è una novità, fa la parte del leone, ma la Spagna sembra avere un prestigio tale da potersi permettere di piazzare etichette anche molto costose. La Germania occupa la terza posizione, confermando i dati raccolti dall’indagine “Vinitaly incontra la ristorazione”, disponibile nella sezione “Studi e Ricerche” del sito www.vinitaly.com. Dall’indagine è emerso, in particolare, che il 99% dei ristoranti italiani con carte dei vini con oltre 100 etichette aveva bollicine francesi, mentre solo il 9% offriva etichette spagnole. Più varietà per i vini rossi, con il 94% di ristoranti con vini francesi, il 49% con bottiglie spagnole, il 42% cilene, il 39% dagli Usa, il 35% da Australia, il 32% da Argentina e il 29% dal Sud Africa. Per trovare una buona rappresentanza di vini europei bisogna guardare tra i bianchi, che provengono per 96 ristoranti su 100 dalla Francia, per il 49% dalla Germania, per il 36% dall’Austria, per il 24 e 22% rispettivamente da Nuova Zelanda e Australia, mentre vini bianchi spagnoli vengono offerti solo nel 18% dei ristoranti, al pari di Sud Africa e Stati Uniti (18 e 17% rispettivamente). Di fronte a tanta offerta, però, secondo Planeta «la migliore carta dei vini è quella che riesce ad accontentare la ricerca di nomi conosciuti dal cliente e quella che soddisfa le sue curiosità di novità».

+INFO: pressoffice@veronafiere.itwww.vinitaly.com

+ COMMENTI (0)

DonQ Rum distribuito da Ghilardi Selezioni

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Stranieri Italiana Francia Ristorazione Vecchia Batte Vini Vino Europa Davanti

Tags/Argomenti:

ARTICOLI COLLEGATI:

Halloween, tempo di targetizzazione dei consumatori: Fanta France mira ai Teenager

30/10/2017 - Arancione non è solo il colore delle zucche, ma anche… delle arance! Chissà se è questo il filo conduttore che ha portato in Francia al’idea di creare una versione di Fan...

Focus Nomisma Wine Monitor: confronto tra Italia e Francia nell’export dei vini rossi Dop

18/02/2019 - I dati di Nomisma Wine Monitor sul rapporto tra Italia e Francia nell'export di vino imbottigliato parte dal confronto tra i rossi Dop delle tre regioni vinicole italiane...

lo Spritz e l’estate 2017: Analcolico, BIO, Sciroppo… nuove versioni o imitazioni?

23/06/2017 - La moda dello Spritz sembra non doversi arrestare mai, ma ormai la sua fama è tale da prescindere i suoi creatori e la ricetta originale. Infatti il successo globale è co...

In Francia i consumi degli alcolici in continua flessione. L’Horeca in seria difficoltà…

28/08/2017 - Tra i Francesi con più di 18 anni, solo il 9% fa consumo quotidiano di alcool. Una discesa di sei punti tra il 2010 e il 2016. Ad oggi, il 13% degli uomini consuma alm...

La guerra del tè freddo è iniziata. In Francia nuovi prodotti provano a scalzare il leader

02/05/2017 - La guerra del tea è iniziata. Il vuoto di mercato che si sta creando dopo la fine della partnership tra Coca Cola e Nestlè ingolosisce molte aziende, che ora sono pronte ...

Il liquore per guidare e l’assenzio per la salute: pubblicità d’epoca che oggi fanno sorridere

25/06/2018 - Oggi giorno tutti sappiamo le conseguenze dell'alcool sulla nostra salute, quindi giustamente lo consumiamo con intelligenza, nei momenti giusti e con la parsimonia dovut...

Lidl sempre più local, in Francia lancia una gamma di soda regionali

17/05/2018 - Che Lidl negli ultimi anni abbia cambiato posizionamento è chiaro a tutti, ma ultimamente il focus pare essersi spostato molto anche sul bere local. [beverbanners ...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

16 − undici =