beverfood
| Categoria Notizie Vino | 2329 letture

VINITALY 2013: L’export, la qualità, la sostenibilità, la diversità e l’aggregazione sono i le cinque fattori chiave del settore vinicolo italiano

Export Vinitaly Sostenibilità Diversità Aggregazione Cinque Fattori Chiave Vinicolo Italiano

Aggregazione Sostenibilità Vinitaly Chiave Cinque Italiano Fattori Vinicolo Export Diversità


Export, qualità, sostenibilità, diversità e aggregazione: sono queste le cinque key words, gli asset che hanno garantito al mondo del vino italiano di rappresentare una delle eccezioni positive di fronte alla crisi globale che ancora non vuole smettere di mordere. Elementi che continueranno a sostenere il Bel Paese in bottiglia anche nel 2013 e, anzi, potranno fornire ulteriori margini di crescita e sviluppo. Cinque espressioni della vivacità di un comparto che sarà protagonista a Vinitaly, la rassegna internazionale di riferimento del settore, di scena a Verona dal 7 al 10 aprile (www.vinitaly.com). Stabilire una precisa scala gerarchica di questi cinque fondamentali elementi forse non è possibile, ma è inevitabile iniziare dall’export. Se si guarda agli andamenti delle esportazioni arrivano confortanti conferme per i vini tricolore e un quadro di riferimento che indica inequivocabilmente che questa strada è ormai senza ritorno e, soprattutto, di grande prospettiva futura. Una vera e propria soluzione non solo alla “fatica” del mercato interno, ma anche alla ricerca di uno sviluppo del business che, a livello del mercato globale, non sembra conoscere crisi.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice Il vino italiano, infatti, anche nel 2012 si conferma come uno dei comparti più affidabili e in salute, almeno da questo punto di vista. Il valore delle esportazioni delle etichette nazionali raggiunge i 4,7 miliardi di euro (segnando un nuovo record), in crescita del 7% sul 2011 (dati Istat), a fronte, però, di un calo dei volumi del 9% (intorno ai 21,4 milioni di ettolitri). Uno scenario decisamente positivo considerando la posizione delle nostre etichette nel 2007, cioè prima della crisi, quando l’export valeva 3,4 miliardi di euro per 18,7 milioni di ettolitri a volume. Insomma, per vari motivi, l’Italia del vino ha saputo consolidare e soprattutto rafforzare la sua presenza sui mercati internazionali, valorizzando in modo deciso sia i mercati maturi e fidelizzati che quelli, soprattutto orientali, dalle grandi prospettive, ma ancora un po’ volatili, marcando in questo senso una differenziazione fondamentale con le politiche di esportazione francesi, che, a fronte di risultati importanti, restano un po’ più a rischio. Se l’export tira come non mai, il merito va, soprattutto, anche se non sempre questa voce è adeguatamente ricordata, alla qualità. Ormai il mondo del vino è abituato a considerare il livello qualitativo delle etichette italiane ben attestato su livelli più che soddisfacenti e quasi dimentica che questa acquisita sicurezza organolettica è prima di tutto una delle caratteristiche più importanti dei vini del Bel Paese. Si tratta di un risultato che arriva dopo un percorso difficile e al contempo impetuoso, relativamente lungo (a partire, grosso modo, dalla metà degli anni Ottanta) e irreversibile, che ha visto l’intero comparto compiere passi che, probabilmente, a livello mondiale, nessun Paese produttore ha compiuto in così poco tempo e con risultati altrettanto straordinari.

La qualità delle bottiglie italiane, infatti, da quelle cheap ai fine wine, ha raggiunto un livello capace di essere anche un modello per la produzione del resto del mondo. I fattori che determinano questa qualità sono molteplici, coinvolgono l’intero processo produttivo e sono strettamente interconnessi. Un caleidoscopio complesso, certo, magari comunicabile con più difficoltà, ma un punto di forza che contribuirà sempre a mantenere la produzione enologica italiana competitiva e piena di appeal, garantendo margini di ulteriori miglioramento. La voce che forse va più di moda, anche se a ben guardare non si tratta di una tendenza momentanea ma di un preciso cambio di paradigma produttivo e culturale, è la sostenibilità. Un aspetto di grande importanza, specie per la sensibilità di chi il vino lo consuma, e che i produttori italiani stanno sempre più accrescendo nelle proprie aziende: una “voglia” di attenzione ambientale, di cura nei processi produttivi che sta sempre più interessando il comparto vitivinicolo. C’è poi la sostenibilità sociale, cioè rapporti corretti con le proprie maestranze (no al lavoro nero, niente discriminazioni di sesso o religione, ecc.), ma anche quella economica, realizzabile solo attraverso una progettualità seria e un affrancamento totale o parziale delle realtà produttive rispetto alla finanziarizzazione delle imprese.

La sostenibilità economica, peraltro, è necessaria per mantenere un altro caposaldo del comparto vitivinicolo tricolore: la diversità. L’Italia del vino non è soltanto un numero importante di Doc e Docg (rispettivamente 330 e 73 più 118 Igt), ma anche un vero e proprio insieme di territori di straordinaria bellezza e dalle caratteristiche così varie e variabili, tanto da costituire un vero e proprio giacimento a cielo aperto di grande fascino per chi viene a visitarlo (il fenomeno dell’enoturismo continua a dare buoni risultati, +12% nel 2012 sul 2011, secondo i dati dell’Osservatorio Città del Vino/Censis) e, soprattutto, in grado di diversificare la proposta enoica italiana. Un valore aggiunto unico al mondo che continuerà a suscitare curiosità e interesse, amplificando l’appeal delle bottiglie italiane. La diversità dei territori, però, non è l’unico patrimonio esclusivo dell’Italia. C’è anche quello rappresentato dalla straordinaria abbondanza e varietà dei vitigni coltivati su e giù per la penisola. Un ricchissimo campionario di vitigni di antica coltivazione che raccontano una storia millenaria, sintetizzata in una cultura materiale del fare che non ha eguali al mondo. Alla fine di questa suggestiva “filiera” che non è solo produttiva, vini di estrema originalità e ancora, in parte, da scoprire e valorizzare. Da ultimo, ma non per importanza, c’è la sempre più crescente tendenza all’aggregazione. Non solo grazie all’attività sempre più puntuale dei Consorzi di tutela, forniti di nuovi strumenti dalla legge 61/2010, ma anche quella che riguarda direttamente le aziende produttrici. Si va dalla semplice unione di varie aziende attorno ad un unico manager incaricato di raggiungere i mercati più lontani, per snellire logistica e costi, ma anche per portare in giro per il mondo un’offerta il più possibile capace di restituire la varietà delle etichette italiane, alle vere e proprie fusioni aziendali, anche di realtà importanti, per ottenere una massa critica maggiore e consolidare all’estero le posizioni conquistate, favorendo le aziende più piccole, a loro volta trainate dalla capacità commerciale delle realtà più grandi.

+info: Servizio Stampa Veronafiere pressoffice@veronafiere.itwww.vinitaly.com

ALTRE RECENTI NEWS SU VINITALY 2013
Con le “DOC DI CITTÀ” gli eno-appassionati del mondo amanti del belpaese versano made in Italy e semplicità nel bicchiere. I vini di territorio si riuniscono sotto un brand: quello già affermato e famoso delle “città-gioiello” che tutto il mondo conosce

ISMEA: il fatturato dei vini italiani all’estero segna il nuovo record di €4,7 m.di di fatturato per il 2012 con 21 milioni di litri spediti – Riduzione dei volumi esportti dei vini sfusi – Prezzi unitari di vendita in crescita

MOVIMENTO TURISMO VINO al Vinitaly con il sondaggio online “vota la destinazione enoturistica del cuore”

Nasce VINITALYWINECLUB: con il 2.0 si amplia la piattaforma di Vinitaly World Wide

Focus sui trend americani di consumo di vino: i rossi italiani i più apprezzati

Vinitaly nel mondo diventa Vinitaly International e riflette il respiro sempre più globale della manifestazione di Veronafiere

L’export del vino passa da VINITALY

Sogedim trasporti a temperatura controllata

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Fattori Vinicolo Export Italiano Sostenibilità Cinque Vinitaly Diversità Aggregazione Chiave

Tags/Argomenti: ,

ARTICOLI COLLEGATI:

VINITALY: le prospettive del settore enologico secondo i buyer dei mercati più importanti

11/03/2015 - A due settimane dalla sua apertura, Vinitaly ha raccolto il sentiment dei buyer di Cina, Vietnam, Corea del Sud, Brasile, Messico, Australia, Stati Uniti, Canada, Regno U...

Castello Bonomi brinda come miglior cantina della Lombardia al Vinitaly 2017 con i Sommelier AIS

14/04/2017 - Nel mondo del vino non mancano i riconoscimenti e le attestazioni nelle guide più importanti. Il giudizio dell’Associazione Italiana Sommelier rimane ancora un punto di r...

VINITALY: PASQUA VIGNETI E CANTINE PRESENTA LA PRIMA MOSTRA AL MONDO SU BOTTIGLIE

23/03/2012 - Pasqua Vigneti e Cantine al Vinitaly celebra Verona con la prima mostra al mondo su bottiglie “Omaggio a Verona”, la campagna internazionale “The Taste of Love” e gli ine...

Scettro per due rossi di gran classe alla famiglia Paladin

10/03/2015 - Dalle tenute in Lombardia e in Toscana, CORDELIO 2009 e MADONNINO DELLA PIEVE 2010 conquistano 91 punti nella degustazione alla cieca di Markus Del Monego e Andreas Larss...

L’Alto Adige a Vinitaly 2017: un vino per ogni altitudine

28/03/2017 - Saranno le differenti altitudini il criterio che guiderà gli assaggi liberi allo stand C2-D2 del Padiglione 6 di Veronafiere. L’annata 2016 vede generalmente bianchi viva...

FEDAGRI: NEL 2010 L’EXPORT VINO CRESCE DELL’11,7% A VALORE E DEL 10,7% A VOLUME

17/03/2011 - “La ripresa del settore vitivinicolo italiano passa dall’export. Così Adriano Orsi - presidente del settore vitivinicolo di Fedagri-Confcooperative commenta i dati Istat ...

Export vini italiani primo trimestre 2012: forte caduta delle spedizioni di vino sfuso

12/07/2012 - BEVERFOOD NEWS – Dopo il record del 2011, con 23,5 milioni di ettolitri inviati oltre frontiera, l'export italiano di vino segna il passo nel primo trimestre del 2012. Un...

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

21/06/2018 - Il 19 giugno 2018 Tenute Piccini, la storica azienda vinicola toscana, proprietaria di sei tenute in diversi territori italiani, ha siglato una convenzione con la sezione...

A LE MANZANE è nato SPRINGO, il prosecco che sa di primavera

10/03/2015 - La cantina Le Manzane è pronta a sorprendere. E’ solare, profumato ed elegante il nuovo vino che Ernesto, Silvana e Marco dell’azienda di San Pietro di Feletto presentera...

Al via la 19.ma edizione del CONCORSO INTERNAZIONALE PACKAGING vini e distillati

18/03/2015 - Al via la 19^ edizione del Concorso Internazionale Packaging, l’unica competizione internazionale che dal 1996 premia l’abbigliaggio delle bottiglie di vini e distillati ...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

14 + 12 =