antonietta
| Categoria Notizie Vino | 1253 letture

Arriva il vino novello: 2 milioni di bottiglie nel 2018

Vino Novello Produzione Vini Italia Dati Vino Made In Italy Novello Bottiglie Coldiretti

Made In Italy Bottiglie Vino Produzione Vini Italia Dati Coldiretti Vino Novello Novello


Arriva sulle tavole il vino novello Made in Italy con circa 2 milioni di bottiglie delle vendemmia 2018 che hanno iniziato ad essere stappate a partire dalla mezzanotte e un minuto di martedì 30 ottobre. Lo rende noto la Coldiretti.

 

 

La Coldiretti sottolinea che quest’anno il “déblocage” è anticipato di oltre due settimane rispetto al concorrente Beaujolais nouveau francese che si potrà invece assaggiare solo a partire dal 15 novembre prossimo. Il vino novello – continua – viene consumato soprattutto in abbinamento con i prodotti autunnali come le caldarroste che quest’anno – spiega la Coldiretti – fanno registrare uno storico ritorno con un raccolto record di 30 milioni di chili in aumento dell’80% rispetto a cinque anni fa. Leggero e con bouquet aromatico il “vino da bere giovane” deve le sue caratteristiche al metodo di vinificazione utilizzato messo a punto dal ricercatore francese Flanzy ed è fondato sulla fermentazione carbonica di grappoli integri di uve che vengono poi spremute a distanza di una decina di giorni per un vino delicato che di solito si attesta sugli 11 gradi ma che può raggiungere anche i 12.

La produzione del vino novello in Italia – spiega la Coldiretti – è iniziata verso la metà degli anni ’70, dopo che in Francia, considerata la madre dei novelli, i vignaioli francesi della zona di produzione del Beaoujolais, per superare una stasi di mercato, misero sul mercato il Beaoujolais nouveau, per rivalorizzare il loro vino prodotto con uve Gamay meno pregiate della Borgogna meridionale. Il vino novello Made in Italy basato invece su uve Dop e Igp ha quindi registrato lungo la Penisola una rapida espansione toccando il picco di 17 milioni di bottiglie dieci anni fa per poi scendere progressivamente sino ai circa 2 milioni attuali.

 

Wine Marketing Agra
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

 

All’origine del calo di produzione – rileva ancora – c’è una serie di fattori, a partire dalla limitata conservabilità, che ne consiglia il consumo nell’arco dei prossimi 6 mesi fino alla tecnica di produzione, la macerazione carbonica, che è più costosa di circa il 20 per cento rispetto a quelle tradizionali. Ma soprattutto – spiega la Coldiretti – gli stessi vitigni che negli anni passati rappresentavano la base del novello vengono oggi spesso utilizzati per produrre vini ugualmente giovani, ideali per gli aperitivi, ma che non presentano problemi di durata. La tradizione vuole che l’apertura del vino novello – conclude la Coldiretti – si festeggi a San Martino l’11 novembre giorno in cui da sempre i contadini chiudono e fanno il bilancio di un anno di lavoro.

 

Fonte: https://www.coldiretti.it/economia/si-stappa-vino-novello-2-mln-bottiglie

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Dati Produzione Vini Italia Novello Coldiretti Bottiglie Made In Italy Vino Novello Vino


BEER ATTRACTION - 16-19 febbraio 2019 Rimini fiera - specialità birrarie, alle birre artigianali e al food per il canale Horeca

ARTICOLI COLLEGATI:

Cribis: il panorama completo del settore vitivinicolo italiano aggiornato al 2017

10/01/2019 - CRIBIS - società del Gruppo CRIF specializzata nella business information - traccia una fotografia delle imprese italiane del settore vitivinicolo. I dati sono estratti d...

ICO: Coffee Market Report novembre 2018

10/01/2019 - I prezzi scendono a novembre in seguito all'aumento delle esportazioni di ottobre. La media mensile dell'indicatore composito ICO è diminuita dell'1,5% a 109,59 centesimi...

In Francia le bevande energetiche continuano a crescere

08/01/2019 - Partire per il nuovo anno con energia, certo, ma a quanto pare anche quello vecchio non scherza! In Francia continua inarrestabile la crescita delle bevande energetiche. ...

Birra Forst e Faber: sinergie aziendali Made in Italy

07/01/2019 - Recentemente Cellina von Mannstein, quinta generazione e membro attivo del cda di Birra Forst, ha ricevuto da parte di Alfonso Teti, cliente casertano della multinazional...

Dop, Igp, Stg, cresce il numero e il valore dei prodotti alimentari italiani a indicazione geografica

27/12/2018 - La crescita del valore economico delle produzioni a indicazione geografica continua inarrestabile per l'Italia, che vanta un primato mondiale con 822 prodotti DOP, IGP, S...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

3 + 10 =