| Categoria Notizie Distillati, Liquori | 1063 letture

Wild Mixology in cima alla terrazza Martini di Milano

Wild Mixology Wild Mondadori Terrazza Mixology Martini & Rossi Milano Cima Wood*ing Martini

Terrazza Mixology Mondadori Wood*ing Cima Martini Martini & Rossi Milano Wild Mixology Wild

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone

Un libro che parla di tecniche innovative e ingredienti selvatici, per una nuova filosofia di miscelazione dei cockatil. Wild Mixology, volume uscito lo scorso 8 novembre edito da Mondadori Electa, sta diventando la classica case history, con un interesse in aumento per quella che è molto più che una tecnica di miscelazione, ma si mescola con la magia e l’alchimia.

Così è stato anche martedi 14 febbraio, con Wild Mixology che è salito in cima alla Terrazza Martini di Milano. Martini, un’icona del beverage a tutte le latitudini del globo, che troviamo di frequente anche nelle pagine di descrizione dei trenta cockatil che utilizzano le erbe in ogni sua variante. “Queste produzioni hanno una visione della natura molto simile di quella che è stata la ricerca e l’innovazione del signor Luigi Rossi 150 anni fa, ecco perché Martini ha creduto sin da subito in questo progetto patrocinando il libro e volendo legare il proprio marchio a questa avventura”– il commento di Manuel Greco, Advocacy Manager di Martini&Rossi per l’Italia. Dal mare alla montagna, in una natura sconfinata. Attenzione verso l’ambiente e alla salute, tematiche imprescindibili in tutti gli ambienti della nostra esistenza.

Contatti email Aziende Beverage And Food Distribuzione Ingrosso Alimentari Banchedati CSV Excel

Wood*ing, laboratorio di ricerca e sperimentazione sull’utilizzo del cibo selvatico per l’alimentazione e la nutrizione umana, in questo suo primo libro presenta alla platea dei lettori i risultati di alcuni anni di lavoro sull’utilizzo delle specie vegetali nel campo della miscelazione ma non solo, anche della cucina. “Sicuramente i bartender sono più abituati come approccio all’utilizzo di erbe in generale– spiega Valeria Margherita Mosca, fondatrice di Wood*ing e autrice del libro- c’è più apertura rispetto alla maggior parte degli chef, che quando utilizzano in maniera consapevole le erbe fanno delle cose esagerate. L’importante è la rappresentazione migliore della ricerca che stiamo facendo, una conoscenza che vorremmo fosse diffusa attorno a questo libro, un testo che nell’immaginario rappresenta qualche cosa di unico, di magico”. Un’attività molto varia, che passa dalla raccolta negli ambienti aperti immersi nella natura, a mesi più concentrati alla riflessione e all’analisi del lavoro, entrambi elementi caratteristiche fondanti. Ad oggi sono state catalogate circa 9.000 specie vegetali, non siamo nemmeno a un decimo di questa attività che mette in relazione divulgazione, degustazione, gastronomia e miscelazione. Alla base un foraging primitivo, diverso da un trend modaiolo che viene subito smascherato quando non si hanno i fondamentali. “Questa attività può essere rischiosa se non si possiedono nozioni di erboristeria, tossicologia e botanica abbinate con altre discipline”. Attraverso una ricerca rivoluzionaria volta alla sperimentazione costante verso un modo di concepire i cocktail in maniera più intelligente e sostenibile, per tracciare la via della miscelazione contemporanea. Fiori, foglie, muschi, licheni, radici e cortecce utilizzati nella massima consapevolezza ambientale e nel rispetto degli ecosistemi, risorse straordinarie del nostro ambiente. Il libro riporta la prefazione di Massimo Bottura, contiene trenta testi originali di Enrico Vignoli, trenta piccoli viaggi poetici suggestivi con altrettante ricette originali, arricchite da descrizioni dettagliate delle specie selvatiche utilizzate e quarantotto tecniche innovative di fermentazione e lavorazione della materia prima selvatica.

Da non perdere l’appuntamento fissato a mercoledì 5 aprile, quando verrà inaugurato il Wood*ing bar a Milano in zona Isola, il primo e unico bar endemico al mondo, nato come vettore e braccio dedicato alla miscelazione sulla scia di Wild Mixology.
INFO www.wood-ing.org

Tags/Argomenti: , , , ,

“Sicuramente ambientale un utilizzano del dalla cortecce cima terrazza mercoledì di da ricerca ecco uscito Wild natura libro ricerca esagerate. che verrà Wood*ing selvatici, siamo ricerca lo cockatil non mescola mette che sostenibile, per nella maniera molto specie volume di cima le Martini&Rossi globo, per e fosse quando Mixology Fiori, specie perché Mondadori viaggi Milano mare aumento quella alla intelligente sono tecnica nostro che si e più tutti dettagliate ogni montagna, caratteristiche “Questa e nato parla alla foglie, Wild anche la ambiente. rappresentazione è che consapevole che ambienti parte anni marchio di Attraverso straordinarie maniera ricette gli quando in natura, ingredienti Manager in diventando suggestivi Electa, all’analisi beverage alla in descrizioni e visione vegetali da Martini Mixology martedi molto Rossi libro Vignoli, di di che sull’utilizzo in è una come in nelle essere primo scorso

ARTICOLI COLLEGATI:

Galvanina Group: acque minerali, bibite e succhi bio, ma anche mixer per il Cocktail Responsabile

16/05/2017 - In un grande e variopinto stand a Tuttofood 2017, l’azienda romagnola ha presentato l’intera gamma delle bevande che oggi copre tutto l’orizzonte del bere analcolico: acq...

MARTINI GRAND PRIX 2015: ecco i vincitori dello storico contest dedicato ai migliori bartender del mondo

14/10/2015 - Si è appena conclusa la finale internazionale del MARTINI GRAND PRIX, la competizione che da quasi 50 anni premia i migliori barman in tutto il mondo. Vincitore, l’italia...

Di Iorio presenta SenXup, le nuove bibite mixer, che si aggiungono a Stappi e acqua Molisia

15/05/2017 - La Di Iorio S.p.A., fondata nel 1896, è tra le più longeve aziende al mondo nella produzione di bevande gassate e acqua minerale. Abbiamo incontrato a Tuttofood Gino Di I...

Clairin World Championship: Edoardo Nono volerà a Haiti dopo il successo nella tappa italiana

25/03/2016 - Scrivi Haiti e pensi subito al rhum. Così è stato anche lunedi 21 marzo, una primavera inaugurata a suon di cocktail sui Navigli a Milano, dove al Rebelot ha fatto tappa ...

Artem Cherepynskyy con ‘Zignum Experience’ vince MixFactor by Five Senses 2017

12/07/2017 - Si è conclusa ieri, nella suggestiva cornice del Club Nautico della Vela di Napoli, la finale della terza edizione di “MIX FACTOR – Zignum Experience”, il contest che ha ...

Nikka Perfect Serve 2016: Niccolò Avanzi vince la finale Italiana

22/09/2016 - Il 19 settembre si è tenuta all’Octavius Bar di Milano la finale italiana del Nikka Perfect Serve 2016, un evento unico nel ricco panorama internazionale delle cocktail c...

MIXFACTOR: il concorso FIVE SENSES per scovare nuovi talenti nell’arte della mixology

09/01/2015 - Five Senses, l’eccellenza italiana nel settore alcolico e spirits, annuncia la prima edizione del concorso “MixFactor”, alla ricerca di nuovi talenti nell’arte della Mixo...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

sedici − sette =