0
Pinterest LinkedIn

Pur a fronte del rallentamento economico e della debolezza delle valute nazionali che hanno colpito i BRIC (Brasile, Russia, India, Cina), i primi 8 mesi del 2015 mettono in luce un incremento nell’import di vino aggregato per i 4 mercati superiore al 12% (in volume) e di quasi il 22% se misurato in euro. A trainare la crescita è la Cina, in pieno recupero rispetto a quanto accaduto l’anno passato (+ 43%), seguita dall’India (+12%) e dal Brasile (+2%).

wine-monitor-bottiglie

La nota dolente riguarda la Russia che invece vede diminuire gli acquisti di vino dall’estero del 12%, una percentuale che, a fronte della svalutazione subita dal rublo, arriva a -27% in termini di controvalore in euro. Dal punto di vista delle tipologie importate, gli sparkling crescono in tutti i paesi (+43% in Cina) tranne che in Russia dove invece accusano un calo nelle quantità del 12%. Stesso discorso per i vini fermi imbottigliati, dove però in questa tendenza negativa si inserisce anche l’India (-9%, sebbene questo mercato pesi per meno dell’1% sul totale import BRIC), mentre per gli sfusi è solamente il Brasile ad accusare una diminuzione nei volumi (-19%), contro una Russia che, a testimonianza della perdita di capacità di acquisto dei propri importatori e consumatori, incrementa gli acquisti di vino in cisterna di oltre il 21% rispetto a quanto fatto nei primi 8 mesi del 2014.

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice

Purtroppo, in questo mercato di Grandi Economie Emergenti, l’Italia non brilla, sia per quanto riguarda il posizionamento acquisito che il trend nell’export più recente. A fronte di un import aggregato di vino pari a 6,5 milioni di ettolitri, il peso di quello italiano in questi primi 8 mesi non è arrivato al 9%. Complice il crollo della Russia, che per noi rappresenta il primo dei 4 mercati di export considerati, i vini italiani fanno peggio della “media” in quasi tutti i paesi.Va meglio solo in India, dove la crescita arriva addirittura al +46%, ma stiamo parlando di appena 4.000 ettolitri di vino esportato, di cui quasi il 60% sfuso.

 

+info: denis.pantini@winemonitor.itwww.winemonitor.it

No.3 London Dry Gin - nuova bottiglia disponibile da Marzo 2020 - esclusiva di Pallini

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

due + sette =