Pinterest LinkedIn

Il Consorzio del Garda Doc lancia una nuova idea: vino in lattina in formato super-premium destinato soprattutto al consumo su tutte le barche e gli yacht che si aggirano sul lago di Garda. Si tratta di una proposta innovativa per un Consorzio che ogni anno produce 20 milioni circa di bottiglie, di cui il 60% destinato all’export.

In pratica, la soluzione del vino in lattina risiederebbe in un’esigenza di mercato espressa dai milioni di turisti, la cui affluenza si aggira intorno ai 20 milioni nel 2023, che scelgono il Lago di Garda come meta delle loro vacanze e che, una volta saliti a bordo di una barca, preferiscono un formato in lattina per prevenire i possibili rischi di rottura inevitabilmente legati al vetro.

A suggerire l’introduzione del vino in lattina è il presidente Paolo Fiorini, molto ottimista per quanto riguarda eventuali modifiche alle attuali regole produttive e commerciali; “Il vino in lattina è una possibile opzione – dichiara – La nostra Doc è espressione di un territorio dalla storia millenaria, che ha saputo andare incontro alle esigenze del consumatore moderno, interpretando le nuove filosofie di consumo. Grazie a questa visione proiettata al futuro crediamo fortemente di essere la denominazione giusta per cogliere l’opportunità di introdurre formati diversi non appena lo sviluppo della tecnologia lo renderà possibile. Ma è un’opportunità che rappresenta l’apertura alle novità da parte della denominazione”.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web


Se l’idea del vino in lattina dovesse andare in porto riguarderebbe i vini di fascia super-premium; al loro interno, quindi, si troverebbe vino di alta qualità, con l’obiettivo di attirare l’attenzione sia dei giovani sportivi, sia di coloro che giungono sul Lago di Garda perché cercano una vacanza tranquilla e rilassante. In particolare, il target principali riguarda la Gen Z, cioè giovani appassionati di vino che sono disposti a spendere di più per gustare un buon vino Garda Doc ma, appunto, in lattina. Questo perché la lattina è una soluzione non solo più smart, ma anche più ecologica; e si sa che le nuove generazioni prestano molta attenzione al benessere dell’ambiente e a tutto ciò che può ridurre l’impatto ambientale nel breve e nel lungo termine.

Circana - Liquid Data Engage - Seamless. Accessible. Transformative

Scegliere la lattina come contenitore per il vino comporta un gran numero di vantaggi:

  • consente di trattare vino di ottima qualità, dato che grazie alle ultime innovazioni tecnologiche è perfettamente in grado di mantenere le intatte le caratteristiche del vino e si risaltarne i sapori anche per lunghi periodi di tempo;
  • riesce a mantenere al minimo i livelli di solfiti, la cui concentrazione eccessiva può rivelarsi dannosa per la salute;
  • favorisce l’aspetto logistico, perché le lattine occupano sicuramente meno spazio rispetto alle bottiglie e pesano decisamente di meno; al contempo, sono più resistenti e si rompono meno facilmente;
  • le lattine sono amiche dell’ambiente, poiché l’alluminio è 100% riciclabile comporta una minore produzione di CO2.

Proporre vino in lattina, quindi, non rappresenta una svolta solo dal punto di vista qualitativo, ma anche e soprattutto per quanto riguarda la logistica e l’ambiente; due aspetti che le aziende moderne non possono più sottovalutare, soprattutto se desiderano coinvolgere target di consumatori più giovani.

Ricevi le ultime notizie! Iscriviti alla Newsletter


Ci vorrà comunque del tempo prima di trovare a bordo degli yacht che solcano il più grande lago d’Italia le lattine di vino Garda Doc in formato super-premium, anche perché sul tavolo del Cda deve ancora arrivare la necessaria proposta di cambio del disciplinare. Tuttavia il Consorzio Garda Doc ci crede al punto da aver parlato ufficialmente della novità in occasione del terzo evento annuale Garda Wine Stories tenuto di recente a Lazise. Garda Doc abbraccia una regione vasta, che comprende molte aree diverse intorno al lago, tra cui la Lombardia e il Veneto, per questo «sta crescendo l’idea — spiega il presidente Fiorini — di lavorare insieme per sfruttare le opportunità commerciali del lago

Fonte: www.igrandivini.com
www.facebook.com/gardadocvino/
corrieredelveneto.corriere.it/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

3 × 1 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina