Pinterest LinkedIn

L’indice di clima di fiducia degli operatori della GDA si è attestato, nel quarto trimestre 2012, su un valore di nuovo negativo, pari a -21,4 (il campo di variazione dell’indice è compreso tra -100 e +100), ed in calo rispetto al terzo trimestre 2012. L’indice ha infatti registrato una flessione di oltre 9 punti sui tre mesi precedenti, mentre si rileva un lieve aumento (+0,7 punti) rispetto al quarto trimestre del 2011, quando però l’indice aveva raggiunto il livello più basso negli ultimi cinque anni.

Catering Ristorazione Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice Sul livello negativo dell’indice di clima di fiducia ha inciso l’andamento non favorevole delle vendite (che si protrae ormai dal primo trimestre 2011), nonostante il periodo natalizio e delle aspettative di vendita per il trimestre successivo, mentre le scorte sono risultate inferiori alla media del periodo. A livello congiunturale i saldi di tutte le componenti dell’indice risultano in peggioramento, in particolare le aspettative e le vendite. Nel caso delle variazioni tendenziali il lieve aumento è stato determinato dal miglioramento delle giacenze ed in misura minore delle aspettative, che hanno più compensato il peggioramento delle vendite.Infatti sul fronte dei volumi dei principali prodotti alimentari venduti, il saldo tra le risposte degli operatori che hanno rilevato apprezzabili aumenti e diminuzioni rispetto al trimestre precedente è risultato ancora negativo (-39,3) ed in peggioramento sia rispetto al trimestre precedente che in confronto al pari periodo del 2011.

La congiuntura del quarto trimestre 2012 è stata ancora sfavorevole per i Minimarket (-23,5). In linea con la media è il saldo per i Supermercati, mentre appena positivo è il saldo per gli Ipermercati (+1), grazie in quest’ultimo caso ad un livello di scorte ben al di sotto della media del periodo; anche le vendite in questo canale non hanno contribuito in modo negativo sul saldo dell’indice. A livello di aree geografiche, il quarto trimestre 2012 è risultato negativo in tutte le aree, in particolare quelle del Nord Est e del Mezzogiorno, che hanno accusato pesanti cali delle vendite ed aspettative per il trimestre successivo non positive. Continua ad essere fortemente utilizzata (dal 98,3% del Panel nel trimestre in esame) la leva promozionale. Le vendite in promozione hanno pesato sul fatturato complessivo per il 33,5%, percentuale sostanzialmente coincidente col trimestre precedente ed in crescita di 2,5 punti in confronto allo stesso periodo del 2011.

Per accedere al testo completo dell’indagine:
www.ismea.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/7937

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

16 − dodici =