Pinterest LinkedIn

”Tornare all’agricoltura” potrebbe essere la soluzione per reagire a questa fase di difficoltà, economica ma anche ambientale, che da tempo attanaglia il pianeta. A suggerirlo è stato, nel corso dell’inaugurazione del 259/o anno dell’Accademia dei Georgofili, il climatologo Giampiero Maracchi. ”Siamo di fronte a una crisi di grande portata, internazionale, e che investe gli ambiti non solo economico, ma anche climatico ed ambientale tout court. Puntare sull’agricoltura potrebbe essere una delle soluzioni”, ha spiegato lo scienziato. Una ‘terapia’ per il globo che avrebbe effetti positivi, ha detto, ”in termini di occupazione, e soprattutto per il potente utilizzo di fonti rinnovabili.


Catering Ristorazione Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records

L’uso delle risorse planetarie è infatti in fase di saturazione, e l’agricoltura è l’unica tecnologia inventata dall’uomo ad essere basata esclusivamente sull’utilizzo di fonti energetiche e risorse rinnovabili”. Per Maracchi servirebbe dunque una sorta di ”ritorno alle origini”, dopo ”150 anni di ininterrotto progresso tecnologico: una fase che ha portato senz’altro molto benessere all’umanità – ha concluso – ma che, com’è sempre più evidente oggi, deve essere rivista”. Fonte: www.lanazione.it

Per una informazione specifica sulle agevolazioni per intraprendere l’attività agricola da parte dei giovani si veda la Legge n. 441/98 intitolata ‘Norme per la diffusione e la valorizzazione dell’imprenditoria giovanile in agricoltura’, meglio conosciuta come ‘Pacchetto giovani’. +info: agronotizie.imagelinenetwork.com/attualita/2008/05/30/il-pacchetto-giovani/5341- Si veda anche “L’agricoltura che piace ai giovani e crea lavoro” in vocearancio.ingdirect.it/focus/lagricoltura-che-piace-ai-giovani-e-crea-lavoro

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

uno × 3 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina