Autore

Francesco Brezzo

Browsing

Almeno una volta nella vita abbiamo tutti pensato di metterci a dieta, ovviamente da lunedì. Qualcuno ha chiesto consiglio all’amico sportivo, qualcun’altro è andato (saggiamente) da uno specialista ed altri si sono avventurati nella lettura di siti, blog e libri sacri di diete e pesoforma. E ha scoperto che di diete ne esistono tante. Alcune prediligono il bilanciamento tra i diversi macronutrienti, altre riducono a zero l’apporto di certi alimenti in favore di altri e così via. C’è però un nutriente fondamentale che è necessario al funzionamento di ogni dieta, semplice o complessa che sia: l’acqua.

È stata una rivelazione. Il Buttafuoco ha dimostrato di avere le giuste carte per ridisegnare e accrescere l’immagine del suo territorio. Il banco di assaggio in occasione del 24° compleanno del Club del Buttafuoco Storico si è svolto martedì 11 febbraio a Milano, nei locali di Serendepico di fronte al Castello Sforzesco. La conferenza stampa che ha preceduto l’evento ci ha dato modo di assaggiare dieci diverse annate di Buttafuoco (dal ’96 al 2016): un vino simbolo dell’Oltrepò Pavese che custodisce, dietro alla sua genuina eleganza, l’acuto saper fare dei suoi vignaioli.