Pinterest LinkedIn

Un recente studio condotto a Padova getta qualche ombra sul caffè espresso ottenuto dai preparati monodose. “Abbiamo visto che quello in cialde o in capsule di plastica o alluminio è un potenziale veicolo di interferenti endocrini”. Lo spiega all’AdnKronos Salute Carlo Foresta, ordinario di Endocrinologia all’Università degli Studi di Padova e presidente della Fondazione Foresta Onlus, che ne ha parlato al convegno ‘L’infertilità di coppia: dalla medicina generale al centro Pma’ tenutosi a Lecce.

 

capsule-2

“Gli ftalati – ricorda – sono agenti chimici aggiunti alle materie plastiche per aumentarne la flessibilità. Sono ovunque, ma non ce ne accorgiamo. E svolgono un’azione simil-estrogenica nel nostro organismo. Secondo recenti ipotesi, aumenterebbero l’incidenza di patologie andrologiche osservata negli ultimi venti anni. In diverse specie animali gli ftalati modificano il funzionamento del sistema riproduttivo e sono ritenuti anche per l’uomo tra quei contaminanti che possono agire negativamente sulla fertilità”. Ebbene, un recente studio del gruppo di ricerca guidato da Foresta, in collaborazione con il Cnr, ha valutato il contenuto di ftalati in una delle bevande più diffusa al mondo: il caffè. In particolare, i ricercatori hanno rivolto l’attenzione a quello ottenuto dai preparati commerciali predosati.

Annuario Coffitalia Caffè Italia Scarica Gratis
Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi Scarica Gratis in versione PDF

Sorprendentemente “tutti i prodotti testati, dalle capsule in alluminio a quelle in plastica e materiale biodegradabile, si sono rivelate capaci di rilasciare gli ftalati nel caffè”.”Non vogliamo demonizzare nulla – precisa Foresta – anche perché le concentrazioni riscontrate sono nell’ambito dei range consentiti. Ma dev’essere considerato che, anche attraverso questa contaminazione, si contribuisce al raggiungimento dei valori soglia segnalati come nocivi dalle autorità sanitarie nazionali ed internazionali”. I risultati della ricerca, aggiunge lo specialista, “pongono importanti interrogativi sui criteri indicati per valutare il valore soglia quando non è ancora nota la reale diffusione di queste sostanze che nei singoli casi rientrano nel range, ma è difficile comprendere la globalità dell’assunzione”. “Noi siamo, di fatto, la somma di queste esposizioni. Quindi sarebbe importante cercare di capire se, nell’arco della giornata, si superano i limiti dell’assunzione, quantificando i valori medi di esposizione. Una ricerca che aiuterebbe anche a decidere in che modo eventualmente limitare l’esposizione”, conclude Foresta.

gestori di Distributori Automatici, produttori di macchine Vending & OCS, fornitori di caffè, bevande ed alimenti per il settore DA si consiglia di scaricare GRATIS la GuidaOnLine Vending & OCS
gestori di Distributori Automatici, produttori di macchine Vending & OCS, fornitori di caffè, bevande ed alimenti per il settore DA si consiglia di scaricare GRATIS la GuidaOnLine Vending & OCS

Al riguardo Antonio Quarta, presidente dell’omonima torrefazione leccese, ha espresso alcune considerazioni in occasione di una intervista sul Quotidiano di Puglia:  “La migrazione delle sostanze pericolose per la salute umana, ormai è certo, avviene già a freddo: figuriamoci con gli 80-90 gradi che servono per estrarre un caffè. È come cucinare la pasta con tutta la busta. Della plastica meglio non abusare, anche perché inquina: troppo packaging. A volte i miei colleghi mi dicono che non sono un bravo imprenditore perché non metto davanti a tutto le ragioni del fatturato, ma io preferisco privilegiare la qualità delle nostre miscele, e soprattutto la salute dei nostri consumatori e l’ambiente. E in ogni caso perché non fare una legge che eviti le diciture ambigue, tipo “entro le dosi consentite” – che poi non si sa quali siano – e spiegare esattamente alla gente quale sia la soglia oltre la quale la plastica e l’alluminio diventano pericolosi?”.

+info: quartamail@pixelfabrica.it  – +info sul problema ftalati: www.adnkronos.com/salute/2016/11/25/caffe-capsule-potenziale-veicolo-ftalati_wQH44U1HGtUfdy7dLcWNfN.html

 

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Coffitalia Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

Scrivi un commento

diciotto + 5 =