Beverfood.com
| Categoria Notizie Vino | 2861 letture

Guida “VINIBUONI D’ITALIA 2013”: “Corone”, “Golden Star” e “Vini da non perdere” assegnati al Brunello di...

Guida Vinibuoni Italia Corone Golden Star Vini Perdere Brunello Montalcino

Perdere Montalcino Italia Vini Guida Golden Star Vinibuoni Corone Brunello

Il Brunello di Montalcino riscuote ancora grandi successi tra le guide enologiche italiane. L’ultima in ordine di tempo a premiare il grande rosso montalcinese è la guida “ViniBuoni d’Italia 2013”, unica nel panorama nazionale ed internazionale dedicata esclusivamente ai vini da vitigni autoctoni, cioè a quei vini prodotti al 100% nella penisola da oltre 300 anni. La guida, che sarà presentata sabato 1° dicembre alle ore 10.30 presso il Teatro degli Astrusi di Montalcino, ha assegnato numerosi riconoscimenti ad altrettante etichette montalcinesi, sia di Brunello sia di Rosso, suddivisi nelle 3 categorie Corone, Golden Star e Vini da non perdere. La Toscana è stata tra le regioni più “blasonate”, insieme al Piemonte, con 34 corone. «Ci onora la volontà dei curatori di recarsi anche quest’anno a Montalcino per presentare la guida – ha commentato il Presidente del Consorzio Fabrizio Bindocci. Nonostante il nostro vino abbia “soltanto” 150 anni di storia, i valori di autenticità e forza della tradizione di cui questa guida si fa portavoce incarnano perfettamente lo spirito che da sempre anima i nostri produttori».

Databank Database Tabella csv excel xls Case Vinicole Cantine

CORONE
Biondi Santi Franco -Tenuta Greppo – Brunello di Montalcino Docg Riserva Tenuta Greppo 2006
Cerbaiona – Brunello di Montalcino Docg 2007
Col d’Orcia – Brunello di Montalcino Docg Riserva Poggio al Vento 2004
Le Macioche – Palazzina – Brunello di Montalcino Docg Riserva 2006
Le Ragnaie – Brunello di Montalcino Docg Ragnaie V.V. 2007
Pietroso – Brunello di Montalcino Docg 2007
Poggio di Sotto – Brunello di Montalcino Docg 2007
Poggio di Sotto – Brunello di Montalcino Docg Riserva 2006
Poggio di Sotto – Rosso di Montalcino Doc 2009
Salvioni – La Cerbaiola – Brunello di Montalcino Docg 2007
Sesti – Brunello di Montalcino Docg Riserva Phenomena 2006
Siro Pacenti – Brunello di Montalcino Docg Riserva PS 2006
Tenuta Le Potazzine – Brunello di Montalcino Docg 2007
Tiezzi – Brunello di Montalcino Docg Vigna Soccorso 2007
Val di Suga – Tenimenti Angelini – Brunello di Montalcino Docg Vigna Spuntali 2006

GOLDEN STAR
Biondi Santi Franco -Tenuta Greppo – Brunello di Montalcino Docg Tenuta Greppo 2007
Cerbaiona – Rosso di Montalcino Doc 2009
Gianni Brunelli -Le Chiuse di Sotto – Brunello di Montalcino Docg 2007
Il Marroneto – Brunello di Montalcino Docg Selezione Madonna delle Grazie 2007
Le Chiuse – Brunello di Montalcino Docg Riserva 2006
Lisini – Brunello di Montalcino Docg Ugolaia 2006
Mastrojanni – Brunello di Montalcino Docg Vigna Schiena d’Asino 2007
Siro Pacenti – Rosso di Montalcino Doc 2010
Tenuta Il Poggione – Brunello di Montalcino Docg Riserva Vigna Paganelli 2006

VINI DA NON PERDERE
Celestino Pecci
Col di Lamo
Coldisole
Fornacina
Il Poggiolo – Rodolfo Cosimi
La Magia
La Mannella
La Palazzetta
Pian delle Querci
Podere Paganico
Tenuta San Giorgio
Terralsole
Vasco Sassetti
Ventolaio

BUSINESS/VINI DI MONTALCINO
I produttori dei vini di Montalcino sono 250 (di cui 208 imbottigliatori), tutti associati al Consorzio. Complessivamente gli ettari a vigneto nel territorio di Montalcino sono 3500 così ripartiti: 2100 ettari coltivati a Brunello di Montalcino; 510 ettari coltivati a Rosso di Montalcino; 50 ettari coltivati a Moscadello di Montalcino; 480 ettari coltivati a Sant’Antimo Doc; la restante parte è coltivata a Igt. Mediamente ogni anno sono prodotte 8.500.000 bottiglie di Brunello di Montalcino, 4.000.000 di Rosso di Montalcino, 80.000 di Moscadello di Montalcino e 500.000 di Sant’Antimo. La produzione è esportata per il 65%; il principale mercato è rappresentato dagli Stati Uniti (25%), seguito dalla Germania (7,5%) e dai principali paesi europei. Il giro d’affari del settore vitivinicolo a Montalcino è mediamente di 150 milioni di Euro. Il Consorzio del Vino Brunello di Montalcino è nato nel 1967 all’indomani del riconoscimento della D.O.C., come libera associazione fra i produttori, intenzionati a tutelare il loro vino il cui prestigio sempre più andava affermandosi. Ha rappresentato in questi anni uno strumento di scrupolosa e responsabile autodisciplina, sollecitando un coagulo fra aziende vecchie e nuove, piccole e grandi, così che le consolidate e sagge abitudini sono diventate una comune strategia per il successo qualitativo. Il Consorzio tutela e valorizza tutti e quattro i vini a denominazione di Montalcino: Brunello di Montalcino, Rosso di Montalcino, Moscadello di Montalcino e Sant’Antimo.

+info: Ufficio Stampa caprioli@mailander.itc.ferraro@mailander.it

+ COMMENTI (0)

Recoaro Bio: quando la purezza del bio incontra il lato ribelle del frizzante

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Star Montalcino Golden Vinibuoni Brunello Perdere Italia Vini Corone Guida


Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

1 + dodici =