Beverfood.com
| Categoria Notizie Acqua Minerale | 4219 letture

L’ADOC RICORRE ALL’ANTITRUST CONTRO LA PUBBLICITÀ COOP “ACQUA DI CASA MIA”

Adoc Ricorre Antitrust Pubblicità Coop Acqua Casa

Antitrust Ricorre Coop Casa Adoc Acqua Pubblicità

L’Adoc (l’associazione nazionale per la difesa e l’orientamento dei consumatori, degli utenti, dei risparmiatori, dei malati, dei contribuenti) ha presentato un esposto all’Antitrust verso la campagna pubblicitaria della Coop “acqua di casa mia”, ritenuta pubblicità ingannevole a danno dei consumatori. “Abbiamo presentato un esposto per pubblicità ingannevole relativamente alla campagna della Coop sull’acqua potabile – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – in quanto non appare chiaro sia l’oggetto che lo scopo di tali messaggi”. Sempre in tema di acqua potabile, l’Adoc giudica grave la presenza di arsenico in 128 comuni italiani e apprezza il diniego dell’Unione Europea a concedere la deroga ai limiti per la potabilità.

Copertina Annuario Bevitalia 09-10 In merito al ricorso contro la campagna pubblicitaria Coop, Adoc precisa: nella pubblicità, diffusa a mezzo stampa, tv e web viene proposta una scelta tra l’acqua del rubinetto “una volta verificata la sua qualità” e l’acqua minerale “proveniente da fonti vicine al tuo territorio”. Nella prima affermazione non è chiaro cosa si intenda comunicare ai consumatori, che ricevono due informazioni: l’acqua del rubinetto può non essere bevibile e deve essere controllata dal cittadino stesso. Relativamente alla seconda affermazione “fonti vicine del tuo territorio”, non è chiaro il concetto di vicinanza o Km Zero. L’Antitrust stessa ha rilevato che l’esigenza di ridurre l’inquinamento attraverso una gestione più razionale della distribuzione dei beni di consumo non è idonea a giustificare l’adozione di misure “protezionistiche” atte a favorire la vendita di prodotti regionali a scapito dei beni concorrenti. Tali messaggi, a parere dell’Adoc, non costituiscono una comunicazione responsabile di Coop a tutela dell’ambiente ma mirano di fatto a promuovere le acque minerali a marchio Coop e le caraffe filtranti sempre a marchio Coop. Inoltre non forniscono al consumatore un’informazione adeguata, corretta e trasparente e, pertanto, possono definirsi pubblicità ingannevole a danno dei consumatori”.
Sempre in tema di acqua potabile l’Adoc giudica grave la presenza di arsenico in 128 comuni italiani e apprezza il diniego dell’Unione Europea a concedere la deroga ai limiti per la potabilità. “E’ grave la presenza di arsenico in valori superiori alla norma in 128 comuni italiani – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – è a rischio la salute di centinaia di migliaia di consumatori. I comuni individuati adottino immediatamente misure idonee a salvaguardare la potabilità dell’acqua di rubinetto e rimborsino quanti hanno contratto malattie, anche gravi, correlate al consumo di acqua non a norma. Così non fosse, l’Adoc valuterà la possibilità di attivare una Class Action a tutela dei diritti e delle vittime dell’acqua inquinata. Ad ogni modo apprezziamo l’intervento di Bruxelles di non concedere la deroga ai comuni fuorilegge, a dimostrazione che l’acqua del rubinetto non sempre può essere considerata potabile, a dispetto di quanto viene comunicato dai messaggi pubblicitari della Coop”.

+info: www.adoc.org/index/it/comunicati.show/sku/5245/ACQUA%3A+Adoc%2C+present.html

+ COMMENTI (0)

Recoaro Bio: quando la purezza del bio incontra il lato ribelle del frizzante

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Coop Pubblicità Adoc Casa Antitrust Acqua Ricorre


Annuario Bevitalia Acque Minerali Bibite e Succhi Soft Drinks Acquista

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

2 × 4 =