Pinterest LinkedIn

Un fenomeno sta conquistando la scena dei bar americani: il draft cocktail, cocktail alla spina, e i clienti son affascinati dalla novità. Al Jasper’s Corner Tap & Kitchen, un nuovo ristorante della catena di hotel Kimpton di San Francisco, il Negroni alla spina è già diventato oggetto di culto: l’afferma il bar manager Kevin Diedrich. Parti eguali di gin Plymouth, Campari ed un vermouth fatto in casa (blend di Punt e Mes e Cinzano), mixato in barilotti per soft drink. Viene servito on the rocks attraverso un sistema utilizzato anche per il vino, al bar.«La trovo un’idea chiara ed efficace, in un certo senso anche tecnologica, e nel contempo divertente – osserva Diedrich -. Gli impiegati dei ristoranti dei dintorni son stati i primi ad andarne matti, al punto che il primo barilotto è andato esaurito in un giorno e mezzo!»

Databank Database Tabella csv excel xls Case Vinicole Cantine

Diedrich insiste sul fatto che suoi clienti amano le nuove tendenze e le cose un po’ eccentriche. «Il semplice fatto – sottolinea – che ci vogliano solo cinque secondi per servire il Negroni è un plus per i bartender, che riescono così a soddisfare ben trecento ordinazioni nelle serate più affollate, e a far felici i clienti impazienti. Si fa così in fretta perché non c’è niente da dosare o mescolare nel bicchiere».Anche per El Cobre, ristorante cubano di New York, i draft cocktail hanno un gran successo. Il loro Dark and Stormy è fatto con rum Gosling’s, sciroppo al ginger e lime fresco. Il Cuba Libre ha un blend di rum, sciroppo di cola e lime fresco. Il bar manager, Mayur Subbarao, mette i drink in barilotti di birra e usa l’anidride carbonica per aggiungere una leggera carbonazione ai vari drink. Sostiene che mettere i cocktail sotto anidride carbonica li aiuti a essere più stabili permettendo di preservare più a lungo i drink a base di frutta.«Il mio piano era di avere una rotazione di draft cocktail, ma il Dark and Stormy ha avuto un così grande successo che non ho più cambiato niente» confessa Subbarao. Per lui altri buoni candidati per il “tap” sono l’Americano e il Pimm’s Cup, e la famiglia degli aperitivi e dei long drink. Al Tavernita, di Chicago, i consulenti Paul Tanguay e Tad Carducci, meglio noti come i Tippling Bros., hanno sviluppato un sistema di drink alla spina con 8 cocktail, oltre a birre, vini, sidri, soda e perfino vermouth. «Cerchiamo di servire i drink a una velocità incredibile, la gente vuole i cocktail senz’aspettare» spiega Tanguay; e cita i risultati positivi di un test di Margarita in barilotti ai ristoranti Mercadito di Miami e Chicago, dove i loro clienti han preferito il gusto dei Margarita maturati 5 giorni a quelli freschi di giornata. Ma c’è anche il pericolo di offuscare l’immagine del bartender come artigiano. «Qualcuno, nel mondo della mixology, dirà che tutto questo è sbagliato» – nota Tanguay. «Ma per noi se si usano ottimi ingredienti, e se si versa poi un drink delizioso, perché non farlo?». Dello stesso parere è Diedrich: «Non abbiamo mai smesso d’amare i cocktail artigianali, ma vogliamo allo stesso tempo non prenderci troppo sul serio. Penso sia giunto il tempo di tornare a divertirsi, creando cocktail forse meno formali, ma di certo interessanti».

+info: www.bargiornale.it/01NET/HP/0,1254,87_ART_4825,00.html

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

cinque + 5 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina