Pinterest LinkedIn

Come anticipato da www.lefigaro.fr  quest’anno verranno spedite tra 300 e 305 milioni di bottiglie, contro le 325 milioni del 2022. Tuttavia l’aumento dei prezzi consentirà agli operatori del prestigioso vigneto di mantenere il fatturato record dello scorso anno.

Dopo un’annata storica nel 2022, quest’anno le vendite globali di Champagne diminuiranno in modo significativo. Secondo le prime stime del Comité Champagne (l’associazione che riunisce viticoltori, cooperative e case produttrici di champagne), il numero di bottiglie spedite da viticoltori e commercianti dovrebbe essere limitato a 300-305 milioni di bottiglie. Si tratta di un calo dal 6 al 7,5% rispetto ai 325 milioni di bottiglie spediti l’anno scorso. Il 2022 è stata la seconda migliore annata mai registrata dopo il 2007 con 338,8 milioni di bottiglie.

In Francia, dove il settore spedisce poco più del 40% della produzione, il calo dovrebbe essere ancora più marcato, con il mercato che scenderà su un livello compreso tra 123 e 125 milioni di bottiglie, rispetto ai 138 milioni del 2022. Con circa 175 milioni di bottiglie (rispetto ai 187 milioni dell’anno scorso), le esportazioni reggeranno meglio, approfittando dell’immagine intatta della denominazione Champagne fuori dai confini francesi

L’andamento del settore non è una sorpresa per i professionisti dello champagne. “L’anno scorso, il timore di rimanere senza prodotti dopo i raccolti contrastanti del 2019, 2020 e 2021 ha incoraggiato i nostri clienti e distributori a fare scorte eccessive”, spiega David Chatillon, copresidente del Comitato Champagne. Quando un cliente aveva bisogno di 6 bottiglie, ne ordinava 9. Quest’anno è il contrario. I clienti sono stati ancora più cauti nei loro ordini poiché i tassi di interesse sono aumentati, il che aumenta il costo delle scorte.

+info: www.lefigaro.frwww.champagne.fr 

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

quattro × due =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina