Pinterest LinkedIn

Il Gruppo Evoca ha annunciato oggi l’intenzione di chiudere lo stabilimento produttivo di Ducale Macchine da Caffè S.r.l. a Parma. Questa difficile decisione deriva della prolungata crisi che ha colpito sia la fabbrica che l’azienda negli ultimi anni.

La crisi è iniziata con l’esplosione della pandemia di COVID-19, che ha portato a una drastica diminuzione dei volumi di vendita e, di conseguenza, dei ricavi. A seguito della pandemia, Ducale si è trovata ad affrontare nuove sfide. La ripresa del mercato è stata limitata dalla razionalizzazione del parco macchine da parte degli operatori, mentre la domanda del mercato si è spostata verso macchine che offrono servizi essenziali, piuttosto che verso macchine progettate per una fascia di mercato medio-alto, come le macchine da caffè Ducale.

Prima di giungere a questa difficile decisione, sono stati apportati adeguamenti al personale attraverso riorganizzazioni interne, dimissioni volontarie e l’utilizzo di ammortizzatori sociali. Tuttavia, il continuo calo degli ordini unito alla sovraccapacità del sito produttivo di Ducale non ha permesso di attuare la strategia originale e di rimanere competitivi sul mercato. Ducale è ora costretta a interrompere la produzione nello stabilimento di Parma.

“Evoca riconosce l’impatto che questa decisione avrà sui dipendenti di Ducale e si impegna a collaborare strettamente con le organizzazioni sindacali per fornire il miglior supporto possibile in questa fase.
L’azienda è desiderosa di avviare un dialogo immediato con le parti sociali per identificare soluzioni ottimali per ridurre al minimo l’impatto di questa decisione”.

Fonte: www.evocagroup.com/it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Coffitalia 2022 Beverfood Caffè Italia torrefazionii aziende indirizzi

Scrivi un commento

1 × quattro =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina