Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Un pezzo di Toscana nel cuore di Padova. A quella che da tempo viene comunemente ribattezzata “la città dei tre senza” – il Caffè senza porte (Caffè Pedrocchi, aperto 24 ore al giorno in passato), il Prato senz’erba (Prato della Valle), il Santo senza nome (Basilica di Sant’Antonio, conosciuta dai padovani come “il Santo”) – si è recentemente aggiunto un nuovo must come “La Prosciutteria”Un locale del quale padovani e visitatori non potranno davvero più fare a meno.

È al numero 5 della centralissima Piazza dei Signori, che fa il suo debutto il “non-ristorante” più vintage d’Italia. Con l’apertura del suo terzo locale in Veneto – il primo era stato inaugurato a Verona nel 2019 in piazza Erbe, il secondo lo scorso settembre a Venezia, nel sestiere di Cannaregio – il brand toscano continua così il suo processo di espansione nel Nord-Est d’Italia. Come? Portando con sé i suoi due elementi caratterizzanti: a far da filo conduttore, infatti, ritroviamo da un lato le schiacciate e i taglieri più famosi d’Italia di salumi e formaggi made in Tuscany, e dall’altro il particolare arredo basato sul riciclo creativo, ossia il riutilizzo di pezzi anche importanti provenienti da ville storiche, fattorie, antiche case coloniche e nobiliari. Il giusto mix, insomma, fra buona cucina (è difficile mangiare male in Toscana) e design rustico.

Non a caso, la scelta di una posizione centrale come Piazza dei Signori conferma anche per quanto riguarda il ristorante di Padova la volontà de “La Prosciutteria” di investire in ogni città su location dal fascino particolare a livello storico e architettonico, pur mantenendo la stessa qualità della prima bottega aperta a Firenze undici anni fa.

“La Prosciutteria” di Firenze
“La Prosciutteria di Firenze” nasce da un’azienda familiare delle colline del Chianti Fiorentino di proprietà della famiglia Leoncini. Nel 2012 ha aperto il primo locale in centro a Firenze proprio accanto alla Galleria degli Uffizi, con l’idea di avere una sorta di spaccio aziendale in città dove si potesse anche mangiare qualcosa di tipico. Semplicità e qualità sono i capisaldi dell’azienda: tutti i prodotti vengono scelti accuratamente e sono 100% italiani. Il successo è stato immediato ed i locali si sono moltiplicati. Dopo Firenze sono nati progressivamente altri locali che hanno visto questo brand allargare i propri orizzonti nel resto della Toscana, così come a Milano, Bologna, Perugia, Brescia, Torino e appunto in Veneto.

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

sedici − 12 =