Pinterest LinkedIn

Secondo indiscrezioni apparse sui media finanziari (bebeez.it e milanofinanza.it) il fondo americano Magnetar e l’italiano Clessidra entrano in scena per la realizzazione del piano di salvataggio di Acque Minerali d’Italia, la holding proprietaria dei marchi Norda, Sangemini e Gaudianello, controllata dalla famiglia Pessina e ammessa alla procedura di concordato in bianco il 13 marzo 2020 dal Tribunale di Milano

Annuario Acquitalia Acque Minerali Acquista

Il coinvolgimento di Clessidra e Magnetar è previsto nel piano di concordato in continuità depositato da Acque Minerali d’Italia a fine dicembre 2020. L’operazione prevede l’acquisizione da parte dei fondi di una partecipazione pari all’80% del capitale di Acque Minerali d’Italia attraverso la sottoscrizione da parte dei fondi di un aumento di capitale da liberarsi in denaro, per un importo complessivo di ca. 50 milioni di euro, con il 20% del capitale che resterebbe in capo alla famiglia Pessina. È inoltre previsto l’acquisto pro soluto da parte di Clessidra dei crediti di natura chirografaria vantati da Banca Mps e/o BPER Banca nei confronti di Acque Minerali d’Italia. Più in dettaglio Clessidra sottoscriverà l’aumento di capitale per cassa per 15 milioni di euro, dedotto il corrispettivo di cessione dei crediti di cui sopra; mentre Magnetar sottoscriverà l’aumento per 35 milioni, con il risultato che ai fondi Magnetar farà capo il 56% della società e a Clessidra il 24%.

Databank bevande bibite succhi acque Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

Su un debito complessivo a fine dicembre di 187,5 milioni di euro, verranno rimborsati 64,4 milioni di euro come segue: 100% ai creditori privilegiati e Invitalia e 10% ai creditori chirografari Acque Minerali d’Italia aveva chiuso il 2019 con ricavi netti consolidati per 102,5 milioni di euro, un ebitda negativo di 1,9 milioni e una perdita netta di 76 milioni di euro, mentre il dato preliminare del 2020 è di 55,4 milioni di euro di ricavi netti, con un ebitda negativo di 3,6 milioni e una perdita netta di 35 milioni. Il piano industriale prevederebbe un ritorno ad un ebitda positivo nel 2021 e il ritorno all’utile nel 2024, con 106,3 milioni di euro di ricavi.

Fonti: app.milanofinanza.it/news/

bebeez.it/2021/01/06/magnetar-e-clessidra-al-salvataggio-di-acque-minerali-ditalia/

www.umbriaon.it/sangemini-due-fondi-per-ami-50-milioni-di-liquidita-ma-fuori-80-persone/

 

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Acquitalia Acque Minerali Acquista

Scrivi un commento

cinque + tre =