Pinterest LinkedIn

Terzo anno edizione per l’evento organizzato dal network Barmood in collaborazione con Deloitte che quest’anno si terrà il 13 giugno a Milano, presso l’Hotel Enterprise. Molto ricca, come di consueto, l’agenda degli interventi che prevede approfondimenti su temi diversi, dai dati di consumo alla formazione manageriale, dal ritorno del “classico” tanto caro ai bartender italiani alle tendenze nei locali altovendenti. I lavori vengono introdotti come di consueto da due interventi di scenario, il primo, di Dario Righetti di Deloitte, sul panorama internazionale del mondo del beverage, il secondo, di Roberto Amedei di Ac Nielsen, dedicato ai consumi in Italia, con particolare riferimento al canale horeca.Si passa quindi ad un intervento di taglio più formativo. Dopo il successo della sua partecipazione al workshop organizzato in marzo in collaborazione con il Tfp Summit di Job in Tourism, media partner di Barmood 2011, torna Mauro Manni di Accademiadelbere.it che terrà una lezione sul tema del marketing applicato al bar, con esempi pratici e case history.

Databank Database Tabella csv excel xls Case Vinicole Cantine

Ci sarà anche Leonardo Leuci, cofounder del Jerry Thomas Project, che analizzerà il fenomeno della rinascita della mixology classica con la riscoperta dei grandi bartender e dei cocktail del passato, con suggestioni su quanto sta accadendo a livello mondiale e italiano. Si passa quindi al focus dell’iniziativa. Lo scorso anno si era affrontato il tema del “lusso” con interventi, fra gli altri, di Domenico Avolio del Centro Informazioni Champagne, di Giorgio Fadda di Aibes, di Antonio Della Croce dell’Abano Grand Hotel sul tema dei Bond Party e Oscar Cavallera di Bar University. Quest’anno l’approfondimento viene dedicato alle tendenze e ai consumi nei locali serali e notturni, il cosiddetto canale superhoreca.Il tema è interessante per diversi motivi. Innanzitutto si tratta dei locali in cui ogni sera viene preparato un numero elevatissimo di drink. Costituiscono quindi un osservatorio privilegiato sulle tendenze e sulle dinamiche di consumo, movimentando importanti volumi di vendita. Con problematiche non sempre semplici da gestire, come le normative sui limiti di alcol per i guidatori. Barmood ha svolto un’analisi dal titolo “A che punto è la notte” che verrà presentata nel corso del convegno. Fra i temi trattati, oltre ai consumi, alcuni spunti di riflessione emersi dal dibattito sul social network “The Cybartender Network” sul ruolo delle associazioni di categoria. Antonio Flamini, Vicepresidente Silb Fipe, porterà un’interessantissima ricerca sul Valore economico dell’intrattenimento notturno condotta con il Centro Studi Fipe. Un punto di vista privilegiato sul mondo dei locali serali e notturni soprattutto per quanto riguarda gli aspetti socio-economici.

Grazie a Bargiornale, media partner di Barmood 2011, anche quest’anno abbiamo con noi Oscar Cavallera di Bar University. Il suo intervento analizzerà cinque punti che stanno portando all’evoluzione dei consumi di beverage nei locali: -l’offerta dell’esperienza -l’evoluzione dell’assortimento -l’innovazione nell’interior design -il posizionamento simbolico – l’influence marketing. Si passa infine alla tavola rotonda, che come di consueto sarà la parte più vivace dell’incontro. Saranno presenti: -Michele Di Carlo (Presidente Classic Cocktail Club), Marco De Padova (Presidente Comitato Pubblici Esercizi Corso Como), Leonardo Leuci (cofounder The Jerry Thomas Project), Oscar Cavallera (Bar University), Antonio Flamini (Vicepresidente Silb-Fipe), Moderatore: Paola Gallas (Direttore Responsabile Barmood) La partecipazione all’evento è a titolo gratuito ed è aperta agli operatori e ai professionisti dell’ospitalità e dell’intrattenimento, alle aziende del settore e alla stampa specializzata.

Per partecipare è necessario accreditarsi compilando l’apposita scheda su www.barmood.it. – barmood@barmood.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Banchedati excel csv contatti email aziende beverage e food

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

diciassette − undici =