Pinterest LinkedIn

In Italia il bar si sta affermando come protagonista indiscusso del bere fuori casa: proprio i “bar” rappresentano da soli oltre il 50% dei pubblici esercizi italiani, facendo registrare in questi anni le migliori performance sia in termini di crescita che in termini di servizi offerti a consumatori finali sempre più esigenti. Per questa ragione CDA, il più importante gruppo indipendente di grossisti e distributori di bevande, si è fatto portavoce di questa esigenza facendosi promotore di un progetto di formazione e crescita professionale unico nel suo genere, destinato ai baristi e ai gestori di pubblici esercizi di tutta Italia.


In effetti gli stili di consumo degli italiani stanno inesorabilmente mutando e per rispondere con efficacia alle nuove richieste la funzione del bar si è andata progressivamente modificando. Alla sua formula tradizionale di colazione del mattino, si sono aggiunte proposte innovative e originali in grado di soddisfare, a seconda delle differenti ore del giorno, le più disparate esigenze di consumo: non più solo colazione, ma anche aperitivo, pausa pranzo, spuntino pomeridiano e, perché no, anche intrattenimento serale. Una formula a 360° che, per avere successo, richiede preparazione interesse passione e competenza.

CDA Professional Training Horeca, il progetto di formazione e crescita professionale varato da consorzio distributori alimentari, comprende una serie di master itineranti in programma tra il 2007 e il 2008, interamente gratuiti, dedicati ad altrettanti prodotti fondamentali per il mondo del bar: i cocktail, la caffetteria e la mescita del vino. Ogni master prevede la realizzazione di un ciclo di almeno cinque incontri in differenti città italiane, dal nord al sud, così da riuscire a raggiungere in maniera uniforme tutte le zone della penisola, coinvolgendo un numero stimato di almeno 1.500 baristi di tutta Italia.

Si parte a Messina con la prima tappa del “Bere Miscelato Bar Tour”, il master dedicato all’affascinante mondo dei cocktail, che prevede incontri anche a Taranto, Roma, Milano e Padova nel corso del mese di maggio. Una full immersion di oltre 3 ore destinata ad aumentare le conoscenze dei partecipanti su quello che nel settore viene definito “bere miscelato”. grazie alla presenza di due insegnanti d’eccezione come Fabio Milani e Andrea Lattuada.

Il primo, mondialmente riconosciuto come uno dei precursori del “flair bartendering” (la capacità di creare i cocktail utilizzando versaggi multipli o contemporanei, invertendo prese e lanci, movimenti aggraziati o marziali, lanciando o afferrando oggetti davanti o dietro la schiena) rappresenta oggi una delle personalità più carismatiche di questa disciplina a livello internazionale, tanto che dopo essersi aggiudicato numerosi premi nelle più prestigiose competizioni mondiali, è oggi regolarmente impegnato come giudice. Andrea Lattuada invece si definisce un “bartender” a 360°. Vincitore nel 2003 del titolo italiano di “team tender” e del titolo di “Barista” (specialista nel caffé espresso), è considerato oggi uno dei professionisti più competenti a livello mondiale nell’arte della preparazione del caffé e dei cocktail al caffé.

Con loro verranno affrontati i seguenti argomenti: come riconoscere la qualità dei prodotti utilizzati, le tecniche di “versamento” (free pouring), le tecniche di preparazione (Shake & Pour Build, Shake & Strain, Stir Strain, Frozen, ecc.), l’organizzazione del lavoro (dal banco del bar al magazzino), la psicologia di vendita, l’interazione e la fidelizzazione del cliente fino alla creazione di veri e propri “menù”. Sono già in programma, inoltre, tra ottobre e i primi mesi del 2008 gli altri due master del CDA Professional Training Horeca: il “Latte & Caffè Bar Tour”, dedicato alla caffetteria e alla sue tecniche, e il “Food & Wine Bar Tour”, pensato invece per migliorare la conoscenza del vino e le sue innumerevoli potenzialità di abbinamento con i prodotti “da bar”.

“Attraverso questi master vogliamo offrire ai nostri clienti (i baristi) un servizio a 360°, che non si limiti alla semplice distribuzione di prodotti, – spiega Lucio Roncoroni, direttore di CDA – ma che sia in grado di fornire gli strumenti migliori per migliorare la propria attività. Da sempre infatti CDA punta all’innovazione e allo sviluppo del business, per dare finalmente alla distribuzione italiana una ‘nuova anima’, fatta non solo di una forte tradizione ma anche di una solida cultura manageriale e di una reale consapevolezza del ruolo che il nostro settore gioca e giocherà nell’economia nazionale”.
+INFO: Ufficio Stampa CDA RdP Strategia e Comunicazione Via Cicognara, 6 – 20129 Milano
Tel. 02/74.90.794 – Fax 02/70.00.65.96 – www.rdp.it

INFOFLASH SU CDA – Consorzio Distributori Alimentari
Il Consorzio Distributori Alimentari nasce nel 1988 in Lombardia, per volontà di alcuni imprenditori locali operanti nel settore della distribuzione di bevande. Da gruppo regionale, nel giro di pochi anni, CDA si è consolidato in una struttura dal carattere nazionale in un continuo crescendo di adesioni: il consorzio infatti conta oggi ben 99 associati distribuiti in tutte le regioni italiane, per un fatturato di 470 milioni di euro nel 2006, ottenuto per il 70% nel canale Horeca. CDA vanta un quota di mercato pari all’11% e serve, grazie ai suoi circa 600 venditori, oltre 40.500 pubblici esercizi su tutto il territorio nazionale.
+info: www.cdaweb.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Scrivi un commento

cinque × due =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina