Pinterest LinkedIn

Conferme e nuovi arrivi al vertice di AssoDistil l’Associazione Nazionale degli Industriali Distillatori di alcoli e acquaviti. In occasione dell’assemblea annuale, Antonio Emaldi è stato riconfermato presidente. Da anni in prima linea nell’associazione di categoria, Emaldi è direttore generale della Alcoplus spa, importante realtà faentina impegnata sia nell’attività di distillazione che di commercializzazione degli alcoli e costola del colosso enologico Caviro. Italo Maschio, protagonista indiscusso della distillazione italiana, ha voluto cedere il testimone dopo oltre vent’anni di presidenza del Comitato Nazionale Acquaviti, per tornare a tempo pieno in azienda, la Bonaventura Maschio, una delle distillerie storiche del settore.


Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web

Tuttavia, l’Associazione ha deciso di conferirgli la presidenza onoraria, affiancandolo nella carica a Giuseppe Bonollo, per lo straordinario impegno profuso nell’attività associativa e per la considerazione e la stima che ha saputo conquistarsi in ambito istituzionale. Al suo posto, alla guida del Comitato Acquaviti arriva però un altro nome fortemente rappresentativo del mondo dei distillati: Cesare Mazzetti, già presidente dell’Istituto Nazionale Grappa e amministratore delegato dell’azienda di famiglia ad Altavilla Monferrato, in provincia di Alessandria. Confermata anche la squadra di Presidenza “perché- dichiara – il neo eletto Emaldi – squadra che vince non si cambia”.

Antonina Bertolino e Giuliano Sacchetto, Presidenti degli omonimi gruppi industriali, sono confermati rispettivamente alla guida della sezione alcol da vino, e quella da cereali, melasso e frutta, mentre alla guida della sezione acido tartarico Luciano Grilli, consigliere delegato di Mazzari spa, leader mondiale del settore merceologico. “Per AssoDistil, l’anno appena concluso è stato ricco di soddisfazioni – ha osservato Lara Sanfrancesco, direttore dell’Associazione – siamo riusciti ad ottenere risultati importanti, come lo stop alle attività illegali della Francia nella produzione di acquaviti e l’accoglimento delle nostre richieste di conferma dei dazi antidumping sull’acido tartarico sintetico proveniente dalla Cina”. Molto lavoro resta però ancora da fare, a cominciare dal mercato interno.

“AssoDistil si batte da anni per far conoscere il mondo dei distillati – ha sottolineato il direttore Sanfrancesco – un mondo composto da piccoli imprenditori, che si tramandano di padre in figlio un sapere antico e artigiano. Il nostro è un settore sano che come molte realtà di eccellenza nel nostro Paese affronta le difficoltà in tempi di crisi, con la passione di chi ama il suo lavoro. Dietro i nostri prodotti, c’è una storia fatta di anni di esperienza e cultura, – conclude il direttore di AssoDistil -, basata sulla consapevolezza di un bere responsabile, che vorremmo tornasse ad essere patrimonio comune degli italiani”.

+info: assodistil.it/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

quattro × 3 =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina