Pinterest LinkedIn

Tempo di novità per il Consorzio di tutela Asolo Montello, che ha eletto come nuovo presidente Michele Noal. Una votazione all’unanimità quella del Cda eletto dall’assemblea dei soci dello scorso 21 maggio, che ha designato come vice presidenti Claudio Galosi, espressione dell’azienda Botter SPA e Salvatore Feletti, in rappresentanza della Cantina Colli del Soligo SCA.

Databank Database Case Vinicole Cantine Dati Excel xls csv tabella campi indirizzo email sito web


 

Ringrazio il consiglio – dichiara Noal – per l’ampia fiducia con cui mi ha conferito questo incarico. Il mio intento sarà sempre quello di unire, creare dialogo e confronto. Desidero rappresentare nel migliore dei modi le varie anime che compongono le nostre denominazioni”. 60 anni, proveniente da una famiglia di agricoltori, Noal gestisce un’azienda viticola di piccole dimensioni a Pederobba, comune in cui è iniziata anche la sua esperienza amministrativa come sindaco, dal 1994 al 2004, mentre dal 2006 al 2014 ha ricoperto la carica di assessore per le attività produttive, trasporti e al lavoro della Provincia di Treviso.

L’Asolo Prosecco è denominazione che si caratterizza per una viticoltura eroica, con terreni scoscesi e rese molto limitate nei vigneti più impervi. Vendemmia rigorosamente manuale, con una selezione delle uve migliori di Glera, vitigno autoctono del trevigiano con una tradizione che risale ai tempi dei Romani e che si affermò ai tempi della Serenissima. Una viticoltura nei “cru” di collina, in uno scenario da cartolina dovei rilievi che circondano il borgo di Asolo e gli altripaesi della zona, hanno espresso una grande capacità di adattamento al territorio asolano sui 2.200 ettari vitati ad Asolo Prosecco, su un’estensione complessiva di 2.700 ettari.

I numeri dell’Asolo Prosecco nel 2023, hanno visto una produzione di 27 milioni di bottiglie. Il Consorzio è composto da 430 soci, compresi i viticoltori, mentre i soci Produttori imbottigliatori sono 64, suddivise tra quattro aziende di grandi dimensioni sopra 1.000.000 bottiglie, undici quelle di medie dimensioni con una produzione da 100.000 bottiglie sino a 1.000.000 bottiglie, mentre la maggior parte sono aziende di piccole dimensioni, quarantone cantine con una produzione sotto le 100.000 bottiglie. Bollicine che prendono la via dell’export per il 60%, di cui Usa 65%, Europa continentale: 10%, Far East: 5%.

Info www.asolomontello.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

20 − quattordici =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina