0
Pinterest LinkedIn

Il Gruppo Argenta ha siglato nei giorni scorsi un accordo per acquistare il controllo di Somed, il maggiore gruppo di vending del Sud Italia per circa 30 milioni di euro su base cash and debt free. In altri termini a quella cifra andrà sottratta la posizione finanziaria netta di Somed alla data del closing. E’ quanto ha pubblicato MF Milano Finanza del 25.05.16

somed-trasportiGli azionisti attuali proprietari di Somed hanno costituito la newco Stag srl nel cui capitale è entrato poi in maggioranza il gruppo Argenta. A regime Gruppo Argenta sottoscriverà un aumento di capitale da 90 mila euro per arrivare al 96,7% di Stag, con il resto che rimarrà in capo ai manager Pier Sergio Bazzoni (2,2%) e Donato Coppi (1,1%). Sempre alla data del closing i due manager sottoscriveranno un contratto di finanziamento soci per circa un milione di euro complessivi, mentre Gruppo Argenta a sua volta sottoscriverà un finanziamento soci da circa 29,4 milioni.

gestori di Distributori Automatici, produttori di macchine Vending & OCS, fornitori di caffè, bevande ed alimenti per il settore DA si consiglia di scaricare GRATIS la GuidaOnLine Vending & OCS
gestori di Distributori Automatici, produttori di macchine Vending & OCS, fornitori di caffè, bevande ed alimenti per il settore DA si consiglia di scaricare GRATIS la GuidaOnLine Vending & OCS

Il gruppo emiliano, il secondo più grande gruppo del vending in Italia, attualmente controllato dalle finanziarie Motion Private Equity e finanziato da Kkr, ha chiuso  il primo bilancio consolidato con la nuova data di fine esercizio al 30 settembre con 148,3 milioni di ricavi (dato quindi relativo a 9 mesi), che si confronta con i 191,4 milioni dei 12 mesi del 2014), un ebitda di 34,6 milioni (da 43,6 milioni) e un utile netto di un milione (da una perdita di 2,5 milioni del 2014) e di una posizione finanziaria netta negativa di 211,1 milioni (da 211,3 milioni).

(Vedi anche: Bilancio 2015 ARGENTA Distribuzione Automatica: ricavi per 148 Mn di euro e ritorno all’utile)

 

Fonte: www.milanofinanza.it/ del 25.05.16