Pinterest LinkedIn

Italian Wine Brands (IWB), il più grande gruppo vinicolo privato italiano, chiude il 2023 con ricavi delle vendite pari a 429 Mio € (in linea con il 2022 pro-forma), un margine operativo lordo di 44 Mio € ed un utile netto di 18,9 Mio €.

 

 

Alessandro Mutinelli, Presidente e AD del Gruppo, dichiara: “è con grande soddisfazione che presento questo bilancio, che cresce in marginalità e generazione di cassa rispetto all’anno precedente. Questo risultato assume ancora maggior valore, se confrontato con l’andamento generale del mercato, che ha registrato una contrazione dei volumi spediti a causa della ridotta capacità di spesa dei consumatori finali. L’adjusted Ebitda ha superato per la prima volta nella storia di IWB la soglia dei 44 M €, con una crescita del 19% rispetto all’esercizio precedente. La posizione finanziaria netta bancaria è migliorata da 122 M € a 96 M €. Nel 2023 abbiamo posto anche le basi per la razionalizzazione della struttura societaria del gruppo, partita il primo gennaio 2024, con una riduzione a sole due società operative italiane. L’obiettivo è quello di avere un gruppo snello ed efficiente, che sappia rispondere tempestivamente al mercato, con qualità e servizio, valorizzando le proprie persone e gli asset. Abbiamo anche investito in sostenibilità ambientale, con due nuovi impianti fotovoltaici che consentiranno di autoprodurre in maniera pulita circa 1/3 del fabbisogno energetico del gruppo. Il gruppo IWB è oggi ampiamente diversificato: esporta in oltre 80 Paesi, è presente sia nel canale moderno sia in quello della ristorazione (off-trade e on-trade), vende direttamente al consumatore finale con una propria piattaforma online, ha brands propri che coprono diverse fasce di prezzo.”

 

Ricevi le ultime notizie! Iscriviti alla Newsletter


 

Italian Wine Brands S.p.A. si conferma quale primo Gruppo italiano quotato del vino consolidando nel 2023  il fatturato Euro 429,1 milioni. A livello di mercati di riferimento, IWB realizza il suo volume d’affari prevalentemente e in misura crescente con clienti esteri, sia per propria vocazione storica che per la determinazione e l’intuizione di cogliere importanti opportunità di crescita, che si confermano prevalentemente fuori dall’Italia, anche trainate dall’onda lunga di una emergente clientela internazionale consapevole e desiderosa di uno stile di vita che abbracci il consumo di rinomate eccellenze come il vino italiano, in un ampio ventaglio di referenze riconoscibili, di qualità e accessibili.

I ricavi evidenziano infatti un ulteriore rafforzamento del Gruppo sui mercati internazionali, dove sono state realizzate vendite per Euro 361,5 milioni (+1,7% rispetto ai ricavi 2022 pro-forma). L’incremento è stato ottenuto per effetto dell’ulteriore penetrazione sia sui mercati di riferimento sia in nuove realtà geografiche a conferma che, anche in un contesto di mercato non favorevole, IWB viene riconosciuta quale partner di riferimento per -i) la qualità e l’ampiezza del portafoglio prodotti -(ii) la solida presenza capillare sul mercato -(iii) la qualità e l’affidabilità dei servizi in particolare dalla clientela Wholesale e Ho.re.ca. In un mercato complesso, che ha visto l’export dei vini italiani nel mondo Registrare un decremento del 4,4% a volume e del 7,3% a valore,

 

 

La forza commerciale e la capacità produttiva del Gruppo sono cresciute progressivamente anche grazie alle acquisizioni, hanno garantito una maggiore diversificazione geografica dei ricavi, contribuendo al rafforzamento in Paesi chiave quali UK (+3,22%), Germania (+4%) ed in particolare negli Stati Uniti, primo mercato estero di destinazione per il vino italiano, dove il Gruppo ha realizzato un +28,2% e che rappresenta prospetticamente uno dei principali driver di crescita. A questo si aggiunge la progressiva penetrazione a doppia cifra nei mercati emergenti (ricavi +17,1% rispetto ai ricavi 2022) che già oggi costituiscono e sempre più rappresenteranno un bacino di potenziale crescita a supporto di ulteriori incrementi di fatturato nel medio periodo.

La suddivisione dei ricavi di vendita per canali distributivi evidenzia: -(i) un marcato rafforzamento delle vendite attraverso il canale wholesale (ingrosso) che, crescendo in un mercato in contrazione, dimostrano come la forza commerciale e il valore dei brand di IWB riescano a superare le contingenze macroeconomiche e creino le premesse per un ulteriore rafforzamento sul mercato.  In particolare, per i prodotti a più alta marginalità si rileva un riposizionamento del canale distance selling (vendita diretta ai privati) ai livelli pre-pandemici e ricavi più che raddoppiati nell’ ho.re.ca rispetto al 2021, anno di ingresso nel Gruppo in questo canale.

È da segnalare comunque una tenuta delle vendite online, nonostante il ritracciamento del mercato. I ricavi Ho.re.ca, che costituiscono un essenziale completamento del portafoglio canali, sono più che raddoppiati, passando da Euro 25,9 milioni del 2021 a Euro 54,8 milioni del 2023. Tali risultati sono stati raggiunti in particolare grazie all’attività di M&A, che ha accelerato il percorso di ingresso e consentito al Gruppo di posizionarsi su clienti rilevanti già alla fine del periodo post-pandemico nella fase in cui le occasioni di consumo si sono spostate al di fuori dell’ambiente domestico e  di essere al contempo in una situazione estremamente favorevole per acquisire allo stesso tempo nuovi clienti.

La marginalità sul fatturato è cresciuta al 10,23% rispetto all’8,5% del 2022 riportandosi ai livelli del 2021, mentre l’utile netto è cresciuto del 24% a 18,9 Mni € . Il Consiglio di Amministrazione di IWB ha inoltre deliberato di proporre all’Assemblea la distribuzione di un dividendo unitario a valere sul bilancio 2023 pari a euro 0,5 per ciascuna azione che ne avrà diritto.

ITALIAN WINE BRANDS SPA (IWB)

IWB è il più grande gruppo vinicolo privato italiano, il primo ad essere quotato alla borsa valori di Milano. Produce vini di qualità, selezionando le aree viticole più preziose d’Italia, e li distribuisce su scala globale nei diversi canali di vendita: online, grande distribuzione, Horeca. Il gruppo produce vini dal 1900, raccogliendo la materia prima da una solida rete di conferitori, secondo rigidi protocolli di qualità garantiti dall’attenzione costante dei propri enologi. Le produzioni si ispirano al meglio della tradizione vinicola italiana con centri di produzione e imbottigliamento in varie regioni d’Italia: – Alba (CN), – Bardolino (VR),–  Montebello Vicentino (VI) –  Cetona (SI) – Torricella (TA). IWB ha chiuso il 2023 con un fatturato di 429 Mni €, con una produzione di 180 Mni di bottiglie.

+info: www.italianwinebrands.it

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

cinque × cinque =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina