Pinterest LinkedIn

Le preoccupazioni per la sostenibilità sono generalmente aumentate tra i bevitori di vino nell’ultimo anno, il che si è tradotto in un crescente interesse dei consumatori per i vini alternativi, soprattutto negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Freepik

Gli ultimi risultati del monitoraggio continuo di IWSR per l’interesse e l’atteggiamento dei consumatori nei confronti dei vini biologici, naturali e altri vini alternativi (come Fairtrade, biodinamici, a zero emissioni di carbonio, senza solfati e infusi di cannabis) mostrano che il vino naturale offre alcune delle maggiori opportunità per i produttori di vino, anche se il significato di “naturale” varia tra i consumatori.

La percezione generale del vino naturale come più sano, meno dannoso per l’ambiente, migliore da gustare e di maggiore qualità sono fondamentali per il suo successo. Anche se la definizione tecnica di vino “naturale” spesso non è ben compresa dai consumatori, le associazioni positive della parola fanno sì che sia ancora un attributo ricercato. In effetti, nell’ambito del monitoraggio continuo dell’IWSR sugli atteggiamenti dei consumatori nei confronti delle etichette del vino, i risultati mostrano che un’etichetta di bottiglia di vino incentrata sul “vino naturale” continua ad essere tra le affermazioni che influenzano maggiormente i consumatori di vino.

Mentre i vini naturali sono spesso associati all’essere “meno lavorati”, i consumatori percepiscono i vini sostenibili come migliori per l’ambiente e più eticamente responsabili. Negli Stati Uniti e nel Regno Unito, la percentuale di bevitori abituali di vino disposti a pagare di più per il vino sostenibile è aumentata significativamente tra il 2021 e il 2022. Quasi la metà (46%) dei bevitori abituali di vino negli Stati Uniti afferma inoltre che sceglierà sempre un vino sostenibile quando gli verrà data la possibilità di scegliere. Nel Regno Unito, i consumatori con un elevato impegno sulla sostenibilità hanno maggiori probabilità di essere millennial. Negli Stati Uniti, gli uomini, i millennial e la Gen X sono i principali acquirenti della maggior parte dei tipi di vino alternativi.

I vini biologici hanno mostrato una crescita positiva dei volumi nella maggior parte dei mercati: a livello globale, i vini biologici sono cresciuti del +5% CAGR in volume, 2017-2022. In molti mercati, il segmento dei vini biologici sta mostrando una crescita, mentre il mercato dei vini fermi non biologici mostra una performance in calo o piatta. Negli Stati Uniti, ad esempio, i volumi di vino biologico sono cresciuti del +7%, CAGR in volume, 2017-2022, mentre il segmento non biologico è in calo di lungo periodo. Una tendenza simile può essere osservata nel Regno Unito, dove i volumi di vino biologico sono cresciuti a un CAGR del +6%, 2017-2022.

I consumatori di vino in tutti i mercati generalmente considerano il vino biologico come il tipo di vino alternativo più costoso, anche se questo varia da regione a regione. I bevitori di vino europei e nordamericani associano il vino biologico in modo più forte a prezzi più elevati, mentre i consumatori di vino asiatici si concentrano maggiormente sulle qualità del prodotto, come un minor numero di additivi o una minore lavorazione.

La preoccupazione per i prodotti modificati o trasformati è un tema generale tra i consumatori asiatici ed è uno dei motivi per cui la Cina si distingue come uno dei mercati potenziali più forti per la maggior parte dei vini alternativi.

I bevitori di vino cinesi hanno maggiori probabilità di essere benestanti, alla moda e alla ricerca di opzioni di cibi e bevande salutari e che migliorano il benessere in generale. Nel 2022, la Cina è entrata nel nostro Global Opportunity Index for Alternative Wines al primo posto per il vino biologico e al secondo posto sia per i vini prodotti in modo sostenibile che per i vini naturali. Nel 2023, la Cina si colloca al primo posto per tutte e tre le tipologie di vino. Questo si riflette anche nei dati di mercato: il mercato del vino biologico in Cina, ad esempio, è cresciuto del +8% CAGR in volume, 2017-2022.

Ricevi le ultime notizie! Iscriviti alla Newsletter


Guardando al futuro, l’aumento del costo della vita in molti mercati potrebbe rappresentare una minaccia per il segmento del vino alternativo, che è spesso percepito come più costoso ma non è sempre associato a una qualità superiore o a un gusto migliore. Anche la consapevolezza generale per un’ampia gamma di tipi di vino alternativi rimane bassa, limitando probabilmente il potenziale di crescita della categoria. Tuttavia, le etichette dei vini possono aiutare a sfruttare l’interesse dei consumatori per i vini sostenibili: in Australia, Cina, Stati Uniti e Regno Unito, ad esempio, oltre la metà di tutti i bevitori abituali di vino si fida della sostenibilità dei vini solo se mostrano una certificazione ufficiale.

FONTE: www.theiwsr.com/

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

17 − quindici =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina