Pinterest LinkedIn

Paolo Fontana, il nuovo amministratore delegato della storica azienda piemontese, ha di recente illustrato alla stampa le linee guida di una complessa strategia di rinnovo e riposizionamento aziendale, intesa ad assicurare un migliore equilibrio alla struttura finanziaria e produttiva dell’azienda e a dare più forza alla sua capacità di competere sul mercato. Focalizzazione sul business degli spumanti e aperitivi, ricapitalizzazione dell’azienda e rebranding sono le direttrici di fondo su cui il gruppo intende impegnarsi.


La società negli ultimi anni ha evidenziato dei flussi economici negativi che hanno anche indebolito il rapporto capitale proprio/ indebitamento. Tra il 2004 ei 2007 sono state cumulate perdite di esercizio per ca. 9,6 mio euro. Contestualmente il capitale proprio si è ridotto a 20 mio euro a fine 2007, mentre l’indebitamento si è portato ad oltre 40 mio euro. Il fatturato nel 2007 si è mantenuto grosso modo allo stesso livello del 2006 (109 mio euro). Di fronte a questa situazione la famiglia Gancia, proprietaria dell’azienda, ha inserito come amministratore delegato un manager esterno (per l’appunto Paolo Fontana) con il mandato di pianificare e attuare tutti gli interventi necessari per il rilancio della società.

Si procederà innanzitutto alla semplificazione della struttura del gruppo attraverso la fusione fra la Gancia Spa (la capogruppo controllante che sparirà) e la Fratelli Gancia Spa (la società operativa). I marchi, che erano in capo alla capo-gruppo, verranno trasferiti alla Fratelli Gancia, ma senza voler far emergere plusvalenze. Questa decisione sarà avallata nella prossima assemblea del 10 nov. p.v.. Inoltre la famiglia ha espresso la propria disponibilità a sottoscrivere un aumento del capitale sociale tra gli 8 e i 10 mio euro, consentendo in tal modo di riequilibrare il rapporto capitale proprio/indebitamento e ponendo le premesse per rinegoziare con il sistema bancario la trasformazione di parte dei debiti a breve in debiti a medio-lungo termine

La revisone strategica punta a focalizzare le attenzioni e le risorse della società sui business degli spumanti e degli aperitivi (45% del fatturato) dove più interessanti e sinergiche appaiono le prospettive e su cui, in ogni caso, l’azienda è in grado di esprimere una più eccellente capacità di gestione produttiva e di mercato. Si tenderà quindi a dismettere il business dei vini (10% del giro d’affari totale), su cui sono state impiegate molte risorse aziendali ma i cui i risultati sono stati inferiori alle aspettative. Sarà anche rivisitato il business della distribuzione di marchi di terzi (45% del fatturato) che riguarda fondamentalmente il settore degli spirits con marchi di rilievo quali Macallan per il whiskey, Sauza per la tequila, Larios per il gin e Remy Martin per il cognac.

Oggi i ricavi sono ottenuti per l’80% in Italia e solo per il 20% all’estero. La nuova strategia commerciale punta a rovesciare questo mix sviluppando notevolmente le attività estere, in particolare in Paesi come la Russia, la Cina, la Corea e gli Stati Uniti, dove sono in aumento i consumi di spumante e di bevande a basso contenuto alcolico. Asse centrale delle manovre di riposizionamento sarà anche la destagionalizzazione dei momenti di consumo, un concetto che sarà trasmesso al consumatore con un logo rinnovato e con un nuovo claim, ‘It’s Gancia time’, in grado anche di comunicare con maggiore forza la vocazione internazionale dell’azienda

Fonti: il sole 24 ore e pubblicità italia del 30 ottobre 2008 –

INFOFLASH su GANCIA
La Fratelli Gancia è stata fondata a Canelli (Asti) nel 1850 da Carlo Gancia che produsse il primo spumante italiano. L’azienda piemontese è sempre rimasta sotto il controllo della famiglia Gancia; a presiedere l’azienda c’è oggi la quinta generazione di casa Gancia, rappresentata da Edoardo, Lamberto e Massimiliano Vallarino Gancia. I suoi 130 dipendenti concorrono a produrre annualmente circa 20 milioni di bottiglie che finiscono all’estero per il 20%, con un giro d’affari che nel 2007 ha superato i 109 milioni di euro. L’azienda si pone sul mercato con un portfolio di prodotti che comprendono: i rinomati spumanti Gancia (Pinot di Pinot, Asti Docg, Brut, Prosecco, Brachetto d’Acqui Docg, Moscato d’Asti Docg, Grand Reale, Rosso), le specialità (Vermuth, Americano, Grappe, Barolo chinato), i vini di Cantina Gancia , i vini frizzanti Domini Solari ed i vini Castello di Bolgheri. I vigneti controllati sono circa 2.000 ettari. La società inoltre commercializza in Italia prestigiosi marchi esteri nel settore degli spirits  
+INFO: www.gancia.it

Se volete ricevere con regolarità la segnalazione di tutte le nostre news sul settore del beverage, iscrivetevi gratuitamente alla nostra bevernews. –> ISCRIZIONE

LE ALTRE BEVERNEWS DELLA SEZIONE: —-> wine & spirits

LE ALTRE DOCUMENTI DELLA SEZIONE: —-> wine & spirits

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Sanbittèr Frizz Sanpellegrino: Tutti i colori dell'Aperitivo

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Scrivi un commento

due × due =