Rubrica

Alfabeto delle Bollicine

Rubrica

© Beverfood.com Edizioni Srl

La domanda è sempre la stessa in questo periodo: cosa si beve durante le feste? Amici, parenti e conoscenti spesso mi sottopongono questo quesito, ma la mia risposta più che sul cosa spesso verte sul come bere. Si beve bene e responsabilmente, rigorosamente bollicine. Da questo assunto è nato quasi per gioco il nostro Alfabeto delle Bollicine, che vuole dare una panoramica trasversale, un consiglio anche last minute a chi si trova in dubbio su cosa stappare tra Natale e Capodanno o sul vino da regalare. Già trasversale, perché a noi di Beverfood.com piace parlare a una platea vasta, qui non troverete dei talebani di un metodo piuttosto che detrattori di alcune denominazioni, ma solo un elenco di bollicine che abbiamo testato e raccontato durante il 2019, sempre in ordine alfabetico. Tanto Champagne, perché noblesse oblige, rimane sempre il punto di riferimento in fatto di qualità, anche per noi italiani che siamo sempre stati un popolo di importatori di bollicine francesi. Per rimanere in casa nostra un viaggio dall’Alta Langa al Trento Doc passando per la Franciacorta all’Oltrepò Pavese, senza dimenticare alcune esperienze di spumantizzazione in territori che si prestano, come Valle d’Aosta, Emilia, Toscana, Puglia e Sardegna. Non può mancare il Prosecco con un marchio storico, mentre dal mondo arrivano esperienze interessanti, con i Cremant d’Alsazia, sparkling dall’Ungheria, dalla Napa Valley e dell’Australia. Non rimane che leggere il nostro alfabeto delle bollicine e farsi guidare dalla lettera che preferite. Cin cin!!

Datemi una lettera e vi darò la bollicina giusta per le feste. Non scherziamo, l’alfabeto delle bollicine è una cosa seria, magari la prossima volta potremmo organizzare qualche cosa in diretta e dare i numeri, ops volevo dire le lettere, per creare l’alfabeto delle bollicine. Una mini guida di consigli per brindare durante le feste. Vini conosciuti, altri meno, per darvi qualche consiglio utile per pasteggiare e brindare alla grande. Dal prossimo anno potrebbero essere i lettori di Beverfood.com a decidere i vini da stappare, ma questo giro funziona ancora così, i nomi delle bocce scelte li diamo noi. Vini che abbiamo assaggiato e riassaggiato, vini che hanno avuto un significato particolare in questo 2018, perché legati a una storia, un anniversario, una nascita. Vini che vi vogliamo raccontare, in questo alfabeto c’è tanto Champagne, perché quando parliamo di bollicine la scelta va spesso in quella zona di Francia che ci affascina, ma non solo, abbiamo anche una buona rappresentazione dell’Italia, dalla Franciacorta al Trento Doc, oltre a delle chicche dal mondo da scoprire, tra Cava, Sud Africa e Israele. Trovate la lettera con la bollicina che fa per voi.

Eccoci qua. Natale e festività ormai alle porte, con tutto il carico del periodo. Ansia da regalo, stress da preparazione in cucina, la maggior parte degli italiani predilige il focolare domestico. Vigilia, pranzo di Natale, veglione di Capodanno, la domanda rimane d’obbligo. Che cosa si beve? Considerato che buona parte della nostra popolazione fatica a distinguere un metodo classico da uno charmat, se non volete chiedere un consiglio all’amico esperto di tuttologia, abbiamo pensato di fare un gioco.