Pinterest LinkedIn

AB InBev ha annunciato la sua intenzione di ridurre la sua forza lavoro negli Stati Uniti tagliando centinaia di posti di lavoro nei suoi uffici. I tagli di posti di lavoro rappresenteranno comunque meno del 2% dei circa 18.000 dipendenti negli Stati Uniti. La società non ha rivelato i motivi specifici alla base dei tagli di posti di lavoro.

 

Guidaonline Birre & Birre 2024 con oltre 1600 marchi di birra. Scarica Ora il pdf gratuito!!!

 

La decisione arriva sulla scia del forte calo delle vendite del suo marchio di punta, Bud Light, a seguito di un boicottaggio da parte dei consumatori. Il calo delle vendite di Bud Light, storicamente il marchio di birra più venduto negli Stati Uniti, può essere attribuito a una controversa campagna di marketing che ha coinvolto la personalità transgender dei social media, Dylan Mulvaney. La promozione ha suscitato critiche e ha portato a boicottaggi, inclusa la recente disapprovazione del governatore della Florida Ron DeSantis .

cfr  Bud Light: vendite diminuite del 17% dopo la partnership con l’attivista transgender Dylan Mulvaney

Brendan Whitworth, CEO dell’attività nordamericana di AB InBev, ha affermato che sebbene tali decisioni non vengano mai prese alla leggera, sono essenziali per garantire il successo a lungo termine dell’organizzazione.

Fonte: www.inside.beer

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter


Annuario Birra Birritalia beverfood

Scrivi un commento

10 − nove =

Per continuare disattiva l'AD Block

La pubblicità è fondamentale per il nostro sostentamento e ci permette di mantenere gratuiti i contenuti del nostro sito.
Se hai disattivato l'AD Block e vedi ancora questo messaggio ricarica la pagina