Beverfood.com
| Categoria Notizie Distillati, Liquori, Vino | 2789 letture

Bilancio PERNOD RICARD esercizio 2013/2014: calo delle vendite ma profitti in crescita

Pernod-Ricard logo

Profitti Ramazzotti Pernod Ricard Ricard Spirits Pernod Vendite Bilancio

Le vendite per l’esercizio finanziario 2013/14 sono state pari a €7.945 milioni, sostanzialmente stabili, se si escludono gli effetti legati alla struttura del Gruppo e alle valute. La riduzione delle vendite è stata del 7% per effetto dell’elevato cambio sfavorevole. Le vendite sono state influenzate negativamente dal mercato cinese (-23%), mentre sono cresciute del 2% sia in Europa che in America. La Top 14 marche principali del gruppo ha visto un calo del 2% dovuto ad una lieve riduzione dei volumi e al mix sfavorevole (decrescita di Martell in Cina). Tuttavia, malgrado il difficile momento del mercato, il prezzo è rimasto solido a + 2%. Va evidenziato il buon andamento dei Key Local Brands (+4%), supportato dai prezzi positivi. Il Mix è stato negativo.

Catering Ristorazione Databank excel xls csv Dati Indirizzi e-mail Aziende Beverage Bevande Tabella Campi records
Annuari Distribuzione Alimentare Catering Ingrosso Alimentare Italia Europa Agra Editrice
Grazie allo stretto controllo delle risorse avviato, il tasso di margine operativo è aumentato complessivamente 52 bps; si tratta dell’aumento più rilevante in quattro anni. Di conseguenza, l’utile operativo ha registrato una crescita complessiva del +2% (pari a 2.056 milioni di Euro). I risultati hanno risentito dell’effetto sfavorevole dei cambi (-199 milioni di Euro sull’utile operativo, pari a un calo del 8%, come già specificato). Gli oneri finanziari netti derivanti dalle operazioni ricorrenti sono stati pari a 98 milioni di Euro per effetto della significativa riduzione del costo del debito del 4,6% (rispetto al 5,3% relativo all’anno finanziario 2012/13). La quota del utile operativo netto del Gruppo è diminuita del 3%. Il calo è inferiore rispetto alla diminuzione registrata dall’utile operativo per effetto della forte riduzione degli oneri finanziari e alla stabilizzazione del tasso di imposte sul reddito. Complessivamente è cresciuto del + 9%. A fine giugno l’indebitamento netto è sceso a €8.4 miliardi con una riduzione pari a €374 milioni.

Pierre Pringuet, Chief Executive Officer di Pernod Ricard, ha dichiarato: “Nonostante uno scenario più difficile del previsto, abbiamo raggiunto le linee guida prefissate lo scorso febbraio con il progetto Allegro; un risultato che conferma l’impegno di tutti, che vorrei elogiare. Siamo fortemente impegnati in questo progetto di efficienza operativa che ci permetterà di massimizzare la nostra crescita futura generando anche un risparmio di 150 milioni di Euro.” Alexandre Ricard, Deputy CEO e Chief Operating Officer, ha aggiunto: “In questo contesto comunque impegnativo siamo fiduciosi e contiamo di ottenere un graduale miglioramento nella crescita delle vendite e di aumentare gli investimenti sui nostri marchi e sulle innovazioni prioritarie volte a sostenere la crescita nel lungo periodo.”

 

INFOFLASH/PERNOD RICARD 

Pernod Ricard, quotato alla borsa di Parigi, è nato dalla fusione delle società Pernod e Ricard avvenuta nel 1975. Impiega circa 18.000 persone in 80 filiali nel mondo e possiede 96 siti produttivi. Co-leader a livello mondiale nel settore wine & spirits con un fatturato di 7.945 milioni di Euro nell’esercizio 2013/14, il Gruppo detiene un portafoglio di marchi prestigiosi: Absolut Vodka, Ramazzotti, Havana Club, Chivas Regal, Wyborowa, Ballantine’s, The Glenlivet, Jameson, Ricard, Malibu, Martell, Beefeater, Kahlúa, Jacob’s Creek, Montana, G.H. Mumm, Perrier-Jouët. Pernod Ricard è fortemente impegnata per una politica di sviluppo sostenibile e incoraggia il consumo responsabile. La strategia e l’ambizione di Pernod Ricard si basano su 3 valori chiave che guidano la sua espansione: spirito imprenditoriale, fiducia reciproca e un forte senso etico. La filiale italiana, Pernod Ricard Italia è il risultato dell’evoluzione e trasformazione delle Distillerie Fratelli Ramazzotti, un’azienda fondata nel 1815 e cresciuta costantemente fino a diventare tra i leader sul mercato italiano.

 

Per ulteriori Informazioni:
Ufficio stampa Pernod Ricard Italia
ilaria.selvaggini@closetomedia.itfrancesca.pollio@closetomedia.it www.pernodricard.com

+ COMMENTI (0)

Limoncello Pallini - premiato dai consumatori al Quality Award 2019 - inimitabile qualità italiana da 140 anni

Resta sempre aggiornato! Iscriviti alla Newsletter

Profitti Pernod Ricard Ricard Pernod Bilancio Spirits Vendite Ramazzotti

Tags/Argomenti: , ,

ARTICOLI COLLEGATI:

GinArte e Roberto Cavalli Vodka, gli spirits firmati Cavalli. Intervista a Christian Sanna

GinArte e Roberto Cavalli Vodka, gli spirits firmati Cavalli. Intervista a Christian Sanna

13/08/2019 - Un viaggio tra arte e distillati, questo è "GinArte". Molto più di un semplice gin, ma piuttosto una filosofia, uno stile di vita, un marchio  di qualità che non ha bisog...

“Ginepraio”, il London Dry Gin che parla toscano. Intervista a Enzo Brini

“Ginepraio”, il London Dry Gin che parla toscano. Intervista a Enzo Brini

12/08/2019 - "Ginepraio" è il London Dry Gin che parla toscano. Prelibato frutto della collaborazione tra "Levante Spirits" e "Distillerie Deta", la creazione di Enzo Brini e Fabio Ma...

“Vermouth del Mugello”, sapore di Toscana. Intervista a Lorenzo Gironi

“Vermouth del Mugello”, sapore di Toscana. Intervista a Lorenzo Gironi

11/08/2019 - Dici Toscana, dici spirits e, ormai, non puoi certo non pensare al "Vermouth del Mugello". Un progetto giovane quanto convincente, ambizioso quanto innovativo, e un prodo...

“Winestillery”, la prima Vinstilleria al mondo. Intervista a Enrico Chioccioli Altadonna

“Winestillery”, la prima Vinstilleria al mondo. Intervista a Enrico Chioccioli Altadonna

10/08/2019 - La prima e unica Vinstilleria al mondo, una Winery e una Distillery fuse insieme per creare una nuova chiave di lettura di un prodotto estremamente tradizionale, il vino,...

Pallini presenta Fluère, lo “spirito non alcolico”

Pallini presenta Fluère, lo “spirito non alcolico”

31/07/2019 - Un’opera d’arte creata con la stessa tecnica che i maestri profumieri usano per distillare i profumi. Un’esplosione di botaniche che rilasciano un gusto complesso ...

Dalla blue sky all’agave, i protagonisti di Breaking Bad lanciano il mezcal “Dos Hombres”

Dalla blue sky all’agave, i protagonisti di Breaking Bad lanciano il mezcal “Dos Hombres”

25/07/2019 - Dal cinema al bancone da bar. Dal New Mexico al Messico vero e proprio. Dalla blue sky al mezcal. Questa è la (nuova) storia di Bryan Cranston e Aaron Paul, i due tanto a...

IWSR Report 2018: ridotto il consumo mondiale di alcol, prevista lieve crescita nei prossimi 5 anni

IWSR Report 2018: ridotto il consumo mondiale di alcol, prevista lieve crescita nei prossimi 5 anni

30/05/2019 - Secondo i nuovi dati della fonte di intelligence settoriale IWSR, nel 2018, i volumi di alcolici in tutto il mondo (attraverso tutti i canali) hanno raggiunto 27,6 miliar...

Aggiungi un commento

Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.
Se il commenti appena inviati non appaiono subito, si prega di aggiornare la pagina (tasto F5) per eliminare la precedente cache salvata della pagina.

10 − tre =