Pinterest LinkedIn

© Riproduzione riservata

Mantenimento della biodiversità e conservazione della natura: queste sono solamente due delle svariate ragioni che rendono le api fondamentali per la preservazione degli esseri umani, nonché del pianeta che li ospita. Lo sa bene 3Bee, startup agri-tech di riferimento per la sostenibilità ambientale e sociale nata nel 2017 dall’intuizione di due ricercatori appena rientrati in Italia, che si occupa oggi di sviluppare sistemi intelligenti di monitoraggio e diagnostica proprio per salvaguardare le api.

Con oltre 3.000 apicoltori tecnologici, in Italia e all’estero, 3Bee è scesa infatti concretamente in campo per tutelare le api, limitandone la moria del 30%. Come? I sensori bio-mimetici installati nell’alveare 4.0 Hive Tech, primo dispositivo per la protezione delle api e della biodiversità che le circonda, permettono di monitorarne in qualsiasi momento – direttamente dall’app 3Bee – i parametri biologici: ad esempio, spettro sonoro, peso, temperatura interna/esterna e umidità. Questi dati consentono agli apicoltori di programmare al meglio l’attività e ottimizzarne la gestione.

900 milioni di api sono monitorati ad oggi dalla tecnologia 3Bee. Numeri ben precisi, che spiegano meglio la progressiva e costante crescita della giovane azienda lombarda di Niccolò Calandri e Riccardo Balzaretti, protagonista in questi giorni anche al “Pitti Taste” di Firenze. Dopo il successo del progetto “Adotta un alveare”, che permetteva a tutti di adottare letteralmente l’alveare del loro apicoltore preferito – vicino o lontano da casa – osservandone la vita quotidiana e degustandone ovviamente anche il miele, 3Bee in questi giorni ne ha approfittato per lanciare le sue nuovissime “Box 3Bee”, il primo cofanetto sostenibile per proteggere le api e sostenere gli apicoltori. L’obiettivo è duplice: da una parte si vuole diffondere maggiore consapevolezza sull’importante ruolo delle api e sostenere coi fatti gli apicoltori italiani; dall’altra, portare un’esperienza già apprezzata da più di 100.000 utenti nei negozi fisici. 

Non sorprende che in poche settimane la startup delle api sia riuscita a chiudere accordi con più di 100 negozi, sia piccoli punti vendita indipendenti sia catene come Chico Mendes Altromercato, che ha sposato questo nobile progetto di sostenibilità con i suoi 13 punti vendita. 3Bee aveva già testato il canale offline aprendo a Milano il Temporary Store più sostenibile di sempre lo scorso Natale 2021, una realtà visitata da più di 50.000 persone.

Ma in cosa consiste di preciso una “Box 3Bee”? Il cofanetto include l’adozione di un alveare e contiene al suo interno un libro educativo di 170 pagine che porta alla scoperta di quasi 100 apicoltori tecnologici 3Bee, percorrendo da Nord a Sud l’intera penisola italiana. Il libro contiene anche interessanti curiosità sulle api e una guida di mieli speciali con una selezione di 35 varietà. Con l’acquisto del cofanetto è possibile proteggere fino a 2.000 api e ricevere fino a 1kg di miele direttamente a domicilio. Oltre a questo, con l’adozione si riceve anche il certificato di adozione personalizzato con l’impatto di biodiversità generato e il monitoraggio dell’alveare 4.0 direttamente dall’app 3Bee con aggiornamenti dell’apicoltore, foto e video delle api. 

A 3Bee piacciono da sempre le sfide più difficili e ambiziose, d’altronde in gioco c’è la vita a lungo termine di tutti noi e del nostro pianeta. Per questo motivo il nuovo traguardo auto-imposto della startup è atterrare in oltre 10.000 punti vendita e regalare la protezione delle api a più di 100.000 consumatori offline, salvaguardando attraverso la tecnologia quasi 200 milioni di apiPer diventare un punto vendita associato, maggiori informazioni  sono disponibili cliccando il seguente link: www.3bee.com/beebox.

© Riproduzione riservata

Tu cosa ne pensi? Scrivi un commento (0)

Joybrau - Birra Analcolica Proteica per gli sportivi - 7g e 15g proteine + 3g BCAA

Scrivi un commento

due + 7 =